Poesia Poesia italiana Quadro imperfetto
 

Quadro imperfetto Quadro imperfetto

Quadro imperfetto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


"Resto donna di scogliera fiore di cisto selvatico nel taglio del vento nel segno del sale. Aperta agli azzurri senza nome alla ruota del sole alla gioia della terra."

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quadro imperfetto 2019-02-15 16:46:38 Laura V.
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    15 Febbraio, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Resto donna di scogliera”

È poesia di vento e di mare, d'attesa e solitudine antica quella che prende vita tra le pagine dell'ultima raccolta poetica di Stefania Onidi, “Quadro imperfetto”, bellissima silloge pubblicata sul finire dello scorso anno da Bertoni Editore di Perugia; impreziosiscono il libro numerose illustrazioni della stessa autrice, apprezzata artista anche in ambito pittorico.
Come innumerevoli fili di una tela, i versi s'intrecciano l'un l'altro componendo un legame d'amore che interroga l'onda e la “rabbia azzurra” che s'infrangono a riva, così come i profondi silenzi che scavano nell'anima.

“Dal centro del mio silenzio nasce il filo./ Seme sonoro di tessitura/ leggera. Io canto. Io accolgo.” (da “La domanda”)

Una scrittura intrisa di sorprendente sensualità e grande fascino, estremamente intimistica, questa della Onidi, che inizia ben presto a evocare terracquee atmosfere mediterranee, ribadite in chiusura dell'opera dalla suggestiva lirica intitolata “Identità”:

“Resto donna di scogliera/ fiore di cisto selvatico/ nel taglio del vento/ nel segno del sale./ Aperta agli azzurri senza nome/ alla ruota del sole/ alla gioia lenta della terra.”

Scorre fluente la penna dell'autrice, tra apnee necessarie e notti insonni che scendono come castighi, dando voce a sogni, speranze, illusioni di una donna che cerca di sopravvivere al dolore di un'assenza e che tesse, come una nuova Penelope, una tela destinata a restare incompiuta.

“Questa tela non vedrà la fine/ rimarrà incompiuta. Il telaio è morto./ […] Ho sempre ignorato le tue rotte/ non ho mai saputo di Circe o Calipso/ ho sempre guardato le mie mani, vuote di te,/ e di quel tuo nome sconosciuto ho ricamato/ il ricordo.” (da “La versione di Penelope”)

Echi di mito, in dosate e seducenti sfumature, si ritrovano tra i versi che inseguono il vento o che esplodono lenti nella solitudine del talamo, mentre la parola aiuta a tenere in vita l'inconsistenza di un nome che si fa polvere nel vuoto di un piatto e ad approdare, seguendo la corrente di un pensieroso mare, all'agognata carne dalle carezze non date. Una Penelope, tuttavia, a poco a poco non più in trepidante e speranzosa attesa che giungano notizie dall'azzurro orizzonte d'acqua, ma infine determinata, dopo aver assaporato l'amarezza della disillusione, a lasciar “migrare il tempo” e a liberarsi “dalle scorie” di colui che è assente, poiché se “il viaggio è la sua casa”, non ci sarà ormai più alcun ritorno da aspettare: sofferta e coraggiosa presa di coscienza suggellata dal fermo“Così è deciso” che sembra non ammettere repliche né ripensamenti.

“[...] E qui rimani nel gesto immaginato di un bacio/ nel raggio spettinato del giorno/ che svuota parole e riempie silenzi.” (da “Analisi”)

Pagine di profonda intensità che parlano al cuore di quell'io poetico senza tempo e luogo in cui ci specchiamo tutti, al quale l'incanto della poesia può persino raccontare che, in fondo, l'odissea del viaggio talvolta è quella di chi resta, non sempre quella di chi parte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Possiamo salvare il mondo, prima di cena
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri