Dettagli Recensione

 
Vieni via con me
 
Vieni via con me 2012-09-17 21:01:57 mariaangela
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    17 Settembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

tante lezioni,un grande insegnamento

Ascoltare Saviano mi piace tantissimo, trova abbia un carisma eccezionale che gli consente di raccontare e catturare l’attenzione anche su temi non proprio leggeri.
Questo suo libro è bello al pari della trasmissione, gli argomenti trattati tutti molto interessanti, ma il racconto della storia di vita, di scelte, di amore di Mina e Piergiorgio Welby non la dimentico mai più, e loro sono per me il simbolo della dignità che vorrei sempre avere nelle scelte che ogni giorno mi trovo a fare, per imparare dalle piccole, a fare le grandi.
Quando si conoscono lui già zoppica, quando si fidanzano lei conosce tutto della sua distrofia muscolare progressiva, quando si sposano lui arriva in chiesa in carrozzina. L’accordo che c’era tra loro era che, se anche lui fosse stato male, lei non l’avrebbe portato in ospedale, ma poi di fronte a quella crisi respiratoria lei non ce la fa, e Piero viene attaccato al respiratore attraverso un’incisione chirurgica sulla trachea per aprire una via respiratoria alternativa a quella naturale. Lei dirà “Ho veramente esercitato un accanimento terapeutico, ma il mio era un accanimento terapeutico d’amore”.
Quando la malattia peggiora Piero vorrebbe una morte dignitosa, nella legalità. Non eutanasia, cioè il procurare la morte in modo indolore, ma chiede la fine dell’accanimento terapeutico, cioè di tutte quelle tecniche mediche che servono a sostenere artificialmente le funzioni vitali di soggetti affetti da patologie inguaribili. Dice il cardinale Carlo Maria Martini “Evitando l’accanimento terapeutico non si vuole procurare la morte, ma si accetta di non poterla impedire”.
Il 22 settembre 2006 Welby scrive una lettera al Presidente della Repubblica Napolitano in cui afferma la sua battaglia per la vita: “Vita è la donna che ti ama, il vento tra i capelli, il sole sul viso, la passeggiata notturna con un amico. Vita è anche la donna che ti lascia, una giornata di pioggia, l’amico che ti delude. Io non sono né un malinconico né un maniaco depresso. Morire mi fa orrore. Purtroppo ciò che mi è rimasto non è più vita, è solo un testardo e insensato accanimento nel mantenere attive delle funzioni biologiche.”
Piergiorgio Welby, Luca Coscioni, Beppino Englaro hanno in comune l’aver agito nel diritto. Non farne una questione personale, ma creare una possibilità. Quella di salvaguardare i diritti di tutti.
E quando penso che la chiesa di Roma ha tenuto per lui le porte chiuse, che il suo funerale è stato celebrato con rito civile nel piazzale antistante la chiesa che Mina aveva scelto per salutarlo insieme alla sua famiglia.. perché “la volontà del Dott. Welby di porre fine alla propria vita, contrasta con la dottrina cattolica” beh devo davvero chiudere gli occhi e pensare a Cristo in croce per isolarlo da tutto ciò che lo circonda e che la Chiesa spesso purtroppo rappresenta.
Saviano lo ricorda con queste bellissime parole di Giordano Bruno che sento mie una per una:

“Ho lottato, e molto: credetti poter vincere (ma alle membra venne negata la forza dell’animo), e la sorte e la natura repressero lo studio e gli sforzi. […] Per quel che mi riguarda ho fatto il possibile […]: non aver temuto la morte, non aver ceduto con fermo viso a nessun simile, aver preferito una morte animosa a un’imbelle vita.”

Grazie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
petra
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Recensione molto sentita...il tema è delicato e fa pensare...
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
ciao federica, si questo argomento mi tocca molto e mi fa sofrire pensare alle sofferenze di questi uomini e donne. e mi fa soffrire la stupidità umana. il libro è tutto bello ma per me questo capitolo è tutto.
Come dice Fede un argomento molto delicato e dalle mille sfaccettature... i ricorsi di Welby per ottenere giustizia, per decidere del proprio corpo e le risposte della Corte, in ogni suo grado, sono pazzesche, incredibili e ti spiazzano perchè proprio non si capisce se la nostra vita sia nostra o meno, se sia possibile decidere per se stessi o se sia lo stato a dover decidere per noi... per non parlare degli altri casi italiani e stranieri... un argomento a cui dedicare un po' del nostro tempo senz'altro! Brava Maria Angela, avendo sostenuto la mia tesi su questo tema, non posso non comprarlo! :)
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
sono contenta condividi anche tu questi pensieri; l'argomento purtroppo divide molto, io sono per l'autodeterminazione della vita, ma c'è chi è per l'indisponibilità della vita, della propria e soprattutto di quella degli altri.
In risposta ad un precedente commento
cuspide84
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Condivido la tua opinione, in realtà poi la costituzione italiana nello stesso articolo 32 relativo alla salute dice espressamente che "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario" ma il continuo "se non per disposizioni di legge" è la solita crepa del sistema... utilizzata per schierarsi contro le decisioni personali sul proprio corpo...tante sentenze, tanti casi e ancora incertezze su questo argomento... troppe purtroppo!
In risposta ad un precedente commento
rivendell
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Per alcune "persone" è più giusto che la gente soffra, perchè la sofferenza ci avvicina a Dio.
Per le stesse "persone" è più giusto nascere con un parto naturale, senza interventi esterni, ma non è giusto morire in modo naturale (un macchinario come quello di Welby aveva ben poco di "naturale"!).
Le stesse "persone" autorizzano la sepoltura di un boss della malavita in una chiesa ma, allo stesso tempo, non permettono ad una persona sofferente da anni di avere un funerale religioso.
Devo aggiungere altro? Effettivamente sì, dovrei e potrei farlo ma...meglio di no!
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Esattamente. Solo quando un trattamento sanitario si risolve anche nel vantaggio del terzo, può esserre imposto. Su questo la Costituzione è chiara. A garanzia del terzo. E' il classico esempio delle vaccinazioni obbligatorie: la libertà di scelta del soggetto privato viene meno perchè è un mezzo per proteggere anche la salute degli altri.
In risposta ad un precedente commento
mariaangela
18 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
si, anche io avrei voluto dire ben altro tale è la rabbia, ma penso che il mio pensiero sia chiaro ugualmente
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
20 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Argomento delicatissimo e controverso. Io concordo con Danilo e credo che quelle stesse "persone" non si siano mai fermate a chiedersi perchè mai una religione "legittimi" la sofferenza come mezzo di collegamento a Dio: forse perchè quella stessa religione prese piede in un periodo storico in cui un intero popolo era sottomesso e costretto alle più atroci sofferenze? Di certo il messaggio andava creato su misura: soffrite pure adesso in serenità tanto dopo la vita arriverà la ricompensa; nel frattempo quella stessa religione veniva usata come "instrumentum regni".
Ma ci sarebbero infiniti discorsi da fare ed infinite ed insensate questioni etiche - tanto per precedere quelle legali - da smontare pezzo per pezzo... Intanto la Vita è Una, e toccherebbe poterla vivere con dignità e finchè è Vita...
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Cacciatore di mafiosi
L'ultima notte di Raul Gardini
Donbass. La guerra fantasma nel cuore d'Europa
Una terra promessa
Jenin. Un campo palestinese
La società signorile di massa
Dio odia le donne
Stai zitta
I cantieri della storia
Oriente e Occidente
Lo scontro degli Stati civiltà
Manuale del boia
Red mirror
Invisibili
Discorso della servitù volontaria
Basta. Il potere delle donne contro la politica del testosterone