Saggistica Politica e attualità Francesca e il Cavaliere
 

Francesca e il Cavaliere Francesca e il Cavaliere

Francesca e il Cavaliere

Editore

Casa editrice

I primi passi nel mondo dello spettacolo come showgirl del programma trash "Telecafone"; l'ingresso in politica passando per la segreteria di Fulvio Martusciello, dove viene concepita la singolare idea del fan club "Silvio ci manchi". Poi - ma quando? - il fatale incontro con lui, Silvio. La breve esperienza in consiglio provinciale e, infine, l'ufficializzazione del fidanzamento con Berlusconi, il 16 dicembre 2012. Ha dell'incredibile l'ascesa di Francesca Pascale, mezzo secolo in meno del suo fidanzato, che in pochi anni riesce a sbaragliare in volata le tante altre agguerrite contendenti al trono di Arcore. Lei, che non ha il fisico della top model, né la classe o lo charme dell'aristocratica, impara subito e bene. Corsi di dizione e portamento. Perfino di bon ton. Lo stile di Francesca post "Silvio ci manchi" è lontano anni luce dalla ragazza che leccava Calippo a gogò sulla spiaggia di Varcaturo. È sobrio e riservato. Quasi da signora. Quasi da first lady.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Francesca e il Cavaliere 2013-02-18 12:12:26 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    18 Febbraio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da Fuorigrotta con furore

Mariagiovanna Capone e Nico Pirozzi, come da consolidata
tradizione dell'Editore CentoAutori, ci consegnano un saggio chiaro e ben argomentato,
tutte le tesi illustrate sono accompagnate da note bibliografiche e puntuali citazioni
di documenti e fonti che permettono ai lettori di approfondire o eventualmente verificare
le vicende narrate.L'ascesa di una subrettina che dal quartiere napoletano di Fuorigrotta
giunge nell'agone politico che conta e soprattutto riesce a diventare la fidantazata di Silvio Belusconi, di per se non ha molto interesse,quello che conta e che il saggio ci consegna una fotografia della storia politica recente del nostro paese destinata a far riflettere gli addetti ai lavori e noi semplici lettori.Francesca Pascale comincia a muovere i primi passi nella trasmissione trash
Mariagiovanna Capone,giornalista
"Telecafone" condotta dal comico Oscar Di Maio, dopo qualche tempo di calippi e toppini ne avrà abbastanza, perchè la ragazza si dimostrerà sempre tenace ed ambiziosa,così deciderà di tentare la strada della politica militante: il suo mito? Silvio Berlusconi.
Nico Pirozzi e Luigi De Rosa
Con Fulvio Martusciello, politico napoletano di razza, e altre due ragazzine Emanuela e Virna, inventa nell'estate del 2006 lo slogan "Silvio ci manchi" che la farà conoscere al grande pubblico e ,finalmente!, al suo idolo di sempre Silvio Berlusconi. La vicenda Pascale avrà ulteriori sviluppi che comprendono episodi ormai noti della cronaca politica e del costume italiano dei nostri tempi,quali furono gli anatemi di Veronica Lario su La Repubblica all'indirizzo dell'allora marito Silvio Berlusconi,alle incomprensioni con politici del calibro di Nicola Corentino e Giggino Cesaro, ma di questo potrete leggere ampiamente nel testo. La domanda che un lettore medio come me si pone dopo la lettura di questo scritto è : come mai altri paesi ,Inghilterra e Germania su tutti, hanno avuto nelle stanze dei bottoni, Margaret Thatcher e Angela Merkel?, donne senz'altro ambiziose ma che la storia ha consegnato al rango di statiste capaci e preparate, mentre la nostra politica degli ultimi decenni ha partorito il nulla e non perchè in Italia manchino donne capaci, ma perchè c'è qualcosa di profondamente sbagliato nella nostra politica,forse questo è il vero dramma prodotto da quel fenomeno che gli addetti ai lavori chiamano berlusconismo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri