Dettagli Recensione

 
La verità sul caso Harry Quebert
 
La verità sul caso Harry Quebert 2013-11-10 15:23:17 calzina
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
calzina Opinione inserita da calzina    10 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la scrittura e il dio denaro

Inutile tediarvi con la trama di questo romanzo che penso sia ormai pressochè nota a tutti,vorrei perciò soffermarmi sulle mie impressioni e sensazioni.
Questo autore ha scritto un romanzo capace di ammiccare un po' ad ogni lettore: l’amante dei thriller troverà la tipica sparizione di ragazza con conseguente indagine non priva di colpi di scena; il lettore saltuario troverà sicuramente una lettura ed una scrittura piacevole e scorrevole; il lettore compulsivo/accanito si sentirà toccare nel profondo quando si parlerà delle “regole” per scrivere un romanzo di successo poiché sicuramente almeno una volta nella vita ha sognato lui stesso di scrivere un libro. Il problema però è che si sente benissimo che tutto ciò è stato fatto per vendere quanti più libri possibili.
Tra tutte queste caratteristiche io mi sono persa. Ho perso il vero senso di questo romanzo, ho trovato inappropriato il connubio tra tutti questi aspetti; faccio un semplice esempio: leggiamo lo scatenarsi di una feroce violenza domestica e dopo qualche pagina leggiamo dialoghi grotteschi tra il protagonista di questo romanzo e sua madre, per farvene capire il genere sono gli stessi dialoghi che si possono vedere tra madre e figlio in film-commedia tipo “american pie”. In quei film fanno sicuramente ridere, è una rappresentazione grottesca e giosa della realtà, ma in questo romanzo cosa c'entrano? Io l'ho trovata un pessima caduta di stile. Non mi è piaciuto affatto, l'ho trovata un grossa forzatura per scrivere un romanzo non troppo impegnativo ma non troppo superficiale.
Vorrei provare almeno un po' di nostalgia per i protagonisti di questo romanzo, almeno un pochino. Dopo 531 pagine mi piacerebbe sentire quel senso di vuoto, poter dire almeno di essermi affezionata a qualcuno di loro ma niente. Penso che questi personaggi siano nati dalla penna più che dal cuore, siano stati studiati, girati e rigirati fino a spogliarne delle loro anime.
Tutto queste mie critiche forse sono inficiate da un dubbio che ha attanagliato la mia mente durante la lettura di questo romanzo: all'inizio di ogni capitolo sono inserite le “maledette regole per scrivere un romanzo di successo” . Che senso ha avuto scriverle? Io non voglio leggere un romanzo di successo, io voglio leggere un romanzo che mi emozioni; niente regole, nemmeno la punteggiature è a volte necessaria(vedi “ Ulisse” ), e se diventerà un libro di successo saranno i lettori a stabilirlo. E se tu proprio vuoi seguire le tue regole non le voglio sapere, sanno tanto e troppo di “perle di saggezza”, rendono lo scrivere una regola e questo per me è inconcepibile.
Penso ci siano scrittori e scrittori, c'è chi scrive per bisogno innato, chi per vanità, chi per sfogo, ma scrivendo quelle regole sul romanzo di successo il fine ultimo dichiarato è la vendita del libro, quindi il profitto. Non mi piace, io voglio leggere un romanzo. Poi il tuo fine ultimo di scrittura sarò io lettore a stabilirlo (se voglio) in base alle sensazioni che tu scrittore hai saputo trasmettermi per merito tuo e per sensibilità mia. Questa brutta impressione sulle regole mi tenuta a braccetto per tutta la lettura, ormai l'incantesimo si era rotto, non ho trovato più magia tra queste pagine, solo la voglia di accattivare il lettore, tenendolo appiccicato alla lettura per la vicenda legata a Nola, la ragazza sparita.
Perchè poi è innegabile, un grosso punto di forza questo romanzo ce l'ha. La vicenda e la scrittura sono molto appassionanti, vuoi arrivare alla fine per sapere quale sarà la verità. Per questo ho trovato questo romanzo un successo mancato; fosse mancato tutto il resto questo thriller sarebbe stato bellissimo, ricco di colpi di scena e chiaro-scuri che appassionano tanto. Ma è il resto che ha rovinato tutto. Non voglio pensare che questo autore abbia dato il meglio di se in questa opera, per me sarebbe un talento sprecato in favore del dio denaro.
Potessi vi consiglierei la lettura di questo romanzo con 1/3 di pagine tagliate qua e la.

Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

19 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Ho in mano questo libro da un po' e ancora non mi sono decisa! Ho paura ne rimarrò delusa. Bella recensione, penso lo ritarderò ancora ;) ciao Calzina!
In risposta ad un precedente commento
calzina
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Baobab anche io ero in lista da un pezzetto nella mia biblioteca per il presito di questo romanzo. Io c'ho messo pochissimo a leggerlo, non è noioso però poi ciò che ti rimane dentro è poco o nulla. Però visto che lo leggerai fai sapere le tue impressioni, così potremo confrontarci.
Wow che recensione! Complimenti.....
In risposta ad un precedente commento
calzina
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
LittleDorrit grazie mille, l'ho scritta un pò di getto, forse sono stata poco diplomatica ma questo è ciò che penso di questo romanzo, inutile girarci tanto intorno :-)
In risposta ad un precedente commento
marlon
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Anch'io lo metterò in coda .....
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ormai l'ho depennato da tempo! Caso letterario vade retro!!! Convincente Calzina
In risposta ad un precedente commento
calzina
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Marlon in ogni caso io attendo le vostre opinioni al termine della lettura
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sei stata brava ed anche dettagliata..hai criticato con eleganza....:)
In risposta ad un precedente commento
calzina
11 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Gracy io ero incuriosita da questo romanzo, era troppo contrastante il giudizio tra chi ha commentato questo libro su Qlibri e il "caso letterario dell'anno" così l'ho preso in prestito in ebook dalla mia biblioteca, diciamo che a volte la curiosità non ripaga....
In risposta ad un precedente commento
calzina
11 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
LittleDorrit ti ringrazio per le tue parole, non è mai piacevole criticare un romanzo poichè esso nasce pur sempre da uno sforzo intellettuale. Per ovviare a ciò cerco di motivare il più possibile la mia opinione negativa . Grazie :-)
19 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri