Dettagli Recensione

 
La vita è un romanzo
 
La vita è un romanzo 2020-09-07 15:56:36 ornella donna
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dialogo surreale tra autori e le loro creature

Guillaume Musso ritorna sulla scena letteraria con La vita è un romanzo, un libro un po’ particolare. Tema centrale del romanzo: l’amore per la letteratura, la scrittura, il rapporto dell’autore con la creazione dei suoi personaggi, un rapporto che può sintetizzarsi così:
“Una creatura che chiede di incontrare il suo creatore.”
Un romanzo molto arzigogolato, complesso e strutturalmente non facile da comprendere, dal finale inaspettato e non molto comprensibile.
Il libro inizia con il racconto della nota scrittrice Flora Conway, che non vuole mai apparire, né fare presentazioni, ma che gode di un immenso successo tra i suoi lettori, che sta giocando a nascondino con la piccola figlioletta Carrie, nel loro appartamento di Brooklyn. Peccato che la piccola scompaia nel nulla. Così di un tratto sembra diventare evanescente. Il dolore è enorme e muta l’esistenza della famosa scrittrice. Anche se la sua editrice Fantine la sprona a superare l’evento, sublimando, per cui:
“Il dolore è il miglior carburante della scrittura. Un giorno, forse, arriverai a dirti che la scomparsa di Carrie è un’opportunità.”
Facendo un lungo salto giungiamo, invece, a Parigi da Roman Ozorski, scrittore affermato in crisi creativa legata alle difficoltà di separazione dalla moglie Ahmine. Solo lui possiede la chiave di lettura e di risoluzione necessari a Flora. Ma come? Troverà Carrie? E lui come può risolvere il suo problema e quello di Flora? Il mistero aleggia indisturbato.
Un testo di non facile risoluzione. La trama è ambivalente e parecchio complessa. Il linguaggio è semplice, e trascinante. Le atmosfere, ricche di suspence, sono ben costruite e ben delineate. Purtroppo il libro non mi è piaciuto per il suo contenuto e per la sua strutturazione. Ma ho apprezzato l’amore per la cultura e l’attenta e precisa analisi della costruzione dei personaggi e il loro rapporto con l’autore. Molto adatto a chi ama scrivere: un esempio di come si costruiscono e nascono i romanzi. Adatto anche a chi ama i misteri e i finali aperti delle storie. Personalmente non ho apprezzato molto una lettura di cui spesso mi sono domandata il fine e l’ultima elaborazione. Ma è solo un mio personale parere. Peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri