Dettagli Recensione

 
Una cena al centro della terra
 
Una cena al centro della terra 2019-03-08 11:55:07 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    08 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il conflitto alla base dei conflitti

Destini. Destini fatti dalla Palestina, destini fatti da Israele. Destini fatti dalla guerra, dal fanatismo, da questioni storiche, da sentenze troppo spesso enunciate con semplicità, senza tener conto dello spessore del problema, della sua vera essenza. Come capire da che parte stare? Come stabilire chi è nel giusto e chi nello sbagliato?
Un prigioniero, un sorvegliante, che fatica a svolgere il suo compito perché un tempo con quell’accusato di aver tradito il suo popolo, arrestato e processato senza un giusto processo per essere condannato ad una non vita e non morte, è nato un legame, e un generale storicamente esistito che è sospeso nel limbo di un coma, con al fianco a vegliarlo le presenze di sempre, quali Ruthie, che c’era quando lui organizzava vendette, che c’è adesso che giace inerme, e con la sensazione di rivivere quei ricordi che tuttavia, nella dimensione onirica, sono vividi, sono vacui.
C’è Z, che cercava la conciliazione e non il tradimento e che ha trovato il dolore e l’isolamento. Può soltanto scrivere a quel generale disarmato, può soltanto rivolgersi silenziosamente a quel ragazzo che lo sorveglia.
Tre flussi, tre voci narranti, tre storie che si ricompongono tra loro e che portano il lettore ad interrogarsi su una delle problematiche attuali di maggior spessore e complessità. Il tutto attraverso uno stile narrativo fluido, non particolarmente impegnativo e non eccessivamente curato che dà vita a tre voci corali e ad una composizione dai giusti tempi e ritmi.
Non è semplice riuscire ad entrare in “Una cena al centro della terra”, tuttavia. In parte a causa dell’argomento che l’autore decide di trattare, in parte perché a tratti l’opera sembra essere disgiunta, sconclusionata, i fatti sembrano essere riportati senza una precisa finalità logica e i protagonisti non collocati secondo un ordine ben preciso. Successivamente ogni tassello viene collocato al proprio posto, ma ciò non favorisce la lettura e fa dubitare dell’effettiva riuscita dello svisceramento della tematica principale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri