Saggistica Politica e attualità Lettera a un figlio su Mani pulite
 

Lettera a un figlio su Mani pulite Lettera a un figlio su Mani pulite

Lettera a un figlio su Mani pulite

Saggistica

Editore

Casa editrice

Che cos'è Mani pulite e, soprattutto, qual è oggi la sua eredità? L'ex giudice e sostituto procuratore della Repubblica di Milano Gherardo Colombo racconta gli anni drammatici e carichi di speranza che lo hanno visto tra i protagonisti della più importante inchiesta giudiziaria della recente storia d'Italia. A partire dal 17 febbraio 1992, giorno dell'arresto del presidente del Pio Albergo Trivulzio di Milano, Mario Chiesa, Colombo racconta un'esperienza decisiva per la società italiana rivolgendosi per la prima volta a tutti quei ragazzi allora non ancora nati o ancora troppo giovani per comprendere quella stagione. "Lettera a un figlio su Mani pulite" diventa così l'opportunità di ripercorrere una vicenda che suscita tuttora slanci di consenso e sostegno; è il libro di un padre capace di trasmettere il senso ideale della giustizia e del rispetto delle regole; è l'occasione per ricostruire una stagione controversa consegnata ormai alla storia della nostra nazione, e da quello slancio urgente di giustizia ripartire per trovare soluzioni efficaci a problemi che sembrano ancora tragicamente attuali.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lettera a un figlio su Mani pulite 2018-10-19 15:02:50 luvina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    19 Ottobre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tangentopoli

“Lettera a un figlio su Mani Pulite” è un saggio sotto forma di racconto a qualcuno che non ha vissuto quel periodo, di quella parentesi storica che decretò la fine della politica così come la si conosceva fino ad allora. Iniziò tutto nel 1992 con l’arresto di Mario Chiesa e da quell’evento in poi un vero e proprio terremoto scosse la nostra società. Questo terremoto mise sotto i riflettori per la prima volta la magistratura italiana con la spettacolarizzazione dei processi (nacque “Un giorno in pretura”) e con la personalizzazione delle inchieste (il pool investigativo e Antonio di Pietro) ma mostrò anche all’opinione pubblica il sistema corrotto della politica, la corruzione di tutti gli strati della società comprese anche istituzioni come la Guardia di Finanza o la magistratura stessa. Mentre la prima parte del libro racconta i fatti e il clima di quegli anni, nella seconda ci sono le riflessioni personali su ciò che è accaduto e sulle sue implicazioni.
Naturalmente il punto di vista espresso nel libro è quello di un magistrato che fece parte di quel famoso pool, Gherardo Colombo, ed è proprio lui che arriva ad una conclusione: nonostante il lavoro svolto in quel periodo la corruzione così come la concussione sono ben lungi dall’essere sparite dalla nostra società a qualsiasi livello. Una frase emblematica “…in questo Paese abbiamo un duplice ordine di regole. Non è vero che gli italiani non osservano le regole in generale. Osservano altre regole.” Ma perché hanno vinto le regole di Tangentopoli? La riflessione che Colombo fa è che “non è attraverso un processo penale che si può risolvere un problema endemico come la corruzione in Italia…Il campo nel quale intervenire è quello dell’educazione più che quello giudiziario” e quindi vale la regola della prevenzione, del creare anticorpi contro questa piaga. L’inchiesta della magistratura serve a svelare il sistema corruttivo, a punirlo a cose fatte, ma a monte ci deve essere prevenzione e conoscenza ed è per questo che Colombo sta impiegando gli anni del suo pensionamento a girare l’Italia per incontrare gli studenti delle suole superiori.
Un’ultima riflessione: gli anni di Tangentopoli sono stati forse l’ultimo atto di partecipazione alla vita pubblica di tutti, prima del ripiegamento su noi stessi. Tutti si scendeva in piazza, ci si indignava, si chiedeva giustizia, si seguivano i processi, ci si interessava alla politica in prima persona, alla Res Publica nel senso latino della parola.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha vissuto quegli anni ma soprattutto a chi non c'era
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli aerostati
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Io e Mr Wilder
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballo di famiglia
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Vie di fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fattoria del Coup de Vague
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.4 (3)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna in guerra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto a posto tranne l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri