Dettagli Recensione

 
Il valzer dell'impiccato
 
Il valzer dell'impiccato 2017-08-03 14:43:05 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    03 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sinfonia di un crimine

Il papà del "collezionista di ossa" ci riprova e ancora una volta fa centro. Da un autore di questo livello non ci si può aspettare niente di meno che un romanzo di buon livello e le aspettative non sono andate deluse. Mi sembra che il primo volume della serie , come spesso succede continui ad essere il migliore. Però, come è altrettanto frequente non ho trovato quella stanchezza quasi noia che di solito c'è quando le produzione seriali sono abbastanza corpose.
In una giornata come tante a Manhattan si presenta qualcuno di nuovo. Dalle apparenze si tratta di un serial killer nuovo fiammante. Gli elementi ci sono tutti: un rapimento in pieno giorno, davanti agli occhi esterrefatti di una ragazzina, la firma lasciata sul luogo del reato. In questo caso è un cappio fatto con la corda di un violoncello, Infine il video dell'impiccagione della vittima caricato in rete. E' giusto che anche i delinquenti si adeguino alla tecnologia,
Un Lincoln Rhyme e una Amelia Sachs prossimi a delle nozze che sembrano più temere che aspettare con ansia vengono attratti dentro le indagini. La scena cambia all'improvviso e ci troviamo a Napoli dove il nostro killer è andato in trasferta. Sembra che tra Spaccanapoli, i quartieri spagnoli e la zona rurale campana si sappia muovere altrettanto bene che tra i grattacieli della grande mela. Il suo primo rapimento, con tanto di laccio lasciato a terra non può che attirare l'attenzione dei migliori investigatori italiani. Al loro fianco arriva anche Rhyme con la sua squadra. A fatica riesce a fare breccia dentro il muro eretto dalla procura italiana, che alla fine cede ad insistenze e competenza.
La richiesta fatta da parte delle autorità statunitensi di indagare anche su un'accusa di stupro rivolta a un cittadino americano complica le cose. Ancora di più le complicano gli esiti delle indagini scientifiche portando a uno scenario abbastanza incredibile fatto di segreti, doppi e tripli giochi,
Lyncoln è sempre il solito preparato arrogante, ma incisivo e difficilmente colto in fallo. Fermo sulla sua sedia a rotelle dirige la sua Amelia che gli fa da braccio armato raccogliendo prove e partecipando ad irruzioni e arresti. Al loro fianco gli investigatori italiani che fanno una discreta figura, ma forse hanno a disposizione più mezzi di quelli di quelli che ci sono nella realtà.
Dall'altro lato Deaver ci affianca al killer, diventato "il compositore". Con lui apprezziamo la bellezza della musica intesa non nel modo più classico, ma anche come il rumore fatto da dei tacchetti sull'asfalto o dalle zampe di un topo sul cemento. Ci fa gioire con lui per i risultati ottenuti, ci insegne come attuare le torture. ma, come sapremo più tardi non ci racconterà tutto , ma solo quello che scegli di farci sapere.
Come ho giù anticipato non ho trovato molto realistico il finale. Poi guardo un telegiornale e mi chiedo se Deaver non sia a conoscenza di informazioni che a me mancano. In effetti la situazione italiana, soprattutto con riferimento al problema profughi è descritta in modo così dettagliato da farci capire che l'autore ha fatto bene i compiti a casa.
A proposito delle descrizioni di luoghi, cibi, abitudini sono indubbiamente dettagliati. forse fin troppo soprattutto per un italiano che sa giù di che cosa si parla. però trattandosi di un volume con respiro internazionale anche questa pedanteria, questo fare da maestrina forse ha il suo perché.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie