Saggistica Politica e attualità I barbari. Saggio sulla mutazione
 

I barbari. Saggio sulla mutazione I barbari. Saggio sulla mutazione

I barbari. Saggio sulla mutazione

Saggistica

Editore

Casa editrice

I saggi pubblicati a puntate su la Repubblica nel 2006, su vino, calcio, libri, musica classica, la Grande Muraglia cinese e la mutazione. "Dovendo riassumere, direi questo: tutti a sentire, nell'aria, un'incomprensibile apocalisse imminente; e, ovunque, questa voce che corre: stanno arrivando i barbari. Vedi menti raffinate scrutare l'arrivo dell'invasione con gli occhi fissi nell'orizzonte della televisione. Professori capaci, dalle loro cattedre, misurano nei silenzi dei loro allievi le rovine che si è lasciato dietro il passaggio di un'orda che, in effetti, nessuno però è riuscito a vedere. E intorno a quel che si scrive o si immagina aleggia lo sguardo smarrito di esegeti che, sgomenti, raccontano una terra saccheggiata da predatori senza cultura. I barbari, eccoli qua. Ora: nel mio mondo scarseggia l'onestà intellettuale, ma non l'intelligenza. Non sono tutti ammattiti. Vedono qualcosa che c'è. Ma quel che c'è, io non riesco a guardarlo con quegli occhi lì. Qualcosa non mi torna." (Alessandro Baricco)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I barbari. Saggio sulla mutazione 2014-01-30 10:02:33 LadyA
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LadyA Opinione inserita da LadyA    30 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I barbari

I barbari - Saggio sulla mutazione è un testo di Alessandro Baricco pubblicato da Fandango nel 2006 e che raccoglie trenta puntate fatte di riflessioni, consigli e citazioni sulla società moderna e i suoi innumerevoli cambiamenti pubblicate sul quotidiano La Repubblica dal 12 maggio al 21 ottobre 2006.

Baricco smette per un po’ i panni dello scrittore di romanzi per indossare quelli del sociologo e di colui che attraverso la ricerca, lo studio e l’osservazione dei cambiamenti e degli sconvolgimenti psicologici e morali avvenuti negli anni, utilizza un unico grande strumento per la comprensione della mutazione: la riflessione.

Chi sono i barbari? E cos’è la mutazione? I barbari siamo noi, sono tutti coloro che cedono alla trasformazione per permettere alla società e al nostro mondo di cambiare, evitando di arenarsi e di scomparire facendo la fine dei dinosauri. Una società che non cambia, che non muta, che non si evolve in qualche modo è costretta a scomparire. Così l’autore definisce barbari tutti coloro che sono consapevolmente e inconsapevolmente portatori dei cambiamenti nello stile di vita, nei rapporti umani, nelle leggi e soprattutto nei valori della nostra società. Ecco in cosa esattamente consiste il significato di mutazione: cambio di valori. Oggi i valori non sono quelli del passato, anzi sembrano essersi incrinati, persino scambiati e divenuti opposti rispetto a quelli che li hanno preceduti. Lo stesso autore lo spiega in modo chiaro e preciso.

“ Quanto a capire in cosa consista, precisamente, questa mutazione, quello che posso dire è che mi pare poggi su due pilastri fondamentali: una diversa idea di cosa sia l’esperienza, e una differente dislocazione del senso nel tessuto dell’esistenza. Il cuore della faccenda è lì: il resto è solo una collezione di conseguenze: la superficie al posto della profondità, la velocità al posto della riflessione, le sequenze al posto dell’analisi, il surf al posto dell’approfondimento, la comunicazione al posto dell’espressione, il multitasking al posto della specializzazione, il piacere al posto della fatica.”
Tutti ci rendiamo conto che intorno a noi molto sta cambiando, che le innovazioni tecnologiche ci hanno spinto verso un orizzonte nuovo che ha modificato il nostro modo d’intendere le esperienze e soprattutto l’esistenza stessa. E’ cambiato il modo di intendere le vicende quotidiane, di vivere la vita e tutto ciò che questo comporta. Attraverso un excursus che parte dai vini, passando per il calcio, fino ai libri e all’invenzione di Google, Baricco ci mostra come il concetto di valore sia cambiato e quindi ciò che prima era apprezzabile e ritenuto importante, adesso è stato connotato con differenti parametri di considerazione e qualità. I libri ad esempio. In passato erano manifestazione di eccellenza, facevano parte della cultura d’elite, le stesse librerie e biblioteche erano luoghi carichi di mistero e conoscenza. Oggi non è più importante il libro in sé, la preparazione per scriverlo e i concetti in esso espresso quanto invece esso sia commerciale. Oggi i libri vincenti sono i best seller, tipica espressione della cultura emergente e anche di ciò che si vende di più, ossia la massificazione dei contenuti e delle idee, persino dei gusti. Lo stesso uso di Google nasconde la volontà di non andare in profondità, manifesta l’intento di “navigare” superficialmente ogni tipo d’informazione, per sapere un po’ di tutto ma niente di nulla.

Questi atteggiamenti volti alla mutazione di tutto un modus vivendi che è partita da secoli addietro per giungere fino ad oggi, ci dimostra come i barbari siano tra di noi, siamo noi stessi, quando per comprare un libro invece di andare in libreria, andiamo al supermercato. Per molti, i nuovi valori moderni non sono veri valori ma è pur vero che senza il cambiamento il nostro mondo non sarebbe altro che un ammasso di ossa dimenticate e noi stessi saremmo soltanto gli ennesimi resti di animali estinti. Ma allora come si fronteggia questa mutazione? Attraverso la salvaguardia che di ciò del passato vogliamo portare con noi in questa tremenda ma fascinosa mutazione che è già in atto. Baricco, in conclusione, cita la Grande Muraglia Cinese. Essa fu costruita per proteggere la civiltà cinese dalle scorribande dei barbari. Il Re, considerato Dio in terra aveva due possibilità nei confronti dei nemici saccheggiatori: commerciare con loro e accettare i loro scambi, ma questo avrebbe comportato un “contatto” con quegli esseri incivili che avrebbe rischiato di contaminare l’eccelsa civiltà cinese con quella barbara. Lo stesso valeva se si decideva di attaccarli e quindi di combatterli, anche questo avrebbe comportato una contaminazione. Così i cinesi scelsero una terza possibilità: ergere un muro che stabilisse un confine tra loro e i nemici, senza accorgersi che in questo modo non si difendevano dai barbari ma bensì erano proprio loro ad inventarli. Secondo Baricco, è un po’ quello che stiamo facendo noi quando cerchiamo di allontanarci dai “mutanti”, dai loro nuovi valori e dalla loro ideologia di base: la spettacolarità, il successo, la velocità. La genialità ad esempio, così tanto esaltata nel passato, oggi ha perso qualsiasi interesse, perché il genio è lento. E’ la moltiplicazione la chiave del successo, le infinite possibilità, non importa se si perde la qualità, se si perde la fede, se si perde l’anima. I barbari non hanno anima, non hanno un totem, non hanno il rispetto dei valori, essi arrivano e travolgono tutto. Essi corrono, saltano, aggraffano qualsiasi cosa e la spogliano di bellezza, di talento, la spogliano del sacro. Non è consigliabile combatterli, perché ci siamo dentro fino al collo. Anche voi che adesso state leggendo… Non dimenticate di comprare il libro. Mi raccomando, però, in libreria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
I barbari. Saggio sulla mutazione 2011-04-21 09:16:01 ODonnoly
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ODonnoly Opinione inserita da ODonnoly    21 Aprile, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Allarmista ma ...non troppo....

La perdita della coscienza personale a favore di un "collettivismo" che è la forma più subdola di annientamento dell’”io”e delle qualità individuali.
Gusti e sapori universalmente apprezzati, livellamento e appiattimento di ogni aspetto della sfera culturale-emotiva.
Questo libro è una denuncia di una situazione che rischia di travolgere tutti quanti.
Purtroppo il processo, secondo l’autore, è irreversibile ma conoscendolo, possiamo attuare delle precauzioni per evitare di esserne travolti.

Ho apprezzato molto gli spunti di riflessione proposti da Baricco.
In un mondo di persone intercambiabili che si somigliano in tutto, è importante riscoprirsi individuo capace di discernere in modo autonomo su quanto ci circonda.

Due libri da abbinare a questo saggio: "1984" di Orwell e "La Fonte meravigliosa" di Ayn Rand, entrambi precursori nel denunciare i rischi della perdita dell’individualità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri