Poesia Poesia italiana Musa daunia
 

Musa daunia Musa daunia

Musa daunia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


I miei versi sarebbero un invito a tutti a (ri)guardare al mito della poesia come ad un vivo ed attualissimo dialogo con una coscienza personale e morale che si può far finta di ignorare ma non si può sopprimere. Una coscienza personale e morale che rappresenta la salvezza per noi tutti e per una città che ha radici nel mito e che aspetta ancora la promessa rinascita. Vito Lorenzo Dioguardi

Recensione della Redazione QLibri

 
Musa daunia 2013-03-14 17:40:44 cuspide84
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    14 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA MAGIA DEL TAVOLIERE DELLE PUGLIE

Immaginate una bimbetta sul treno con le manine attaccate al finestrino e lo sguardo perso all'orizzonte, alla ricerca di un puntino lontano, un aggroviglio di case, un muraglione, un campanile, tante pale eoliche, un cane e due nonni… fuori dalla porta ad aspettarla…

Immaginate di vedere oltre quel finestrino una distesa infinita di campi coltivati a grano, per lo più bruciati dal sole estivo che non risparmia, nei mesi centrali dell’anno, questa splendida zona d’Italia; immaginate distese di campi dove svettano centinaia di ulivi, da cui iniziano a intravedersi i loro preziosi frutti; da una parte, in lontananza, il Gargano e dall'altra, laggiù, in fondo in fondo, una voluta di fumo che si alza, a indicare l’ennesimo incendio, doloso o meno poco importa: è normale amministrazione in quel territorio; il tutto sovrastato da un immenso cielo azzurro, che solo a guardarlo “ti si apre il cuore”.

Ebbene dopo la lettura di alcune delle poesie presenti in questo libricino, mi sono ritrovata bambina, sul quel treno che mi portava laggiù dai miei adorati nonni, con tutta la speranza, la gioia, la felicità, la fiducia nelle piccole cose, che solo una bambina di pochi anni può avere.

Non ho mai amato particolarmente i libri di poesie, non fanno per me, ma ho trovato un’eccezione in questo libro, in cui oltre a poesie dedicate alla magica terra natia di questo autore (troppo poche per le mie aspettative), vi si trovano versi dedicati anche alla religione e a personaggi illustri dei secoli scorsi.

Scritte in stile semplice e diretto, sono state comprese persino da me, non amante del genere, per cui il mio giudizio non può che essere positivo!

“Certi giorni laggiù il sole ti ferisce di gioia
e senti per l’azzurro l’infinito e profuma
una presenza viva.”

Niente di più vero….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Musa daunia 2013-06-01 05:23:05 LSbt
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LSbt Opinione inserita da LSbt    01 Giugno, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dulcis Apulia

L'amore per la propria terra suscita grandi cose.
In MUSA DAUNIA molte sono le liriche da tenere a mente; in particolare ho amato ISTANTANEE DELLA GIOVINEZZA: "...però ricordo ancora, adesso,/ tante notti in campagna che si spegneva / la brace. Il cielo era graticola e Lorenzo / era l'eternità di un'aria molto viva..."

E poi UN REGALO INATTESO dove la campagna pugliese ritorna, trasfigurata però nella luce di uno sguardo indimenticato, indimenticabile. Il refrain della poesia è la preghiera del poeta, accesa, palpitante per una presenza cara, un nome da benedire al cospetto degli angeli e per cui invocare incessantemente "il Sole".

Infine il trittico romano: notevole, considerate le origini foggiane dell'autore.
E' come se Vito si fosse calato totalmente nella bellezza abbagliante dell'Urbe e, cittadino onorario, fosse riuscito a coglierne l'intima essenza, l'"eternità inzuccherata" che fa rinascere gli amanti della Grande Storia, della "Grande Bellezza" per rifarsi alla pellicola di Sorrentino presente in questi giorni nelle sale italiane.

A tutti parla una Musa. La musa di Vito è ariste e raspi del Tavoliere, è il sole antico e sempre nuovo di Roma, è la fede decisa e testimoniata in liriche che non amano i mezzi termini ("Sindone", "Veramore", "Morale cristiana"...), una fede che è essa stessa canto e fonte di canto ("Cristo è come una bella dolce poesia").
E', infine, nostalgia dell'esilio: "amici non ho più se non disseminati / come gli Apostoli dalle montagne al mare..."

MUSA DAUNIA è un dolce omaggio alla Puglia, e molto altro.
Attendiamo altri canti da questo romantico e giovane professore, sognante cittadino della "Repubblica delle Lettere"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Musa daunia 2013-03-10 20:21:30 Roma
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Roma Opinione inserita da Roma    10 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un piacere per l'anima

Lontano, finalmente, dallo stile barocco che caratterizza (o meglio caratterizzava) sia la narrativa che la poesia, Vito approda ad uno stile che potremmo definire "sabiano" di una semplicità ed immediatezza che esprimono al meglio le difficoltà e le complicazioni della vita.

Diversi gli omaggi ad alcuni personaggi che sono e sono stati determinanti nell'universo dell'autore, dalle figure anonime ai grandi della Storia; interessante anche la sua geografia interiore fatta di luoghi reali e non, che rendono questa silloge un piccolo scrigno di ricordi, sogni e speranze.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Saba, Luzi, Penna... e vuole regalarsi un attimo di pace e silenzio.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri