Dettagli Recensione

 
Il segno dei quattro
 
Il segno dei quattro 2014-11-28 10:50:36 f.martinuz
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    28 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Della coca per Holmes

"Il segno dei quattro" è complessivamente un buon romanzo che contiene gli ingredienti tipici delle storie di Doyle con protagonista Sherlock Holmes, esaltazione delle facoltà dell'investigatore, immediata partenza dell'intreccio narrativo, personaggi talvolta fumosi e ambigui, fughe e inseguimenti rocamboleschi. Tuttavia, tra tutti quelli che ho letto, è risultato essere il peggiore, ovviamente in senso relativo in quanto è un libro piacevole e scorrevole.

Ne "Il segno dei quattro" manca la tensione narrativa palpabile in altri testi come "Il mastino dei Baskerville", che reputo il capolavoro di Doyle, o "Uno studio in rosso"; il ritmo del romanzo è buono ma non coinvolge emotivamente il lettore. Inoltre in alcuni punti del romanzo Doyle descrive il susseguirsi degli eventi e delle azioni come fosse una lista della spesa, tralasciando una benchè minima forma di pathos. Infine, come nei romanzi sopra detti, è assente la seconda parte in cui Doyle stacca dalla vicenda di Holmes e racconta le vicende, temporalmente lontane, che hanno portato all'omicidio. Tuttavia quest'ultima critica è strettamente personale e l'assenza di tale parte non incide negativamente sul romanzo.

Il libro presenta però anche dei lati positvi e interessanti; già dall'inizio sia il lettore che Watson scoprono il bisogno di Holmes nei confronti della cocaina. Essa è infatti l'unica sostanza che riesce a strapparlo dalla noia, dal torpore e dall'intorpidimento mentale causati dall'inattività e dall'assenza di casi su cui lavorare. Scopriamo quindi con grande interesse un Sherlock Holmes annoiato, svilito, privo della forza d'animo e del tipico acume che nell'immaginario collettivo possiede. Anche lui è umano e in fondo possiede delle debolezze, in questo caso un forte prurito nei confornti dell'ozio.

In conclusione il libro presenta pro e contro ma rimane comunque una narrazione interessante e piacevole da leggere oltre che scorrevole. Doyle catapulta Holmes, Watson ed il lettore in un caso di omicidio dove si intrecciano elementi e personaggi esotici, fughe, tesori, il Tamigi, delle perle e tanti altri piccoli indizi che ancora una volta porteranno Holmes alla soluzione del caso.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi su Sherlock Holmes
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
SARY
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento, però non ho capito una cosa, il discorso della cocaina è una battuta, vero?
In risposta ad un precedente commento
f.martinuz
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie! Quella sulla cocaina non è una battuta. Infatti il libro apre con la scena in cui Holmes prende una siringa e si inietta della cocaina diluita in vena sotto gli occhi di Watson. Lo fa, spiega, perchè gli riattiva e stimola il cervello nei momenti in cui non ha casi tra le mani e quindi si annoia.
In risposta ad un precedente commento
SARY
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono sbalordita. Non è strano un mito drogato così popolare? Ci sono altri casi di eroine così (in senso di personaggi) in letteratura?
In risposta ad un precedente commento
f.martinuz
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Si in effetti un po' stupisce ma lo rende anche umano. Anche la più grande delle menti può avere delle debolezze, secondo me. Probabilmente ci sono casi simili anche in altri libri; in relazione alla droga non mi viene in mente nessuno. Per quanto riguarda i vizi in generale invece per esempio ho pensato a Maigret che fuma la pipia o a Danny Torrance, alcolizzato, in "Doctor Sleep" di King.
In risposta ad un precedente commento
SARY
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma Holmes, rispetto agli altri da te citati, è un vero mito, un classico della letteratura. Ne hanno tratto film e serie televisive, viene preso come esempio, un modello da seguire, tutto quello che è venuto dopo è il tentativo di riprodurre lui! Strano anche il fatto che venga inserito così liberamente nel libro vista l'epoca, la censura e tutto quanto...
SARY
28 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi sono informata...scusa l'ignoranza, era cosa comune farne uso, pensavo l'esatto contrario. Resto comunque delusa!
In risposta ad un precedente commento
f.martinuz
29 Novembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Davvero era comune farne uso? Non avrei mai immaginato sinceramente, però non credo che questo vizietto intacchi la complessità e i pregi del personaggio
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri