Saggistica Politica e attualità La mafia siamo noi
 

La mafia siamo noi La mafia siamo noi

La mafia siamo noi

Saggistica

Editore

Casa editrice


Spesso si parla di "infiltrazione" delle mafie, come se qualcosa di infetto entrasse in un tessuto sano, ma sono tante le fasce della società invischiate nella rassicurante zona del compromesso e della contiguità. La mafia è una presenza pervasiva, una rete che tiene insieme le molte figure che fanno funzionare l'economia, la politica, la società: piccoli e grandi imprenditori, uomini di chiesa, professionisti, manovalanza, funzionari, pedine mute che lasciano che le cose accadano, senza reagire. La mafia siamo noi che non ci chiediamo cosa accade dietro le quinte, cosa provocano i nostri consumi, le nostre serate in discoteca e nei ristoranti alla moda, chi finanziano e quale sistema rafforzano. Il primo passo è conoscere la realtà che ci circonda, farci carico dei problemi del nostro territorio. Seguendo il percorso delle inchieste, Sandro De Riccardis disegna una mappa del fenomeno mafioso e del movimento antimafia tra il nord e il sud, raccontando le storie di chi - con «sottile coscienza» - custodisce lo spazio in cui vive e decide di agire. Libero Grassi, Renata Fonte, Angelo Vassallo, Lea Garofalo, don Pino Puglisi, Rosario Livatino, Hyso Telharaj, Cortocircuito, WikiMafia, e tutti gli altri ci dicono che l'impegno condiviso di cittadini che credono in un progetto di riscatto è più forte della paura e dell'intimidazione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La mafia siamo noi 2018-04-16 07:46:08 ornella donna
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    16 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una mappa all'interno della criminalità mafiosa

In La mafia siamo noi di Sandro De Riccardis, la provocazione è immediatamente evidente. Un paradosso lapalissiano. E’ un viaggio:
“da nord a sud negli equivoci della lotta alla mafia, attraverso le occasione perse dallo Stato e dalla società civile.”.
La “mafia siamo noi” che non chiediamo che cosa accade dietro le quinte, cosa provocano i nostri consumi, le nostre serate in discoteca e nei ristoranti alla moda, chi finanziamo senza saperlo, in modo occulto. La mafia è una presenza pervasiva, un collante tra varie strisce della società: piccoli imprenditori, uomini di chiesa, manovalanza silenziosa che vede ma che non parla, non denuncia, sta a guardare, spettatore passivo attonito e lungimirante. Il primo passo, quindi, è dato dalla conoscenza della realtà, del farsi carico attivo e non passivo dei problemi del nostro territorio. L’autore disegna una mappa precisa del fenomeno mafioso e del movimento antimafia, narrando le esperienze – di chi con “sottile coscienza”- decide di agire. Il riscatto è possibile, è più forte della intimidazione, e uomini come Libero Grasso, don Pino Puglisi, Rosario Lavatino sono testimonianze che fortificano. Ci si domanda:
“ chi è più corrotto, il venditore o il compratore? E quanto deve essere corrotta una società perché i suoi cittadini cerchino droghe per fuggire dalla realtà a prezzo di sangue e sofferenza dei suoi vicini?”
Un saggio profondo ed illuminante, ricercato ed intenso, su di un fenomeno che lo Stato Italiano, dopo tanti anni di lotte intestine, non riesce ancora a sconfiggere. Infatti l’autore:
“ho cercato di tracciare la mappa di una criminalità che si è dimostrata sempre più capace di fare sistema, di creare legami con imprenditori e professionisti, di nascondersi persino nella retorica dell’antimafia. Assicurandosi una rendita di potere che resiste, elezione dopo elezione, anche quando una amministrazione viene sciolta per infiltrazioni mafiose, sempre più solerte nel costruire rapporti di reciproca convenienza.” .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una di luna
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto comandamento
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza e la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri