Dettagli Recensione

 
Il giorno dello Sciacallo
 
Il giorno dello Sciacallo 2019-03-23 14:10:57 leogaro
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
leogaro Opinione inserita da leogaro    23 Marzo, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno sciacallo astuto come una volpe

Francia, 1957-1962. Da anni è in atto la decolonializzazione francese, particolarmente cruenta in Algeria: il gruppo terroristico dell’OAS organizza attentati ovunque, la tensione è alta. Dato il rischio di golpe, viene richiamato al potere il vecchio gen. De Gaulle, inizialmente determinato a trattenere l’Algeria sotto il giogo coloniale.
Agosto 1962. Nuovo attentato (fallito) da parte dell’OAS al Presidente De Gaulle: molti attentatori vengono arrestati e giustiziati. L’anno dopo, il col. Marc Rodin, capo dell’OAS, contatta un killer straniero per uccidere De Gaulle, dopo averlo selezionato da una ristretta rosa di professionisti. Lo Sciacallo, soprannome scelto dal sicario, chiede molti soldi e la totale libertà d’azione, rifiutando l’aiuto dell'OAS che ormai è piena di infiltrati dei servizi segreti francesi.
Luglio 1963. Rodin organizza una serie di rapine a banche e furgoni portavalori per reperire i soldi per il killer. I servizi segreti francesi si insospettiscono, notando l'impronta paramilitare nella conduzione delle rapine. La bella fiancheggiatrice Jacqueline, intanto, diventa amante del colonnello Saint-Clair, importante uomo di governo, per apprendere le contromosse delle autorità e farle poi pervenire allo Sciacallo. L'astuto killer cambia più volte nome, documenti, fa sopralluoghi a Parigi e non lascia nulla al caso. Il Ministro degli Interni, frattanto, istituisce un'unità di crisi capeggiata dall’investigatore Claude Lebel: egli, forte delle sue conoscenze, coinvolge i colleghi europei in una caccia che travalica i confini nazionali, con mezzo continente alle calcagna dello Sciacallo che si dimostra, in ogni sua contromossa, un osso davvero duro.
Libro di diversi anni fa, ma che propone un buon ritmo, è attuale e ben costruito, grazie anche agli studi sui metodi d’indagine che Forsyth aveva compiuto al tempo. Si intrecciano omicidi politici, fughe, rapimenti, passioni, false piste… la storia è incalzante e si svolge tra alberghi, cimiteri, stazioni, ville nobiliari e piazze affollate, senza che mai il racconto perda di pathos. Lo Sciacallo e l’Interpol mettono in scena uno scontro incalzante, fatto di astuzia, scaltrezza, sangue freddo.
Un noir poliziesco con tinte di giallo, una pietra miliare della letteratura di genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama romanzi d'azione e d'avventura, thriller, polizieschi, gialli.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri