Dettagli Recensione

 
La paranza dei bambini
 
La paranza dei bambini 2017-04-03 16:21:24 GPC36
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
GPC36 Opinione inserita da GPC36    03 Aprile, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un pugno allo stomaco

Ha la durezza e la dolorosità di un pugno allo stomaco questo libro di Saviano, poiché ci pone di fronte ad una realtà sociale che si vorrebbe negare, considerandola un incubo, una fantasia da romanziere, ma che le cronache della criminalità campana ci obbligano a riconoscere come vera.
La forma del romanzo, che consente di mettere a fuoco la personalità di tutti i ragazzini che compongono la “paranza”, l’annullamento in loro di ogni valore positivo, la distorsione nei modelli di vita cui fanno riferimento, l’assenza di anticorpi adeguati a contrastarne la devianza sociale, aggiunge tensione e drammaticità. Come in “Gomorra” il libro è basato sulla conoscenza della realtà sociale e trova supporto e conferma in un’azione giudiziaria che, pochi mesi prima della sua pubblicazione, ha portato alla condanna di 43 giovani imputati nella sentenza di primo grado.
Nel vuoto creato nella camorra napoletana, dopo i processi che hanno portato in prigione o posto agli arresti domiciliari i pezzi più importanti dei vari clan, un gruppo di ragazzini che hanno come modelli sociali le carriere dei capi della camorra, come obiettivi l’arricchimento rapido e il controllo di una parte del territorio, cerca la propria affermazione come gruppo di fuoco autonomo, con azioni feroci.
Saviano usa una combinazione tra narrazione e saggistica per metterci di fronte ad una situazione sociale angosciante, ma purtroppo reale, poiché le pagine di cronaca nera napoletana ci parlano di “stese”, le sparatorie a vuoto (quando va bene) che servono ad affermare il potere intimidatorio delle “paranze”, di aggressioni e omicidi giovanili.
Certo questa è solo la parte nera di una città in cui coesistono esasperate ed esasperanti contraddizioni; un parte sgradevole, ma più reale dell’immagine patinata ed oleografica che è stata data in una recente versione televisiva de “I bastardi di Pizzofalcone”, sicuramente più apprezzata dal primo cittadino di Napoli, che ha reagito con incomprensibile pesantezza alla pubblicazione di questo libro.
Nello stile Saviano cerca di ricreare il linguaggio reale dei ragazzini napoletani, un dialetto appesantito da interiezioni che rendono ancor meno piacevole una narrazione crudamente realistica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gomorra; a chi non rifiuta una "discesa agli inferi"
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri