Dettagli Recensione

 
L'ombra del vento
 
L'ombra del vento 2016-11-28 12:14:12 cosimociraci
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    28 Novembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il capolavoro di Zafon

E' il primo libro di questo autore che ho letto e parto col dire che dopo di questo sono andato a caccia dei suoi romanzi. In attesa di regalarmi per Natale l'ultimo suo, si spera, capolavoro.
Leggere il libro mi ha immedesimato sin dal principio al giovane Daniel Sempere che si ritrova per le mani il misterioso romanzo, L'ombra del vento, appupnto. Questa ricorsione mi ha incuriosito sin dalle prime pagine.

Diversamente da quanto si possa aspettare il romanzo non è intricato ma solo intrigante. Le indagini, che lo stesso Daniel intraprende, sono ben descritte e facili da seguire.
Nonostante la lettura del romanzo si scorrevole l'autore lo fregia di metafore e similitudini quasi ad ogni pagina gettando un velo di liricità all'intera lettura.

L'ombra del vento si apre nel 1945 a Barcellona sotto il regime di Franco. Da come l'autore descrive il regime si percepisce il suo orientamento politico.
Non appena si inizia a leggere, si percepisce una forte sensazione di oscurità, di un tempo in cui la vita e le cose sono difficili per il basso ceto.
Durante la lettura, ci si sente come se si stesse vagando per le strade fredde di Barcellona, con la sensazione che qualcosa salterà fuori da un momento all'altro. Si può sentire il nervosismo, l'umidità, la preoccupazione e l'angoscia.

Questo libro non è adatto solo ad appassionati del genere thriller ma contiene anche una storia d'amore, tra Julián Carax e Penélope che deve nascondersi nelle ombre di problemi molto più grandi, dando vita ad una storia tra le più cupe e tristi che abbia letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Salve.
Ho letto questo libro con delle aspettative. Sono stato però piuttosto deluso perché mi è parso un testo essenzialmente commerciale, con una storia ben architettata, ma solo qua e là vi ho riscontrato qualche momento riuscito a livello letterario, come la rappresentazione di una Barcellona uggiosa e tutt'altro che 'da cartolina' , oppure l'insondabile figura femminile di Nurca (?, mi pare sia questo il nome).
In risposta ad un precedente commento
cosimociraci
29 Novembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono d'accordo con lei, per un motivo che spiegherò dopo, ma non saprei dirle il valore dal punto di vista letterario. Di solito io associato il "commerciale" ad una trama o idea per me scontata (letta più volte) ma se per me è nuova la ritengo originale. Naturalmente non sono un critico ma solo un accanito lettore.

Credo, in generale, che in ogni lettura nasca qualcosa tra l'autore, il romanzo ed il lettore. Questo "qualcosa" varia molto in base alla mia predisposizione del momento.
Cercando di spiegarmi meglio, dei romanzi che lego (circa 50 all'anno) solo pochi mi hanno provocato forti sensazioni e mi sono piaciuti davvero. Rileggendo di recente un romanzo che, anni prima non mi era piaciuto (tanto da ricominciarlo più volte) , l'ho trovato molto interessante. Sicuramente il romanzo è sempre lo stesso ma io sono cresciuto e cambiato nel frattempo notando (ed apprezzando) alcuni passaggi che prima non mi avevano colpito in modo particolare.
Nello specifico, quando ho letto L'ombra del vento, sono rimasto particolarmente colpito dallo stile e dalla trama a parer mio originale. Mi sono affezionato a Zafón, perdonando nei romanzi successivi, alcuni cali di stile. Probabilmente se come primo romanzo avessi letto "Marina" o "Il palazzo della mezzanotte" probabilmente non avrei dato tante altre occasioni a Zafón.

Se non ricordo male, il nome del personaggio è Nuria se intende la figlia di Isaac, il custode del Cimitero dei Libri Dimenticati.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
30 Novembre, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie per la gentile ed esaustiva risposta.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri