Dettagli Recensione

 
Nevada connection
 
Nevada connection 2018-04-09 16:09:57 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Aprile, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Dove?" "La fuori, no?"

Abbiamo lasciato Neal Carey in isolamento in Cina a seguito delle vicissitudini di “China girl”. Dopo tre lunghi anni il protagonista viene finalmente ritrovato dal papà e dagli “Amici di famiglia” e, una volta tornato nel Nuovo Mondo, viene investito di un atipico incarico; un incarico sotto copertura atto e finalizzato al ritrovamento di Cody McCall, un bambino di appena due anni che non è stato riportato a casa dal padre dopo il turno di visita come da accordo del Tribunale in caso di genitori separati. Ma c’è ben altro, sotto. Se si trattasse solo e soltanto di un bambino scomparso, gli amici non sarebbero stati interpellati. E così, il nostro detective privato, si ritrova a circa milleottocento metri di quota, tra bestiame, cowboy, baite, e coltivazioni. Ne resta talmente affascinato che quei mesi che passa sottocopertura non gli pesano affatto. Al contrario, è talmente affascinato da quelle lande desolate, da quella pace di luoghi interminabili, lui che è sempre vissuto nella civiltà ai massimi livelli ma che al contempo è un camaleonte, che medita e valuta perfino la possibilità di stabilirvisi una volta ritrovato il piccolo. Riesce a mimetizzarsi, ad infiltrarsi, anche se il costo di tutto ciò sarà ben caro. Carey dovrà destreggiarsi con i fanatici neonazisti della Chiesta della Vera Identità Cristiana, una setta fondata dal Reverendo Carter che ha la sua base armata proprio nelle terre Alte e Solitarie del Nevada e che ha come scopo la eliminazione di tutti coloro che con il solo loro esistere sporcano la purezza della razza ariana (ebrei in primis, ma non solo).
Ed è qui che Winslow si supera. Perché oltre che a creare un romanzo carico di atmosfera, vivido nella mente di chi legge per storia, fatti narrati e trama, un romanzo che a tratti ricorda la narrazione di Lansdale e al contempo anche di Haruf e dai rispettivi scenari deserti e solitari, riesce anche a dar vita ad un giallo-poliziesco che mediante la voce di un detective privato dalle mille abilità affronta tematiche quali il razzismo, la chiesta, i fanatismi.
Il tutto mediante una penna solida, descrittiva, dal giusto ritmo cadenzato, non veloce e non lenta e per questo adatta e conforme al tipo di storia narrata.
Una buon terzo episodio delle avventure di Neal Carey.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Grazie, lo segno, bella recensione
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri