Dettagli Recensione

 
L'ultima scena
 
L'ultima scena 2021-01-18 11:14:00 C.U.B.
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    18 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il buio nelle case degli altri

Chi Ero?
Chi Sono?
Chi Sarò?

Blackwood Bay è un minuscolo, pittoresco paese a picco sul mare, a lungo meta turistica amata dai vacanzieri. Ma la gente del luogo risente dell’isolamento ed i giovani sono oppressi dalla mancanza di stimoli, il faro all’orizzonte si erge nero nella notte. Oscuro come le onde rabbiose che si infrangono sull’imponente e ripida scogliera, ombroso come i segreti celati che le imposte sgretolate non riescono più a trattenere.
Alex è una giovane regista, prima gli studi e poi Londra con una carriera che le apre nuovi orizzonti, il prossimo documentario la condurrà a Blackwood Bay, un ingaggio di cronaca nera per approfondire la sparizione di alcune ragazzine. E’un luogo a lei non estraneo, probabilmente le vacanze di bambina.

Chi era Alex?
Chi è Alex?
Chi sarà Alex?

Buon thriller psicologico che avrebbe potuto essere strepitoso, si legge velocemente ed è affetto da una suspense ai limiti dello snervante. I colpi di scena prevalgono nel tratto finale del romanzo, il corpo del libro si avviluppa invece sulla memoria di Alex che riemerge con estrema lentezza.
A tratti l’autore si dilunga troppo e annacqua la narrazione, certamente la consapevolezza che stia per succedere qualcosa ci avvelena la pazienza e che fatica resistere per non balzare alle ultime pagine. Diligenti, aspettate, che le gravi amnesie hanno tempi tecnici rilevanti per evolversi.
Il punto dolente è forse stato la mancanza di un tratto formidabile sulla caratterizzazione della protagonista, con cui trascorriamo la maggior parte del tempo. C’è un non so che di macchinoso nel suo muoversi che rende poco realistico lo scenario.
Per quanto lo abbia affrontato volentieri, non sono mai entrata completamente nel romanzo, la consapevolezza che stessi leggendo qualcosa di artificioso mi ha accompagnata fino all’ultima pagina. I colpi di coda in dirittura di arrivo incidono certamente sul buon esito di una narrativa con qualche riserva sul taglio dei personaggi, costruiti con troppa freddezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il gioco del killer
Il lungo addio
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Fairy Tale
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa