Il secolo cinese Il secolo cinese

Il secolo cinese

Saggistica

Editore

Casa editrice

Il secolo cinese, riportiamo una breve presentazione del saggio. "Quando la Cina si sveglierà, il mondo tremerà." Questa celebre profezia, pronunciata da Napoleone nel 1816 e poi ripresa da Lenin poco prima di morire, sembra essersi avverata. E le conseguenze per tutte le altre nazioni, prima ancora che politiche o militari, sono di carattere economico. La dirompente potenza industriale di un paese che ospita un quinto della popolazione mondiale e alcune importanti riforme economiche hanno fatto sì che in pochissimi anni la Repubblica popolare cinese superasse quasi tutti i paesi occidentali nella classifica delle nazioni più ricche e che le sue merci invadessero il mercato globale, mettendo in gravi difficoltà molte piccole e grandi imprese, anche quelle tecnologicamente avanzate. Eppure, benché gli indicatori economici e gli ultimi eventi politici suggeriscano che il XXI secolo sarà il "secolo cinese", come il Novecento fu il secolo americano, per noi occidentali questo immenso paese dalla storia millenaria continua a restare in larga parte un mistero. Federico Rampini, attraverso una collezione di storie di vita quotidiana, ritratti di nuovi potenti e uomini comuni, racconti di viaggio in città come Shanghai, Hangzhou e Hong Kong, le capitali del domani, ci apre le porte della nuova superpotenza. Ne percorre le rotte più remote, dai poveri villaggi contadini ai margini dello sviluppo, ai luoghi in cui si stanno compiendo opere di ingegneria di dimensioni mai tentate prima dal genere umano. Incontra i nuovi capitalisti, "i comunisti più ricchi del mondo", i grandi registi cinematografici e gli artisti che lottano contro la pesante censura attuata dal partito unico, il cui potere è ancora ben saldo. Entra nei laboratori e nelle università in cui la qualità della ricerca scientifica non ha più nulla da invidiare agli Stati Uniti, e ci svela il senso delle scelte politiche di una nazione che non fa più mistero delle proprie ambizioni neoimperiali. Sta iniziando un nuovo capitolo della storia dell'umanità e, come ci mostra Rampini, ora più che mai è urgente interrogarsi sul destino del gigante asiatico. Esiste una chance per la democrazia entro i suoi confini? È possibile che il suo impetuoso sviluppo economico non sia altro che un'enorme bolla sul punto di scoppiare, trascinando il resto del pianeta in una crisi di proporzioni inimmaginabili? In che modo gli Stati Uniti difenderanno la propria supremazia? Si tratta di questioni cruciali, perché da esse dipende in gran parte anche il nostro futuro.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il secolo cinese 2014-04-27 22:02:44 Carpineti
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Carpineti Opinione inserita da Carpineti    28 Aprile, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sopravviveremo?

Nell'oggi del 2014 dopo una crisi economica che ancora morde e dalla quale non è ancora certo quanto sarà triste il lascito che vedremo nei prossimi anni, delle riflessioni su come l'economia sia diventata il fulcro di tutto, in grado anche di abbattere e triturare ogni cosa concreta e astratta. Le nuove terminologie con cui ci interfacciamo quotidianamente, che ci fanno sudare e temere e speriamo sempre di poter dimenticare nelle pagine dei quotidiani...parlo di spread, di Mercati, di globalizzazione, di debito, di default, di PIL, di agenzie di Rating...
Siamo trascinati, perturbati, destabilizzati da leve "astratte" sulle quali non abbiamo potere o difesa alcuna, delle divinità alle quali non ci possiamo opporre e nulla possiamo contrapporre.
In questo panorama contemporaneo e globalizzato, e a tratti decadente, una stella in crescita ed una parola mancante alla mia introduzione e' CINA.
Federico Rampini come inviato d'eccezione ci da la sua visione dei fatti di quello che sono i trascorsi storici che hanno portato la Cina "paese" ai giorni nostri ( a dire la vertita' di dieci anni fa visto che il libro e' del 2002 ) e che ci presentano la Cina "economica".
Nel libro vengono trattati molteplici aspetti, dalla cultura alla storia, dai leader politici più importanti alla figura del partito unico, dal concetto di libertà al tema della crescita economica soprattutto.
Ho riscontrato che tutti i temi trattati sono maglie che annodate assieme tessono un libro orientato alla folgorante ( perché non potrebbe essere diversa ) presentazione economica della Cina.
Il libro e'estremamente interessante, scritto da un giornalista intelligente e preparato. Non so quanto voglia essere un'impronta voluta o solo una mia proiezione scaturita dalla lettura, il timore di essere fagocitato irrimediabilmente dalla Cina economica, di essere una generazione al bivio fra la Pax Americana e la Pax Cinese, testimoni lontani ( ma solamente in termini di distanze chilometriche oggettive ) involontari e forse impauriti di un cambio epocale dove ci si chiede sempre con più insistenza come saranno i dominatori ( economici ) del nuovo secolo, i nuovi padroni, che dietro ad una tradizione di millenni stanno facendo i conti con le regole del "fulcro economia" apparentemente dominandolo, ma dove non si esclude che a breve termine siano dietro l'angolo nodi sociali da dover districare...
Unico grigio del libro che letto oggi dopo essere stato scritto dieci anni fa seppur realista, come tutte le notizie di impronta giornalistica dopo un giorno come dopo dieci anni appare...impolverato come il quotidiano "di ieri ".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il secolo cinese 2011-11-20 18:29:07 alexmai
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
alexmai Opinione inserita da alexmai    20 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vivono tra noi

Vi è mai capitato di leggere un libro e volerne parlare con tutti prima ancora di averlo finito? Ho appena terminato un viaggio virtuale nella Cina del XXI secolo, Il secolo cinese di Federico Rampini. L'autore è l'inviato di Repubblica a Pechino, quindi uno degli italiani più preparati sull'argomento.
Potrei parlarvi di almeno dieci capitoli del libro che mi hanno lasciato a bocca aperta, ma vi rovinerei la sorpresa. Leggetelo, e aprite gli occhi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri