Dettagli Recensione

 
La stanza degli ospiti
 
La stanza degli ospiti 2020-05-13 14:36:41 cesare giardini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    13 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una verità nascosta per troppo tempo.

E’ un thriller ben impostato, con personaggi credibili in un’atmosfera grigia stile londinese. La storia però non riesce a prenderti, non è coinvolgente, ha lunghi momenti di pausa, insistendo forse troppo sulle caratteristiche psicologiche della protagonista, assillata da un trauma infantile e dalle sue nefaste conseguenze. La giovane, di nome Lisa (ma non è quello d’origine), è tormentata da incubi notturni, soffre di sonnambulismo ed ha accarezzato l’idea di suicidarsi: avrà pace solo quando risolverà il suo dubbio, vale a dire, si capirà piano piano, conoscere finalmente la verità su un episodio capitatole in occasione del suo quinto compleanno e cercare il luogo in cui ebbe a subire gravissimi traumi le cui cicatrici ancora la tormentano. Nessuno le svela la verità, nemmeno i genitori, pur amandola sinceramente, e neppure un ambiguo medico psichiatra, amico e collega del padre. La ragazza indaga per conto suo, riesce a trovare la casa in cui ebbe a subire violenza, affitta con un sotterfugio una camera dai padroni ( una coppia poco raccomandabile che nasconde segreti inconfessabili) ed inizia a indagare, scoprendo proprio nella sua stanza verità nascoste e indizi raccapriccianti. Naturalmente, dopo una serie di colpi di scena, di scontri con i proprietari, di incomprensioni e litigi con i genitori e malintesi con il medico curante, alla fine, nonostante le continue bugie e depistaggi, verrà a galla la verità, una verità sconvolgente e inimmaginabile. A Lisa sarà d’aiuto un fidanzato trascurato, con il quale ritroverà l’amore perduto.
La storia è interessante, piena di punti interrogativi che stimolano alla lettura per sapere come va a finire, sostanzialmente, ma non è sorretta a mio parere da uno stile narrativo adeguato ai vari momenti drammatici. Lo stile è farraginoso, a volte sciatto, cercando forse inopportunamente di scavare nella psiche alterata della protagonista e tralasciando invece di enfatizzare i momenti culminanti della narrazione. Per contro, ben riuscite le figure secondarie del thriller, soprattutto quella della padrona di casa, che si atteggia malignamente a vamp sofisticata, e quelle dei genitori di Lisa, genitori d’altri tempi, il padre amorevole ma incapace di vera comprensione, la madre chiusa in una disperata rassegnazione.
Da leggere comunque.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri eventuali romanzi dell'autrice.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri