Poesia Poesia italiana Presenze e Assenze
 

Presenze e Assenze Presenze e Assenze

Presenze e Assenze

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Il termine "presenze" dovrebbe introdurre, come solitamente avviene, sentimenti legati al senso, al cuore; le "assenze" viceversa interessano, generalmente, la mente, la memoria; non è detto che non giungano al cuore, ma lo fanno, come si dice, per vie traverse, con un percorso più articolato, più vissuto e sofferto" (Arnaldo Colombo).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Presenze e Assenze 2008-09-09 07:34:46 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    09 Settembre, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La sua poesia è una luce nel buio

Presenze e Assenze è l’ultima opera poetica di Davide Vaccino, autore dai toni pessimistici, dai versi velati di una tristezza che sembra emergere dall’oceano dell’animo come una nebbia che impregna i versi e poco a poco avvolge il lettore. Ma forse non è tristezza, almeno come normalmente l’intendiamo, bensì un’intensa angoscia che riverbera nelle parole, nel fluttuare del discorso, un’esplosione che solo all’apparenza è liberatoria, ma che poi rifluisce implacabile donde è venuta.

Ma che cosa s’intende per Presenze e per Assenze? Ho girato la domanda all’autore nel corso di un’intervista e lui è stato ampiamente chiarificatore, intendendo per presenze quei punti fermi su cui si può contare, come le convinzioni, gli ideali sociali e politici, l’amore per chi è a noi vicino. Le assenze sono invece ciò che si è perso, i rimpianti, le persone che sono scomparse per sempre dalla nostra vita.

Così, frutto di un gravoso meditato lavoro, le poesie di questa silloge si snodano lungo questo percorso tematico, impervie vette della creatività che s’affacciano al mondo, trasognate immagini di una realtà interiore che vogliono dialogare con il lettore.

In questo gioco, se così si può chiamarlo, di presenze e di assenze il poeta è testimone di un dipanarsi di grovigli che si linearizzano nel verso, mantenendo l’originaria curvatura, gomitoli di pensiero che s’infrangono sullo scoglio del tempo schiumando dimensioni cerebrali di una spinta interiore.

ANIMA



Anima,

fin che tu puoi,

resta.



Le parole

non contano:

passano.



Le idee

non bastano:

cambiano.



Le illusioni

non servono:

ingannano.



Anima,

fin che tu puoi,

resta.



Come il profumo

dei fiori.



L’anima, una presenza silente, una compagna fedele che dona all’uomo la capacità di sentirsi vivo, di sublimare concetti trascendendo la pura materialità dell’esistenza, accogliendo in sé le nostre sensazioni, le emozioni, trasformandole in un patrimonio inalienabile.



In queste liriche l’aspetto figurativo ha la funzione non tanto di stupire, ma di esteriorizzare il concetto, di trasformare lo spirito in materia fruibile.





LE FARFALLE



Palpiti di Vita

in lembi di cielo,

simili a fiori

che sanno volare.



Come i sogni,

le farfalle,

sono i sospiri

dell’Infinito.





Ma in queste presenze e assenze non c’è solo l’intelletto creativo di Davide Vaccino.

Comunque si leggano queste poesie si ritrova un po’ del mondo di ognuno di noi, perché universali sono questi punti fermi, come ciò che abbiamo perso, e in questo sta il grande pregio della silloge, nel richiamare alla nostra attenzione ciò che abbiamo e ciò che non teniamo più, elementi che nella frenetica corsa del mondo troppo presto dimentichiamo.

Davide Vaccino sembra invitarci a soffermarci, a riflettere, per accorgerci che, nonostante tutto, il nostro percorso è lastricato da presenze ed assenze, un patrimonio solo nostro e che ci dà la misura di vivere.

Se il poeta è permeato di pessimismo lascia tuttavia aperta la porta a una speranza, a una consapevolezza di esistenza che sta solo a noi cogliere affinché il tempo non trascorra invano.

Da leggere, rileggere, da riflettere, da guardare in noi, una silloge che è una luce nel buio di coscienze sopite, di anime inascoltate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fiori e fulmini, di Cristina Bove - Edizioni Il Foglio;<br />
Il respiro della luna, di Cristina Bove - Edizioni Il Foglio;<br />
Canti celtici, di Renzo Montagnoli - Edizioni Il Foglio;<br />
Il cerchio infinito, di Renzo Montagnoli - Edizioni Il Foglio
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri