Saggistica Politica e attualità Cosa tiene accese le stelle
 

Cosa tiene accese le stelle Cosa tiene accese le stelle

Cosa tiene accese le stelle

Saggistica

Editore

Casa editrice

«Una sera di novembre del 1955 mia nonna, che aveva quarant'anni, riconquistò la libertà e si sentì felice: aveva preso in mano un libro ed era riuscita a leggere qualche pagina prima di addormentarsi.» Di solito Maria, la nonna di Mario Calabresi, andava a letto esausta, dopo una giornata spesa a lavare montagne di lenzuola e pannolini. Quella sera, quella in cui per la prima volta aveva usato la lavatrice, è stata, nei suoi ricordi, lo spartiacque tra il prima e il dopo. Oltre mezzo secolo più tardi ci siamo quasi dimenticati di quelle conquiste vissute così straordinariamente; oggi, anzi, il nichilismo, la sfiducia, il fatalismo sono gli umori e i sentimenti più diffusi nel Paese: gli anziani hanno nostalgia del passato, i giovani si rassegnano alla mancanza di prospettive, ed è comune la convinzione di essere capitati a vivere nella stagione peggiore della nostra Storia. Per definire questo malessere e capire quale sia la strada per uscirne, Calabresi ha ricomposto i frammenti di un tempo in cui si faceva fatica a vivere ma era sempre accesa una speranza, e di un presente così paralizzato da non riuscire a mettere a fuoco l'esempio di chi non ha mai smesso di credere nel futuro. «Per riprendere coraggio, per trovare ossigeno, mi sono rimesso a viaggiare nella memoria. Chi lo fa si sente immediatamente più forte: se ce l'hanno fatta loro, possiamo farcela anche noi.» Un grande viaggio nel vissuto del nostro Paese attraverso le storie di chi - scienziati, artisti, imprenditori, giornalisti e persone comuni - è stato capace di inseguire i propri sogni, affrontando a testa alta le sfide collettive e individuali del mondo di oggi. C'è chi è riuscito a offrire una speranza per i malati incurabili, chi è diventato un prestigioso astronomo e spera ancora di vedere l'uomo su Marte, chi ha trasformato la sua tesi di laurea in un'azienda californiana di successo, e chi ha deciso di cambiare il proprio destino giocando l'unica carta a sua disposizione, lo studio. Per intuire che in mezzo allo sconforto diffuso la strada esiste, perché coltivando le proprie passioni non si rimane delusi e perché la libertà si conquista, anche, con la volontà. Per scoprire un giacimento di vita, energia e coraggio, un luogo in cui «le stelle si sono accese per guidare il cammino degli uomini, la loro fantasia, i loro sogni, per insegnarci a non tenere la testa bassa, nemmeno quando è buio».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuti 
 
3.7  (6)
Approfondimento 
 
3.5  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cosa tiene accese le stelle 2013-01-19 20:57:52 antares8710
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    19 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'iniezione di autostima

Si sentiva proprio il bisogno di un libro di attualità che non parlasse dei problemi e delle negatività degli italiani. "Cosa tiene accese le stelle" di Mario Calabresi, è il classico libro al posto giusto nel momento giusto. Non dico che si debbano ignorare i libri di critica sociale, di analisi delle tante piaghe della nostra nazione (io stesso ne ho letto molti di questo genere), ma ogni tanto un libro che ti mette il buon umore e che ti fa capire che non tutto è perduto, ci vuole. E' un'iniezione di autostima, una ventata di buonumore.

Non è un romanzo nel senso stretto del termine. E' più che altro un saggio dove l'autore raccoglie le opinioni di tanti italiani di successo nel loro campo che, capitolo dopo capitolo, racconto dopo racconto, ci spiegano l'evoluzione dei costumi e della società italiana in modo sorprendente e per nulla ovvio. Non si tratta di una semplice storia della società italiana dal dopoguerra ad oggi, ma di un insieme di punti di vista di tanti testimoni di questo paese. E' questa l''aspetto più interessante del libro che mi ha convinto a comprarlo.

Ve lo consiglio per la piacevolezza della scrittura e per quella "botta" di felicità e di autostima che proverete nel leggere queste pagine

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cosa tiene accese le stelle 2012-07-24 07:15:44 p.luperini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
p.luperini Opinione inserita da p.luperini    24 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA POSITIVITA' E' DENTRO DI NOI

Finalmente ho letto un bel saggio sulla positività degli italiani, ma soprattutto sulla positività che dimora dentro ognuno di noi.
Mario Calabrese racconta la sua e altre storie di persone speciali che hanno dimostrato durante la loro vita una grande determinazione nel voler raggiungere i propri sogni.
Racconta la storia di persone che hanno raggiunto dei grandissimi successi ma che dalle loro parole sembra che debbano ancora raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi. Racconta anche storie di persone meno famose che comunque grazie alla loro tenacia e alla grande immaginazione percorrono strade inconsuete soprattutto in un momento storico così difficile.
Calabrese smonta il mito del detto "prima si stava meglio e ora sta andando tutto a rotoli" dimostrando che il problema dimora solo nelle nostre teste. Non riesce a dare una vera risposta al pessimismo che attanaglia gli italiani ma cerca di minimizzarlo con le storie dei personaggi intervistati.
Questo è sicuramente un bel saggio che trasmette una sferzata di energia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cosa tiene accese le stelle 2012-06-12 21:12:32 Nadiezda
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    12 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutti abbiamo bisogno di un sogno

L’ho letto in un momento in cui lo sconforto aveva preso il sopravvento e devo dire che mi è stato di molto aiuto per ritrovare la fiducia e per non mollare.

Si tratta di un’antologia di storie di persone normali e di personaggi famosi.
Di gente che ha guadagnato la propria libertà grazie alla lavatrice.
Personaggi del calibro di Umberto Veltroni che ci fanno vedere le cose dalla giusta prospettiva.
Moratti che ci racconta delle risse negli stadi anche quando lui era piccolo.
Bambini con malattie gravi che hanno una voglia di vivere ed una forza interiore maggiore degli adulti.

Tratta di tante altre storie su i vari temi e problemi del momento.
Storie che ci fanno riflettere e pensare sul passato e sul futuro.

In tutto i racconti sono quattordici e quello che mi ha colpito di più è stato il penultimo intitolato “Le poesie dei bambini” con protagonista il professor Giuseppe Masera il quale ogni giorno combatte per salvare i suoi piccoli pazienti dalla leucemia.

Un libro toccante, dolce, profondo, divertente, spensierato, triste e malinconico al tempo stesso.

Un libro da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cosa tiene accese le stelle 2011-09-20 14:08:30 SaraDuranTini
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
SaraDuranTini Opinione inserita da SaraDuranTini    20 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una speranza

Cosa tiene accese le stelle, romanzo di Mario Calabresi edito da Mondadori, rappresenta una perla nel panorama letterario italiano. Non mi riferisco solo allo stile, raffinato, elegante ma anche sapientemente nutrito da anni di esperienza (si parla di Calabresi, uomo colto oltre che direttore de La Stampa), ma anche all'alto contenuto narrativo risultato di un'attenta osservazione, di una ricerca continua nei confronti della situazione politica, sociale ed economica del nostro Paese.

Mario Calabresi, stimolato dalla continue lettere di italiani rassegnati, delusi, indignati, la cui voce è un grido silente che raccoglie solo taciti consensi, persone quindi che non credono nel futuro e che hanno perso la speranza, Calabresi è partito dai sentimenti degli italiani per far capire loro, attraverso le interviste e i racconti di artisti ma anche di gente comune, che l'Italia è ancora un Paese in cui si può sperare, il futuro è racchiuso nelle mani di coloro che non si perdono d'animo e conquistano la loro libertà grazie alla cultura, alla perseveranza degli obiettivi prefissati, alla tenacia.

Si passa dal racconto della nonna dell'autore, della libertà che è riuscita a conquistarsi nel 1955 acquistando la lavatrice e ritrovando un po' di tempo per se stessa, dedicandosi alla lettura (non importava quale libro avesse in mano, la cosa che le premeva era aprire un libro, dimostrare che poteva ancora dedicare del tempo alla sua persona) all'incontro con Franca Valeri, attrice e sceneggiatrice italiana, che, grazie alla sua ironia e acuta intelligenza, ha raccontato il passato attraverso gli oggetti della sua casa senza però rimpiangerlo, al contrario lei dice di amare i giovani di oggi solo che mancano di una guida che sia in grado di aiutarli a trovare la loro strada, la loro vocazione.

Ma nel libro c'è spazio anche per artisti come Lorenzo Jovanotti che ricorda una delle scene del film The Social Network per sottolineare quanto sia importante non solo il talento ma anche la volontà e la passione con le quali una persona deve portare avanti i propri sogni. Investire sui propri sogni sembrerebbe anche l'opinione di Umberto Veronesi e Massimo Moratti.
Durante gli incontri-intervista, Calabresi si spoglia degli abiti da giornalista e gioca con il suo interlocutore, trattandolo come un amico di vecchia data, cercando di far uscire ciò che davvero porta dentro di sé.

Mario Calabresi, nel suo romanzo Cosa tiene accese le stelle, mette nero su bianco la verità di quella parte di italiani, famosi e non, che hanno conquistato la libertà grazie alla maturità, alla costanza e alla dedizione nei confronti dei loro sogni. Perché sperare è ancora possibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cosa tiene accese le stelle 2011-07-10 09:10:40 libreriasemola
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
libreriasemola Opinione inserita da libreriasemola    10 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una luce in fondo al tunnel?

Va tutto a rotoli. Il nostro è un Paese senza futuro. Siamo l’ultima ruota del carro dell’Europa. Non ci sono soldi. E’ impossibile affermarsi per i giovani senza “spinte”. Eccetera.
Quante volte al giorno sentiamo queste frasi, le ripetiamo con insistenza?
Mario Calabresi, raccontando le storie di tanti italiani, celebri e meno celebri, prova a gettare una luce di speranza sul nostro cronico pessimismo lamentoso.
Quanto è migliorato il tenore di vita degli italiani nell’ultimo secolo? La medicina, l’istruzione, il cibo, i comfort, le comunicazioni, la pace, la speranza di vita...
Un affresco di un’Italia migliore di quanto temiamo, per non perder la speranza in un Paese che scivola a fondo.
Mondadori, euro 17

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli appassionati di attualità, ai pessimisti cronici, ai ragazzi.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cosa tiene accese le stelle 2011-06-06 15:47:04 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    06 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Seconda stella a destra questo è il cammino

Cosa tiene accese le stelle? Secondo il fisico Giovanni Bignami, l'ultimo dei tanti italiani più o meno famosi intervistati da Mario Calabresi in questo saggio: una fusione termonucleare. Ma se mi fermassi a questa risposta , dopo aver letto questo libro, vorrebbe dire non aver capito nulla e fare un torto all'autore. Ci riprovo: agli inizi degli anni '70 quando il dottor Giuseppe Masera si accorgeva che il bambino che aveva di fronte aveva la leucemia, taceva , sapeva che era uguale ad una condanna a morte senza appello. Una vota, una ragazzina di nome Lorena , approfittando di un momento di confusione in ospedale , s'infilo nella stanza dei medici lasciata incustodita, aprì la sua cartella clinica e copiò nel quaderno :"leucemia linfoblastica acuta".Poi tornò dal medico
lo guardò negli occhi e mostrandogli il quaderno gli chiese:"Dottore, devi dirmi cosa c'ho".
Il dottore gli spiegò dei globuli bianchi che si ammalano, di cocktail sperimentali che con lei stavano facendo effetto e aggiuse:"Se tu vai avanti così, con questa voglia di vivere, allora ce la possiamo fare".Lorena oggi ha 53 anni.
Loris Degioanni in un paese sperduto di poche anime ,Vinadio, da bambino mise degli spiccioletti da parte e si comprò un Commodore Amiga, oggi dirige una delle più grandi aziende nella Silicon Valley.Federico Grom e Guido Martinetti , nel 2002, erano due giovani laureati, con una passione:il gelato,ma pochi soldi.Andarono in giro per l'Italia, comprarono limoni d'Amalfi, nocciole piemontesi,i prodotti della tradizione italiana, volevano vendere gelati di qualità, sembrava la scoperta dell'acqua calda in un paese come il nostro con gelatai ad ogni angolo,eppure la loro idea si è dimostrata vincente: adesso possiedono 55 gelaterie in tutto il mondo. Sono tantissimi gli esempi di Italiani incontrati da Calabresi e se leggerete il libro ne rimarrete colpiti e forse scoprirete che cosa tiene accese le stelle, vi dò un aiutino: forse stanno lì per insegnarci "a non tenere la testa bassa neanche quando è tutto buio"
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Spingendo più in là notte
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri