Saggistica Politica e attualità L'armadio della vergogna
 

L'armadio della vergogna L'armadio della vergogna

L'armadio della vergogna

Saggistica

Editore

Casa editrice

Fra il 1943 e il 1945 decine di migliaia di civili furono vittime di 2273 stragi brutali compiute da nazisti e fascisti in tutto il paese. Nei mesi successivi alla Liberazione, molti dei colpevoli furono individuati e su di loro furono aperti procedimenti penali. Ma dal 1947 una mano ignota ha messo tutto a tacere. Dentro un armadio custodito nella Procura generale militare, 695 fascicoli sono rimasti sepolti per mezzo secolo. Dal 1994 la Procura militare ha riavviato i processi a carico dei pochi superstiti. L'autore, che ha portato alla luce l'esistenza dell'armadio della vergogna, ripercorre l'intera vicenda dell'insabbiamento e ricostruisce quelle stragi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'armadio della vergogna 2007-09-05 17:58:23 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    05 Settembre, 2007
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vergogne

Colgo l’occasione della bella trasmissione su Rai3 in prima serata del 2 settembre 2007, condotta in modo egregio da Lucarelli, per parlare di questo libro di cui più volte si accennato nel corso dell’ esauriente svolgimento di questo argomento, dove la prima vergogna è di chi ha commesso crimini di inaudita ferocia e la seconda, altrettanto grave, è di coloro che hanno imboscato tutta la documentazione di tali misfatti, onde evitare di rinviare a giudizio i colpevoli. Si è parlato di ragion di stato, di opportunità politica, ma resta il fatto che nessuna giustificazione, dico nessuna, può trovare fondamento quando si tratta di punire chi si è macchiato di infamie contro l’umanità.



Fra il 1943 e il 1945 decine di migliaia di civili furono vittime di stragi orrende compiute dai nazisti e dai fascisti in tutta l'Italia. Nei mesi che seguirono la Liberazione furono individuati molti dei colpevoli e a loro carico si aprirono procedimenti penali. Dal 1947, però, ignoti hanno messo tutto a tacere, rinchiudendo in un armadio della Procura generale militare ben 695 fascicoli; e non fu una dimenticanza, ma un atto voluto. Dal 1994 la Procura ha riaperto i processi a carico degli ormai pochi superstiti che, al termine dei procedimenti, benché riconosciuti colpevoli e condannati a lunghe pene detentive, sono rimasti in libertà, avendo tutti già superato gli ottant’anni di età.

Franco Giustolisi, che ha portato alla luce l'esistenza di questo armadio della vergogna, tratteggia nel volume in modo inequivocabile l'intera vicenda dell'insabbiamento delle prove e ricostruisce, sulla base dei documenti e delle indagini a suo tempo esperite, quelle stragi, infami per efferatezza e crudeltà.

La commissione parlamentare d'inchiesta, indetta per stabilire i colpevoli di questa criminale decisione di lasciare impuniti i crimini di guerra, ha concluso lo scorso anno i lavori con una duplice relazione, una di maggioranza tendente ad escludere dalla colpa i politici dell’epoca e una di minoranza, che invece ne ha ribadito il coinvolgimento. In buona sostanza le cose hanno finito per rimanere come erano, nel pieno rispetto di un disegno volto al raggiungimento di questo scellerato fine, che non ammette scusanti.

E' un libro che dovrebbe essere diffuso anche nelle scuole, affinché i giovani sappiano dell'orrore che ha caratterizzato la storia del nostro paese negli ultimi anni di guerra e che traggano le dovute considerazioni dal comportamento di una certa classe politica che ha cercato di nascondere la verità alla giustizia per così tanti anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri