Dettagli Recensione

 
Nebbia rossa
 
Nebbia rossa 2014-09-22 13:53:45 SARY
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    22 Settembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Kay Scarpetta

Un nuovo caso da risolvere per la patologa forense Kay Scarpetta, una vicenda che la coinvolge ancora una volta in prima persona. Sopravvissuta ad una aggressione fisica da parte di un omicida seriale, instabile emotivamente e professionalmente, viene abilmente ingannata e risucchiata da una spirale di orrore e violenza. Chi si nasconde dietro la scia di morte? L’intuito, l’esperienza e la materia grigia faranno la differenza?
Inizio lento e confusionario a causa dei rimandi all’episodio precedente. Il ritmo aumenta a metà del libro, una corsa contro il tempo per stanare il male e salvare il salvabile, non mancano risvolti inaspettati e minuziose descrizioni dei ferri del mestiere. Più che una patologa forense, pare un commissario di polizia pronta a scovare indizi e a formulare ipotesi per smascherare il colpevole. Un’indagine lampo, in meno di 48 ore il caso è chiuso, non del tutto realistica come tempistica. Il finale è affrettato, il movente e il modus operandi meritano maggior approfondimento. Sono presenti poche scene da mattatoio ma la morte la si percepisce lo stesso con tutti i sensi, le operazioni investigative sono tecnologiche, un thriller moderno privo di indizi concreti accessibili anche ai non addetti ai lavori. La voce narrante è la protagonista, pratica e chiara, si intuisce bene il suo carattere forte e determinato. I capitoli sono brevi e le pagine volano velocemente.
Concludendo, una puntata per i fan di Kay Scarpetta.

“Quello che sto provando è dolorosamente familiare, un vecchio amico triste e sinistro, un deprimente leitmotiv della mia vita. Anche la mia reazione è un sentimento che conosco bene, un profondo abbattimento, una sensazione di indurimento, come se qualcosa dentro di me stesse sedimentando, si stesse assestando pesantemente, una profonda oscurità uno spazio senza fondo e senza luce, sempre più irraggiungibile. É quello che provo ogni volta che entro in un luogo dove la morte mi attende silenziosa e puntuale affinché mi occupi di lei come solo io sono in grado di fare.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri