Dettagli Recensione

 
Cercando luccicanza
 
Cercando luccicanza 2008-11-30 21:51:39 Fabio Barcellandi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fabio Barcellandi Opinione inserita da Fabio Barcellandi    30 Novembre, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi cerca...

"Cercando luccicanza", la poetessa, o meglio, il poeta Dana Drunk la trovò!

Perché come ben si sa, chi cerca… è inevitabile, ma ciò che veramente conta è sapere se ciò che ha trovato è ciò che cercava e, al limite del paradosso, se si è resa conto di averlo trovato, che non è affatto scontato.

Si legge nell’introduzione scritta di suo pugno:



"Ben presto ho iniziato a scrivere poesie, racconti e canzoni per puro spirito di sopravvivenza, per affermare me stessa a discapito di chi mi voleva zitta e buona. E questa cosa mi ha salvata, altrimenti la rabbia e la delusione che provavo nei confronti della società in cui vivevo mi avrebbero arsa."



Apparentemente pare proprio che Dana Drunk abbia trovato quello che cercava, la scrittura, e così si sia addirittura salvata evitando la combustione, l’esaurimento, la fine, il buio.

Ma non è così, tutt’altro e per fortuna oserei dire.

Una ricerca come quella iniziata per la propria sopravvivenza non poteva che condurla all’interno di se stessa e non al suo esterno, in fuga, la scrittura, quindi, non come fonte esterna di salvezza, ma come veicolo per entrare in contatto con se stessi, per scendere nelle più intime profondità del sé alla ricerca della propria luce sepolta e farla infine splendere, luccicare, incendiare di tutta la propria passione, di tutta la propria energia, del proprio fuoco, un fuoco inestinguibile e salvifico.



"Un tempo

la vostra ignoranza mi feriva

e dentro i miei occhi

la luce girava in fuoco

e dopo poco

le mani nervose muovevo

e mordevo coi denti le labbra.

Un tempo

io ero la vittima della vostra barbarie."



Araba fenice, dalle proprie ceneri, proprio bruciando si è salvata e novella Prometea potrà salvare anche noi o quanto meno chi avrà il coraggio di leggerla la sua poesia, toccando con mano l’intensità del suo fuoco umano e artistico.



"E luce fu



Scintilla cielo-mare

bagni di luce sulle case

acqua evaporata sugli asfalti

montagne lontane

stagliate agli orizzonti

limpidi e chiari: finalmente vedo."



Fuoco che nella trasformazione, nel cambiamento, è anche mimesi, metamorfosi:



"Onde di fumo fluttuanti

scorrono tra i miei capelli

bruciano nei miei occhi.

Il grigiore ondeggiante

mi avvolge in un gioco

di forme e sapori.

Non sono con voi

non sono tra voi.

Cercherete invano

se cercate."



Ma una vera salvezza per essere tale deve essere bidirezionale, nel darcela, lei, dobbiamo restituirgliela, noi. Non lasciamo quindi che quell’intenso e benefico fuoco rimanga chiuso in un libro, apriamolo, leggiamolo, liberiamolo, "È freddo / ed il mio respiro / sembra fumo." pronto a incendiarsi, non permettiamo che prevalga il freddo, la glaciazione dell’anima, "È freddo / ed il mio respiro / resta fumo." gettiamo sale sul ghiaccio,



"Sale sul viso



È la perdita dei sensi

che mi affligge

sento la morte che entra

dentro e piango

piango

finché non sento il sale

bruciare sul mio viso

all’improvviso

rinascerò."



"Tu mi scivoli via

come una lacrima.

Spunti lentamente

dagli occhi

accendi un fuoco

e poi scivoli

scivoli via come una lacrima."



"Taglierò le corde del legame

lascerò l’alcool bagnare il mio dolore"



"La fiamma che mi brucia"



"Il petto scoppia



Muoio.

Sento il sangue caldo

scendere lentamente

lungo il petto.

Sulla pelle

Si secca.



Scoppio.

Sento il cuore gonfio

lacerarmi lentamente

dentro il petto.

La mia carne

si sfalda.



Chiedo venia

chiedo pietà!

è questo il caos?

È questa la vita?

Mi penetra

si espande

tutto si riaccende

tutto si ravviva.

È questa?...Ne voglio ancora."



È questa, sì, la vita, e noi? Ne vogliamo ancora? Altra? Perché nelle parole di Dana Drunk, Cercando Luccicanza c’è molto di più di questo, da leggere, con cui riscaldarsi, con cui rigenerarsi, con cui riconciliarsi, con se stessi, che non è poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Poesia
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'ultimo turno di guardia
Uno più uno fa uno
Aforismi e magie
Poesie dell'indaco
Diavolo di sabbia
L'ennesimo angolo
Haikugrafia
La strada dei colori
Se non mi confonde il vento
Forza e libertà attraverso Alda Merini
I passeri di fango
Cento poesie d'amore a Ladyhawke
Haiku della buona terra
Ultimo viandante
Cartoline di mare
Quadro imperfetto