Dettagli Recensione

 
I ragni d'oro
 
I ragni d'oro 2015-12-15 14:30:31 Pupottina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    15 Dicembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Connecticut, Y, Y, nove, quattro, tre, due

I classici del giallo hanno sempre un qualcosa in più che li rende irresistibili. Ai vertici della classifica dei più bravi c'è sicuramente REX STOUT che con il suo Nero Wolfe ha saputo far centro, inventando storie noir di altissimo livello. In I RAGNI D'ORO c'è una caterva di delitti. Sono per lo più omicidi stradali, ma si susseguono con una frequenza che il geniale Nero Wolfe non può non cercare di fermarli. All'origine di questa terribile catena c'è la donna con gli orecchini a forma di ragno. Ecco da dove arriva questo titolo di giallo tanto intrigante.
Un dodicenne che si guadagna da vivere facendo il lavavetri all’angolo fra la 35a e la Nona Avenue di nome Pete Drossos si reca precipitosamente e di buon mattino a casa di Nero Wolfe per raccontargli di aver assistito a qualcosa di insolito e sconvolgente. Forse è un rapimento. Al semaforo dove è solito appostarsi, si è fermata una Cadillac targata Connecticut, Y, Y, nove, quattro, tre, due, con a bordo un uomo con la faccia da farabutto e una donna con degli eleganti orecchini d’oro a forma di ragno. Poco prima che la macchina ripartisse, la donna gli ha sussurrato, tacitamente e a fior di labbra, qualcosa che aveva l'aria di essere una disperata richiesta d’aiuto. Poi Pete, il ragazzino, ha visto che l’uomo le premeva addosso una pistola.
Wolfe non dà credito al racconto fantasioso del dodicenne, ma, nel giro di pochi giorni, gli eventi precipitano: il ragazzo muore investito da un’automobile. La targa è sempre la stessa misteriosa sigla: Connecticut, Y, Y, nove, quattro, tre, due.
Gli indizi continuano a ricorrersi come le pedine fatte cadere dalla morte che, probabilmente, è opera di un'unica mano. Una catena di omicidi, che sembra non avere fine, è pane per i denti del corpulento genio annidato fra le mura della casa in arenaria della 35° Strada Ovest.
Come sempre, tocca a Wolfe consegnare il colpevole all’ispettore Cramer, ma REX STOUT, nel raccontarcelo, non manca di stupirci con tecniche narrative ricche di suspense e colpi di scena, ma soprattutto memorabili idee geniali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Palla avvelenata
Non abbastanza morta
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
Trappola di sangue
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
L'abito da sposo
Bersaglio. Alex Cross
La congiura dei suicidi
Il club delle vacche grasse
Il regno di vetro
In silenzio si uccide