Dettagli Recensione

 
Topi
 
Topi 2011-12-14 08:06:46 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    14 Dicembre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il topo e il gatto : due volti o uno solo?

Finalmente un autore esordiente in grado di regalarci la gioia di una buona lettura!
Come spesso accade, ci si avvicina ad un nuovo “volto” letterario con poca fiducia e alquanto prevenuti ( seppur inconsciamente a volte), ed è piacevole, invece, ritrovarsi entusiasti di un'opera che pagina dopo pagina assume colore e sostanza notevoli.

La storia raccontata da Reece è senza dubbio forte, mettendo in gioco problematiche dure ed eventi agghiaccianti. Sulla scena una girandola di situazioni che sembrano sfuggire ad un controllo razionale, causando una mutazione di vita e di pensiero dei personaggi rappresentati.
Sono tante le domande che percorrono il romanzo: può una persona che nasce topo divenire gatto?
Può un soggetto remissivo, che riesce solo a nascondersi e a subire le altrui decisioni, sfoderare tutto ad un tratto grinta o addirittura aggressività? Può una mente “normale” arrivare a pensare di compiere gesti fuori dalla propria portata?
L'autore elabora una risposta stupefacente, avvincente, sconvolgente.
Il lettore, basito e frastornato, viene investito di petto dalla narrazione e calato a tal punto nelle vicende, da percorrere insieme ai protagonisti, il lungo sentiero di quella che potremmo definire FOLLIA o LUCIDA DETERMINAZIONE.
Ottima la caratura psicologica dei personaggi, elemento imprescindibile e basilare per la costruzione di un romanzo di tal genere; tutto è racchiuso nell'anima e nella mente dell'essere umano qua rappresentato. Un universo ostico da comprendere, tenebroso, senza regole, dove tutto può trasformarsi e nulla va dato per scontato.
Lo stile di scrittura scorre rapido ma deciso, a tratti asciutto a tratti corposo, pronto a cogliere, all'occorrenza, le sfumature, i particolari, i pensieri, le ansie, le speranze delle creature nate da questa penna, destinate ad assurgere a simbolo di un'umanità schiva e sottomessa, etichettata come caratterialmente fragile, ma pronta a mostrare l'altra parte di sé in modo imprevedibile.
E' una lettura dal ritmo serrato, destinata ad essere gustata molto velocemente, ma giunti al termine è impossibile esimersi da una profonda riflessione.
Un romanzo audace e pienamente riuscito nell'intento di destare stupore e interesse nel pubblico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Bella recensione, anche a me e' piaciuto !
gio gio 2
14 Dicembre, 2011
Ultimo aggiornamento:
14 Dicembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Semplicemente Perfetta!!!

bravissima (come sempre)!!!

mi fa proprio piacere che ti sia piaciuto!!!
mi auguro che questo autore scriva ancora!!!
Ho il libro da un pò...ma non iniziavo mai a leggerlo...la tua recensione mi piace moltissimo e mi convince a cominciarlo!
Complimenti!!
..a mio parere è un romanzo che si presta a diverse chiavi di lettura.
non è semplicemente un thriller, ma molto di più!

la penso come te, gio, spero che Reece scriva ancora :-)))

Grazie ragazze e buona lettura ad Alessia!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri