Saggistica Politica e attualità I cantieri della storia
 

I cantieri della storia I cantieri della storia

I cantieri della storia

Saggistica

Editore

Casa editrice

Ripartire, ricostruire, rinascere. Ne abbiamo gran bisogno. La buona notizia è questa: siamo capaci di farlo. Civiltà intere sono sopravvissute a eventi terribili. Dopo ogni guerra c'è una ricostruzione. Dopo ogni depressione arriva un'età dell'ottimismo e del progresso. Federico Rampini racconta storie di tragedie collettive, sconfitte, decadenze, seguite da «miracoli». Successi costruiti partendo dalle macerie, quando tutto sembrava perduto, e invece stava per sorgere una nuova luce all'orizzonte. I cantieri dove si sono raccolte le energie e le idee, per costruire un futuro migliore. Il crollo dell'Impero romano è l'archetipo di ogni decadenza. Ogni altro impero o superpotenza ha paura di fare quella fine, cerca di capire come accadde, tenta di evitare quel destino. Nuove interpretazioni dell'antichità rivelano gli eventi fatali che possono portare una civiltà a soccombere. E quali speranze sopravvivono a quei disastri epocali. A metà dell'Ottocento l'America dello schiavismo, della guerra civile, periodo tragico in cui un popolo si è diviso a morte, lascia tracce profonde nell'America di oggi, segnata dalla questione razziale. Anche nei suoi fallimenti, quel periodo ha molto da insegnarci. La Grande Depressione degli anni Trenta è la madre di tutte le crisi nell'era contemporanea. In mezzo all'impoverimento di massa, genera uno degli esperimenti più audaci di innovazione politica al servizio dei cittadini, il New Deal. Il Piano Marshall del 1947 è un altro cantiere: con quegli aiuti l'Europa cominciò la ripresa dopo il più distruttivo dei conflitti. Ma chi ricorda oggi come funzionò? Esplorarne la storia reale illumina il dibattito attuale sul Recovery Fund nell'Unione europea post-pandemia. Dei «miracoli» nel dopoguerra quello francese era il più improbabile. La Francia subisce tre sconfitte ravvicinate - il secondo conflitto mondiale, l'Indocina, l'Algeria - e ha un sistema politico a pezzi. Il Giappone è un caso unico nella storia, dopo la guerra i giapponesi importano la liberaldemocrazia come la prescrive l'America. Le rinascite non sono mai finite: dall'incidente nucleare di Fukushima alla gestione della pandemia. Della Cina è memorabile il riscatto dopo due abissi: la Rivoluzione culturale nella seconda metà degli anni Sessanta, il massacro di Piazza Tienanmen nel 1989. È andata ben oltre le aspettative, fino ad avverare in buona parte le previsioni di un «secolo cinese». È la reazione collettiva alla sciagura a stabilire se una comunità ne esce fiaccata oppure purificata e rinvigorita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I cantieri della storia 2021-01-28 19:18:41 Vita93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    28 Gennaio, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Domani è un altro giorno

Federico Rampini, corrispondente de “La Repubblica” da New York ed ex vicedirettore de “Il Sole 24 Ore”, è un giornalista nomade, esperto osservatore della geopolitica mondiale. Lettore avido e scrittore prolifico, Rampini parte, in questa ultima opera, da un panorama odierno in cui il dibattito quotidiano è incentrato su termini quali pandemia, vaccino, Recovery Fund. Quest’ultimo, in particolare, stuzzica la speranza del giornalista, che a tal proposito elenca casi emblematici di civiltà sopravvissute ad eventi terribili, guerre a cui sono seguiti incredibili riscatti e progressi, cantieri dove si sono raccolte idee, energie, forze umane per costruire un futuro migliore.

Il primo caso è quello del crollo dell’Impero romano d’Occidente, archetipo di ogni decadenza. Un effetto combinato di molteplici fattori epidemiologici, sociali, climatici, religiosi e politici indeboliscono un impero agonizzante all’alba delle invasioni barbariche, simboleggiate dal sacco di Roma del 410 e dalla deposizione di Romolo Augustolo ad opera di Odoacre nel 476. Dopo un progresso millenario, con il Medioevo muore la conoscenza delle lingue antiche, avanza l’analfabetismo di massa. Si apre un “cantiere” destinato a dare risultati secoli dopo: il monachesimo. Umanesimo, Rinascimento ed Illuminismo non sarebbero stati gli stessi se i monaci non avessero permesso la trasmissione del sapere e la custodia di alcuni fondamentali tesori della civiltà occidentale ellenistica e latina.

Con un salto di circa 1400 anni ci spostiamo al 1861, data di inizio della guerra civile americana. È una vicenda priva di una narrazione unica. Nella versione dei “vincitori”, il conflitto ha avuto al centro l’abolizione dello schiavismo. Per il versante sudista è stata una colonizzazione ipocrita e capitalistica a danno dei sopraffatti latifondisti. Una storia di ideali e speranze, di diritti acquisiti e poco dopo nuovamente tolti, di amarezza e risentimento che permangono ancora oggi fino a sfociare in una tensione razziale mai del tutto sopita, in un clima culturale caotico e pressapochista tra razzismo esplicito e negazionismo da una parte, rito della cancellazione e revisionismo monodimensionale dall’altro. Una pagina storica controversa che, nonostante tutto, ha seminato per il futuro, creando le basi per importanti ideologie progressiste e conquiste democratiche.

Il capitolo successivo riguarda la Grande Depressione degli anni Trenta, la madre di tutte le crisi economiche e sociali contemporanee. Ai Roaring Twenties, i ruggenti ed edonistici anni venti de “Il grande Gatsby”, segue un tragico impoverimento di massa, raccontato da Steinbeck in “Furore”. Le ricette di Roosevelt inizialmente non funzionano. Ma il presidente è un leader coraggioso e pragmatico, in grado di cambiare radicalmente. Affianca il New Deal alla teoria del deficit spending keynesiano, manovrando con vigore le leve della spesa pubblica per far ripartire la crescita, e diventa globalista ed internazionalista con l’avvento della seconda guerra mondiale. Un’impalcatura vincente, architrave della ritrovata pace europea e della rinascita del capitalismo americano.

Pochi anni dopo entra in scena il celebre Piano Marshall, varato nel 1948. È la dimostrazione che la Storia è fonte di insegnamento. Nella pace di Versailles del 1919, la Germania viene colpita con pesanti clausole vessatorie che, insieme ad altri fattori, conducono al vittimismo, al revanscismo, al nazionalsocialismo. Una gestione della vittoria fallita. Al termine della seconda guerra mondiale il segretario di Stato Marshall, assecondato da Truman, non vuole commettere lo stesso errore. Desidera un nuovo ordine pacifico, un’Europa ricostruita che includa la Germania (Ovest) in qualità di locomotiva, al riparo da anarchia, miseria e rivoluzioni comuniste sovietiche. Gli Stati Uniti forniscono ai tedeschi un ulteriore aiuto: la cancellazione del debito estero che la Germania aveva nei confronti dell’America. Una lezione di magnanimità e lungimiranza che in tempi recenti è stata prima dimenticata, nel caso del dogma dell’austerity, e poi rivalutata con il Recovery Fund.

Tra le varie rinascite, la più improbabile è quella della Francia, successiva a tre sconfitte consecutive e ravvicinate. La debacle militare del 1940, l’invasione tedesca, il governo collaborazionista del maresciallo Pétain, la disfatta nella guerra d’Indocina, le violente battaglie in Algeria che dissanguano la Quarta Repubblica e isolano il paese a causa della forte condanna internazionale. Dopo un ventennio tragico, il generale De Gaulle inaugura la Quinta Repubblica nel 1959. Proclama il ritorno della grandeur francese e ridisegna il sistema politico con un meccanismo forte e stabile. Genio politico pragmatico, a metà strada tra il comandante e il pensatore, tra il trascinatore ed il fine stratega, restituisce alla Francia un ruolo centrale in politica estera ed inaugura l’asse franco-tedesco, lasciando tracce profondissime del suo passaggio.

Contemporaneo al riscatto francese, nel continente asiatico sale alla ribalta delle cronache il caso del Giappone, unico esempio di nation-building riuscito grazie ad un’occupazione militare di una potenza estera. Dopo la devastante sconfitta, i giapponesi si sentono liberati dall’ideologia militarista e dalle ristrettezze causate da uno sforzo bellico prolungato. Seguono i diktat dell’invasore, impersonificato dal venerato plenipotenziario generale MacArthur, importando la liberaldemocrazia americana ed abbracciando una serie di riforme politiche ed economiche. Recuperata la propria sovranità nel 1952, segue un boom economico senza precedenti, con il raggiungimento della leadership globale negli anni settanta e ottanta. A distanza di decenni, il Sol Levante è una superpotenza tecnologica, una società mediamente colta e raffinata con un’alta qualità della vita, capace di rinascere continuamente dalle macerie.

Lo sviluppo della Cina è infine il cambiamento più importante della storia contemporanea. Un vero e proprio riscatto sociale dopo i due tragici abissi della Rivoluzione culturale ideata da Mao ed il massacro di Piazza Tienanmen del 1989. La strada intrapresa dalla Cina nell’ultimo trentennio, da paese arretrato e isolato a superpotenza al centro della scena globale, dà le vertigini. Un percorso controverso, a tratti non edificante, che da Deng Xiaoping a Xi Jinping ha sollevato dalla miseria un miliardo di persone in un incredibile mix di occidentalizzazione (economica, tecnologica, scientifica, consumistica) e rigido attaccamento all’identità propagandistica e censoria del Partito.

“I cantieri della storia” è un’efficace raccolta di ritratti di leader politici, storie collettive, progetti condivisi, personaggi dimenticati, energiche e commoventi reazioni dei popoli di fronte alle sciagure affrontate. Un concentrato di memorie, letture e speranze che confidiamo possa essere di buon auspicio per le sfide future che attendono l’Italia, l’Europa e il mondo intero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli aerostati
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Io e Mr Wilder
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vie di fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fattoria del Coup de Vague
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.4 (3)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna in guerra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto a posto tranne l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri