Mai ci fu pietà Mai ci fu pietà

Mai ci fu pietà

Saggistica

Editore

Casa editrice

Una vicenda criminale che non smette di porre interrogativi inquietanti e le cui propaggini arrivano fino ad oggi, come svelato dall'inchiesta Mafia Capitale sulla nuova cupola capeggiata da Massimo Carminati. È la storia della banda della Magliana, un gruppo nato alla fine degli anni Settanta e composto agli inizi da malavitosi di borgata, figli maledetti del popolo e della miseria ma scaltri abbastanza per mettersi al servizio di poteri occulti, della mafia e delle frange eversive che miravano a destabilizzare il Paese. Scritto con il ritmo narrativo del romanzo e con una rigorosa aderenza ai fatti, Mai ci fu pietà ripercorre le tappe di un sodalizio che ancora ai nostri giorni occupa un posto di rilievo nell'olimpo della malavita imprenditoriale. Angela Camuso, che ha attinto per il suo lavoro a centinaia di documenti giudiziari, compresi quelli di Mafia Capitale, fa parlare i protagonisti senza omettere nomi, luoghi e circostanze in una sequenza agghiacciante di delitti e misteri: dall'omicidio del giornalista Mino Pecorelli al sequestro Moro, dal rapimento di Emanuela Orlandi alla misteriosa morte, nel 2012, di Angelo Angelotti, il bandito che tradì Renatino De Pedis.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mai ci fu pietà 2019-10-21 08:21:29 zonauefa
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
zonauefa Opinione inserita da zonauefa    21 Ottobre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia d'Italia criminale


Nonostante che il sottotitolo faccia esplicito riferimento alla banda della Magliana, il libro è uno spaccato di svariati decenni di storia d’ Italia vista in ottica criminale.
Dopo gli anni del boom economico, quando il concetto di benessere ha cominciato ad imprimersi bene nell’immaginario della popolazione, sono cominciate ad essere evidenti anche le disuguaglianze sociali che tale boom ha creato. L’ evidenza di questa nuova ricchezza mal distribuita, ha fatto da volano al salto di qualità della criminalità, che con rapine, sequestri di persona, e traffico di droga ha fatto degli anni ‘70 (e ’80) già martoriati dalla guerra politica e dal nascente terrorismo, uno dei periodi più sanguinosi della storia italiana.
Il libro narra quindi le vicende criminali di tutto quel periodo, ed essendo ambientato a Roma ha la banda della Magliana come assoluta protagonista, ma con riferimenti alla camorra, alla mafia, al clan dei marsigliesi, al clan Turatello, al terrorismo nero e rosso, ai servizi deviati, alla malapolitica, alla malagiustizia, alla corruzione diffusa.
Spaccio, ricettazione, gioc, scommesse, omicidi, estorsioni, sequestri di persona, droga, rapine, corruzione, vendette, evasioni …. un vero mosaico infernale
Il libro narra le vicende con un ritmo incalzante, se fosse fiction sarebbe estremamente avvincente.
Il libro che si basa sui documenti ufficiali processuali, ricco di dettagli e riferimenti inoppugnabili, ha nell’attendibilità e nella completezza il suo punto di forza.
Un libro bene informato che mantiene un certo distacco sia dai protagonisti che evita di “romanticizzare” come potrebbe avvenire in un romanzo, sia dai fatti, evitando giudizi moralistici inopportuni.
Nella sua vastità di personaggi (...criminali), forse qualcuno che in altre opere del genere ha un ruolo più centrale, qui ne hanno uno più marginale
Può considerarsi un’opera monumentale e si percepisce appieno lo sforzo di ricerca fatto dall’autrice, ma che comunque ha anche molti difetti e alla fine risulta confusionario e disorienta un po’ il lettore.
La divisione dei capitoli in filoni di malaffare non ha un andamento cronologico chiaro, vengono trattati troppi avvenimenti, troppi personaggi (siamo ai livelli di Guerra e Pace) che si intersecano fra loro, fatti che in realtà si svolsero contemporaneamente possono essere separati da centinaia di pagine, e a volte l’autore per mantenere il filo logico deve riportare alla mente del lettore fatti già trattati in precedenza, col rischio di far calare l’attenzione, facendo perdere cosi la bussola al lettore.
Con l’ultima parte, quando di parla delle questioni attinenti a Mafia Capitale e all’ultimo decennio di storia in generale, si è voluto strafare.
Anche se c’è sempre attinenza con gli argomenti precedentemente trattati, questa sezione sembra un corpo estraneo, scritta di corsa, in modalità più sintetica, e con stile diverso dal precedente messa lì a mo’ di appendice. E’ evidente la mancanza di approfondimenti che ha caratterizzato invece tutti gli eventi precedenti
Il libro andrebbe letto due volte, perché alla fine quando si chiude rimangono a mente i soliti personaggi, portati alla ribalta e già memorizzati dal libro Romanzo Criminale e dalle successive rivisitazioni cinematografiche e televisive.
Consiglio la lettura a chi già ha dimestichezza con l’argomento, per chi ci si affaccia invece per la prima volta consiglio un’opera più sintetica e meno articolata e con un ordine cronologico più sensato.(ad es. quelle di Giovanni Bianconi e Gianni Flamini)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzo criminale (De Cataldo) Ragazzi di malavita (Bianconi) La banda della Magliana (Flamini)
La verità del freddo (Fanelli) Banda della Magliana (Lupacchini) La notte della Repubblica (Zavoli)
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli aerostati
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Io e Mr Wilder
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballo di famiglia
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Vie di fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fattoria del Coup de Vague
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.4 (3)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna in guerra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto a posto tranne l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri