Poesia Poesia italiana Tutte le poesie
 

Tutte le poesie Tutte le poesie

Tutte le poesie

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


«La mia poesia va letta insieme, come una poesia sola. Non voglio fare il paragone con la Divina Commedia, ma i miei tre libri li considero come tre cantiche, tre fasi di una vita umana» dichiarò Montale nel 1966; e ancora nel 1977 affermò di aver scritto, in tutta la vita «un solo libro». Quel libro in cui ciascuna delle otto raccolte appare quasi come un capitolo di un'opera unitaria, e trova il suo pieno significato solo all'interno dell'insieme. Dagli Ossi di seppia, del 1925, fino al Quaderno di quattro anni del 1977, oltre alle traduzioni e alle poesie disperse, il volume offre una panoramica completa sulla produzione del poeta che, come nessun altro, ha esercitato un'azione profonda e duratura, ed è stato punto di riferimento costante e protagonista della letteratura di tutto il Novecento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutte le poesie 2017-01-17 09:35:21 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Gennaio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sei lui, ti credi te.

Genovese, classe 1896, Eugenio Montale, ultimo di sei figli, riesce, nonostante gli studi di ragioneria, a coltivare i propri interessi letterari grazie alla frequentazione di biblioteche cittadine nonché assistendo alle lezioni private di filosofia della sorella Marianna. Contrario al Fascismo, Montale sottoscrive nel 1925 il “Manifesto degli intellettuali antifascisti” di Benedetto Croce, consacrando la sua posizione sul movimento dittatoriale non tanto dal punto di vista politico quanto culturale essendo quest’ultimo espressione di un disagio esistenziale e di un sentimento di malessere che trova linfa e animo nella società moderna. Il suo è un antifascismo aristocratico e snobistico intriso di gran pessimismo, pessimismo che si ripercuote e sopravvive anche nella successiva fase della democrazia, quando cioè, l’autore non riesce a si riconoscersi nemmeno nei due grandi partiti di massa e nella società consumista (“La bufera e altro” ne è chiara espressione).
Ed è nella poesia che si manifesta il suo pensiero; essa è infatti lo strumento di testimonianza per eccellenza, il modus operandi con cui la condizione esistenziale dell’uomo moderno può essere espressa; ma poiché tale, non deve essere investita di compiti che non la competono, non si può chiedere alla parola più di quel che è in suo potere, non le si può domandare di aprire a nuovi mondi e a nuove consapevolezze. Il poeta è fortemente influenzato da quella negatività che il novecento ha intrinseca in sé per conflitti e divenire storico, conseguenza di ciò, a differenza di Ungaretti, è l’indefinitezza delle sue idee, emozioni e sensazioni. La sua è una ricerca simbolica con un preciso significato morale. Esalta, ancora, lo stoicismo etico di chi compie il proprio dovere. Attraverso la poesia egli tenta di esprimere la necessità dell’individuo di vivere nel mondo accogliendo senza timore la propria fragilità, incompiutezza, debolezza.
In questa raccolta ritroviamo interamente il pensiero dell’autore, abbiamo modo di conoscere della sua opera andando oltre i più celebri componimenti assaporandone verso dopo verso l’evoluzione che con la maturità raggiunge il genovese stesso. Riviviamo con forza il periodo della guerra, così come, quello della vita che scorre per giungere ad inesorabile conclusione.
E quale miglior modo della poesia stessa per rendere omaggio e giustizia all’opera?

“«Se l’uomo è nella storia non è niente.
La storia è un marché aux puces, non un sistema.»
«Provvidenza e sistema sono tutt’uno
E il Provvidente è l’uomo».
«Dunque è provvidenziale
Anche la pestilenza».
«La peste è il negativo del positivo,
è l’uomo che trasuda il suo contrario».
«Sempre avvolto però nel suo sudario».
«Il sistema ternario
Secerne il male e lo espelle,
mentre il binario se lo porta dietro».
«Ma il ternario lo mette sottovetro
E se vince lo adora».
«Vade retro, Satana!»”

cit. "Dialogo"; Satura I

«[..] Il polipo che insinua
Tentacoli d’inchiostro tra gli scogli
Può servirsi di te. Tu gli appartieni
E non lo sai. Sei lui, ti credi te.»

Cit. Serenata indiana; né La bufera e altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri