Dettagli Recensione

 
Il mambo degli orsi
 
Il mambo degli orsi 2013-04-25 15:21:03 JUNE
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
JUNE Opinione inserita da JUNE    25 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

..e il Tango Nero Più Furbo Del Mondo

Mi impunto,prendo un lazzo e mi avvicino al famigerato nome di Joe R. Lansdale, mi aggiro,non so da dove iniziare,siamo io,lui e l’esposizione dei suoi titoli come tre entità separate quando una lieve brezza mi giunge alle spalle,sento già il vento delle foresta farsi spazio e venirmi a cercare per rapirmi soltanto guardando le copertine. Palle di fieno che svolazzano tra ossa dimenticate,nubi cariche di innondazioni,sorrisi a cui manca un dente che mi stanno già servendo un caffè che sa di benzina.

E mambo degli orsi sia!

Fin dalle prima pagine mi pervade un' irrefrenabile senso cinematografico e comincio ad avvertire quasi un’ondata Tarantiniana che si spalleggia con i Fratelli Coen del grande schermo.
La corposa fisicità dell’ambiente,la predominanza degli elementi atmosferici e la particolarità dei personaggi descritti con un linguaggio incisivo,marcato,impietoso,senza peli sulla lingua e con la brillantezza di chi è viscerale nel crearli,mi avvinghiano nel classico stridio della vicenda a tinte fosche.
E poi giù nel lembo di terra texano,dove la denutrizione di bellezza ha fermato gli esseri umani,ancora più giù in quel luogo che sembra quasi indefinito che é Grovetown,dove il sangue porta l’ossigeno nel corpo e al cervello spinto solo da regole primitive,dove ti devi coprire il naso per la puzza di stantio e ogni viso è quanto di meno rassicurante possa esserci sulla faccia del pianeta mentre il razzismo è suolo predominante.

La sparizione di Florida,bellissima e testarda donna di colore trascinerà questa indimenticabile coppia di dectective Lansdaliani:Hap la parte bianca,piu posata ma testarda e Leonard “il Negro Più Furbo Del Mondo” con il suo sberleffo attaccabrighe, in questo luogo ostico,cupo,putrido che sarà teatro di un corollario di personaggi al limite del grottesco che nutriranno di verve umoristica il presagire del peggio.
Si ha la percezione che Grovetown sia un luogo remoto e che si fa strada per autoproclamarsi tra i padroni di casa,cominciando da chi detta la legge di zona,rappresentata da questa sorta di sceriffo con la fisionomia facciale che ricorda un carlino,gran masticatore di tabacco e affetto da orchite ad uno dei suoi gioielli di famiglia,passando per un gruppo di pseudo Ku Kus Klan con a capo un impomatato e che,a mio avviso, ci starebbe a pennello nel mio immaginario “tardo Tarantiniano”un Christoph Waltz senza pietà,sino alla vecchia matrona della tavola calda che subito dopo la sudditanza nel servirti una ciambella potrebbe puntarti una carabina dritta in fronte se si fa troppo baccano.. e tanti,tanti altri ancora

Si, forse più che il racconto in sé,tra scazzottane da far west e pulp avvenimenti,l’energia di Lansdale è totalmente nella capacità descrittiva,nell’accuratezza comparativa con cui riesce a dare ogni colore ai suoi attori su carta,anche le comparse che sembrerebbero meno servizievoli alla sostanza della vicenda diventano invece strutturalmente essenziali,altre arricchiscono le sfumature quando probabilmente in altre mani diventerebbero assolutamente inchiostro dimenticato.

Lui non trascura nessuno come un grandissimo cesellatore,come chi è e vive la sua storia, la palude,la pioggia incessante e si fa vaso e artigiano di ogni singolo tassello ,solo per questo un artista da incontrare anche se si rimane per un po’ con la vivida sensazione di aver preso un sacco di cazzotti e di aver bevuto un intero stagno mentre si abbozzavano delle risate

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

BRAVISSIMA!! Da incorniciare :))))
In risposta ad un precedente commento
JUNE
26 Aprile, 2013
Ultimo aggiornamento:
26 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
dedicata a te Gracy che mi hai guidato nel Lansdale's world
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
26 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Wow, molto scenografica :-D
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
26 Aprile, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Lansdale's world... wow!
GRAZIE June!! Il merito è di Big Joe!!
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il gioco del killer
Il lungo addio
La mia bottiglia per l'oceano
I ragazzi di Biloxi
La stella del deserto
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Un cuore nero inchiostro
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Fairy Tale
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue