Dettagli Recensione

 
Uccellino del paradiso
 
Uccellino del paradiso 2013-08-30 17:19:42 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    30 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Paradiso infernale

La cosa più interessante della Oates è la straordinaria capacità di mantenere alta la tensione e di trattenere l'attenzione del lettore fissa sulla vicenda. Il modo di scrivere è molto interessante e rende l'idea di una società di persone al limite, che stanno per esplodere, che potrebbero esplodere da un momento all'altro, per le quali la normalità è una specie di paradiso perduto. Rende l'incubo americano che qualcosa di orribile stia per accadere e potrebbe accadere in qualsiasi momento. Nel libro si è in continua attesa di quel momento. Molti personaggi hanno descrizioni cangianti. Ad es. Eddy, il padre dell'io narrante Christa, va dal bravo padre, all'amante quasi tenero, al mostro peloso e mascolino che potrebbe fare del male alla figlia in qualsiasi modo e in qualsiasi momento e che magari ha ucciso l'amante. Ben, fratello di Christa, va dal ragazzino debole al mostro capace di tutto. Oppure il figlio della vittima, Aaron-Krull viene descritto come un ragazzo dalla personalità doppia e fino alla fine della vicenda c'è questa tensione altissima su di lui per cui sembrerebbe un bravo ragazzo timido, uno capace di tutto, un matto, uno schizofrenico a corrente alternata. Potrebbe aver ucciso lui stesso la madre con il suo lato oscuro rimuovendo poi il fatto. I personaggi sono inafferrabili come quelli di un giallo anche se il libro non ha il taglio del giallo e nemmeno del noir ma del romanzo. A me questa inafferrabilità, criticità psichica dei personaggi, il fatto di non poterli conoscere e farmene davvero un'idea dà un po' fastidio. Credo che la tensione continua e la nebulosità psicologica, l'essere al limite della sopportazione (il vaso colmo con la goccia sospesa sopra che sta per cadere) tolga qualcosa all'approfondimento psicologico e alla conoscenza del personaggio. Il calo di tensione finale e la conclusione della vicenda poi non mi soddisfa del tutto. In generale direi che ci sono troppi ormoni e istinti bestiali nell'aria , a scapito del lato più umano che è quello che mi piace di più nelle storie. Comunque il libro è bello, ben scritto e vale la pena di leggerlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Elroy ( ma molto meno pulp). Adatto a chi ama la suspance, e i romanzi non di genere. Questo romanzo riesce a coniugare abbastanza bene queste cose. E' un giallo ma scritto come un romanzo non di genere.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Scrivi proprio bene, bravissimo!
In risposta ad un precedente commento
gracy
31 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Mario, mi fa piacere che apprezzi la Oates, a volte sa essere crudele e urticante, ma la sua bravura in questi contesti è indiscutibile.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
31 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie. Mi incuriosisce quell'età di mezzo. Prima o poi lo prendo. Nelle mie scorte ho la famiglia americana.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri