Adversaria Adversaria

Adversaria

Saggistica

Editore

Casa editrice

«Quando gli scrittori dicono qualcosa di originale, vale la pena di prenderne nota. Non che succeda spesso…» (Edgar Wallace). 258 autori diversi in una raccolta di brevi o brevissime citazioni attinte ad opere del presente e del passato. Un piccolo dizionario contro i luoghi comuni della Sinistra, contro i suoi miti falsi o artificiosi, le sue verità scomode, le sue improbabili velleità di progresso, le sue miopie, le sue amnesie, il suo grigiore ideologico. Contro la sua inguaribile presunzione di superiorità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Adversaria 2009-05-11 09:01:15 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    11 Mag, 2009
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bersaglio non esiste più

Devo dire che da un po’ di tempo le Edizioni Solfanelli danno alla luce alcuni libri insoliti, che non si possono classificare né di narrativa, né tantomeno di saggistica, almeno in senso stretto. Era già successo con Fregati dalla storia e ora capita con questo Adversaria che, aperto senza prima leggere l’introduzione dell’autore, può lasciare perplessi, se non addirittura confusi.

Ma cosa si è prefisso Paolo Maggiolo con questo volume? Lo spiega lui stesso così “ Perché mai Adversaria? Perché questa raccolta di brevi citazioni, che vede la luce nel quarantesimo anniversario della poco “formidabile” esperienza del Sessantotto, vuol esser prevalentemente di parte. Vuol prendere di mira, in poche parole, i luoghi comuni della sinistra, i suoi miti diffusi, le sue verità scomode, il suo finto progressismo, la sua grigia casacca conformista.”

Ora, considerato che la sinistra non è un corpo unico, come non lo è la destra, il prendere di mira il comunismo, ora che si è autoestinto, presta il fianco a critiche più o meno ampie, proprio per quel termine di sinistra che viene identificato con un unico credo politico ormai defunto. C’è questo limite, quindi, nell’opera che di per sé presenta motivi d’interesse, anche se l’autore sembra dimenticare che non esiste più una concezione di destra e di sinistra, come invece era presente nello scorso secolo. Secondo me, meglio avrebbe fatto smitizzando certe diffuse convinzioni, del tutto fallaci, che sono ormai dominanti nell’attuale società, indipendentemente da una loro connotazione politica, visto che interessano sia la destra che la sinistra.

Ciò premesso, al di là di quella che può essere l’ideologia politica del lettore, nel libro si trovano citazioni alle quali non si può negare un’effettiva valenza e di queste di seguito ne riporto alcune.



ASSEMBLEE



L’ignoranza, infarcita di noia, è il pane delle assemblee.

Léon Daudet (1867-1942), Melancholia, trad. Marina Russo. Novecento, Palermo 1989, p. 202



BASSA LEGA



Vogliono farci credere, i nostri politici, di essere i titani della seconda Repubblica. Sono le lavandaie di un Palazzo in decadenza, gli inquilini di una torre che non è di Babele solo perché la confusione delle lingue è stata sostituita dal groviglio degli insulti.

Mattias Mainiero (1955), Scritti pirati, Sovera, Roma 1999, p. 22





LETTERATURA / LETTERATI



Dove c’è una letteratura viva e superstite è perché vi sono grandi idee.

Paolo VI, papa (1897-1978), La ricerca dell’invisibile nel visibile , in Carità intellettuale, a cura di G.M. Vian, BSV, Milano 2005, p. 80



TELEVISIONE



La televisione è la fatalità, voglio dire la catastrofe del nostro tempo.

Emile M. Cioran (1911-1995), Lettera a Mario Andrea Rigoni, da Parigi, 21 aprile 1987, in E.M. Cioran, Mon cher ami. Lettere a Mario Andrea Rigoni (1977-1990), Il notes magico, Padova 2007, p. 95.



Non vado oltre, anche se sono presenti altre citazioni interessanti.

In pratica si tratta di opinioni, frutto di riflessioni, e quindi assumono le caratteristiche degli aforismi.

E’ un libro che val la pena di leggere perché appunto induce a pensare, ferma restando la pregiudiziale che l’autore è di parte e che il bersaglio ormai non esiste più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri