Fuori! Fuori!

Fuori!

Saggistica

Editore

Casa editrice

Matteo Renzi era il giovanissimo presidente della Provincia di Firenze a cui, alla fine del suo primo mandato, era stata promessa la sicura rielezione. Però non ha voluto fare il pollo di batteria e ha deciso di partecipare alle primarie per candidarsi a sindaco di Firenze, senza l’appoggio del suo partito, il Pd. Le ha vinte, è stato eletto, e oggi è il sindaco più amato d’Italia. Adesso vuole darsi da fare per tirare fuori l’Italia dal pantano in cui l’ha cacciata una politica vecchia e asfittica. In questo libro racconta la sua vita, le sue aspirazioni e dà voce alla speranza di una svolta. “Adesso tocca a noi” scrive “ridare fiato al Pd, ma soprattutto ridare slancio all’Italia”.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fuori! 2012-07-25 20:55:13 mariaangela
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    25 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

…e dentro un’etica civile, sociale, politica…

Matteo Renzi è il mio sindaco…ma io non sono fiorentina.
Un politico che ammette che il proprio mestiere non è vero sia una gran fatica, se fatto con passione e cuore e volontà.
Il libro è molto scorrevole, racconta molto di lui come persona, come politico, come sindaco, come padre di 3 figli.
Racconta fatti successi e fatti che si vorrebbe succedessero; forse un po’ autocelebrativo? Forse si, ma che ben venga se ciò che leggi lo condividi e leggi pure che una parte è stata realizzata e che c’è l’impegno di andare avanti per il bene comune .
Mi piace questo politico che senti vero, non si esprime in politichese; ciò che pensa te lo dice, ma ciò che più conta e che te lo fa anche chiaramente capire!
Qualche esempio?
No alla concertazione se deve significare valutare, riflettere, disquisire; solo un modo per rimandare le decisioni. Amministrare significa servire.
Rottamazione, questa odiata parola che altro non significa se non ricambio generazionale; dopo 3 mandati in Parlamento…ciao ciao!
L’obiettivo più importante è raggiungere lo scopo, indipendentemente dal colore politico, ciò che conta è la qualità delle persone.
A proposito, avete notato che in una delle capitali storiche del centrosinistra il vincitore è un outsider tiratosi fuori dal derby pluridecennale dalemiani-veltrioniani? Non sottovaluterei questo aspetto.
Patti chiari: ci dice e lo scirive che, se avessero vinto le primarie avrebbero cambiato Firenze; ma se le avessero perse lui avrebbe cambiato mestiere. Niente scialuppe di salvataggio, tipo candidarsi alle europee, né consigli di amministrazione di qualche azienda pubblica, ma sarebbe tornato a lavorare nel privato, nell’università, nel sociale.
Obiettivi concreti, piccoli impegni tutti verificabili: abbassare il numero degli assessori della giunta del Comune di Fi da 16 a 10, tutti scelti alla prima esperienza; e le donne sono la metà della giunta. Nominare i vertici delle municipalizzate a prescindere dalla tessera di partito. Andare una volta a settimana nelle scuole. Investire per collegare più di 100000 abitanti di Firenze al depuratore , che funziona tra l’altro molto bene. Nel primo anno sgombero di tre grandi strutture abusive occupate da anni; senza forza pubblica e Digos ma solo con la Polizia Municipale e con i servizi sociali, facendosi carico di individuare soluzioni a situazioni di piena emergenza. Sotto la sua guida, Firenze è stata la prima grande città italiana in cui è stato approvato un Piano strutturale a Volumi Zero.
Certo non un libro appassionante per dirla tutta, ma certo molto interessante; ti dice cose che forse già sai, ma è sempre utile tenersi svegli e all’erta.
Lo consiglio, sicuramente si, a chi ama leggere di attualità e politica in genere.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri