Manuale del boia Manuale del boia

Manuale del boia

Saggistica

Editore

Casa editrice

Fa parte essenziale dell’ipocrisia moderna spostare il dibattito sulla pena di morte verso alte questioni di principio, senza prima accertare che cosa di fatto sia un’esecuzione capitale. E proprio questo deplora Duff, col suo magistrale sarcasmo. Se, come argomentano i suoi difensori, la pena di morte ha una funzione dissuasiva, perché rendere quasi clandestine le esecuzioni capitali e non farne invece «il più grande spettacolo del mondo»? All’alto valore pedagogico si aggiungerebbe quel tocco sanguinario che ha sempre attratto il grande pubblico. Oggi invece l’impiccagione – anche per il suo aspetto di art pour l’art, che tende a renderla una manifestazione elitaria – continua a essere apprezzata soltanto da sceriffi, guardie carcerarie e rappresentanti del clero. A questo malcostume Duff vuole ovviare divulgando i fatti della cerimonia – a cominciare dalle atroci modalità della lenta morte per strangolamento che in genere sopravviene in questi casi, invece della più celere e «pulita» morte per slogamento dell’osso del collo, che è la massima aspirazione nell’arte del boia. Duff è minuzioso e implacabile nei particolari: egli vuole davvero che un più largo pubblico possa partecipare degli orrori finora riservati a pochi. Alla fine egli ci condurrà a constatare che il patibolo è «l’unico edificio politico che non può essere spazzato via nemmeno dalla più illuminata rivoluzione».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Manuale del boia 2020-07-29 21:51:47 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    29 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Impiccagioni senza perdono

Il problema della pena di morte è tutt’ora in grado di suscitare accese polemiche tra fautori e detrattori, in una panorama globale nel quale ancora metà della popolazione vive in paesi in cui il braccio della morte è in piena attività: USA, Cina, India, Corea del Nord, Iran e Giappone sono solo gli esempi più macroscopici. Charles Duff, acuminato giornalista irlandese, scrive questo “Manuale del boia” per la prima volta nel 1928, in anni davvero complicati, sospesi tra i due conflitti mondiali e alla ricerca di riforme del sistema della giustizia, sia civile sia militare. Il libro fu di enorme successo, tanto da essere ampliato e ristampato più volte e divenne la bandiera del movimento abolizionista per la pena di morte. Il fascino di questo testo è la prospettiva del tutto ribaltata e paradossale da cui muove. Duff infatti sembra difendere strenuamente l’impiccagione come giusto strumento per mantenere l’ordine dello stato, esalta i boia, si rammarica per la scarsa considerazione e paga di cui godono, depreca il drastico calo nel numero di esecuzioni che vengono effettuate, ma porta questi concetti talmente all’estremo da svuotarli di significato e in un sottile quanto ironico gioco di ribaltamenti ogni pagina falcidia le basi su cui poggia il movimento di sostegno alla forca. Col pretesto di sorvolare “certi spiacevoli incidenti”, Duff elenca tutta una serie di casi in cui l’arte del boia (perché impiccare è un’abilità “che gareggia con le sculture di Michelangelo”) ha fallito, rendendo le esecuzioni davvero crudeli: il più delle volte, infatti, l’impiccagione non esitava nello slogamento del collo e quindi nella morte istantanea, ma piuttosto in un lento e atroce soffocamento delle vittime. A questo si aggiungono gli episodi di soggetti che è stato necessario impiccare più volte perché stranamente resistenti, o tuti i casi di uomini giustiziati per crimini che in realtà non avevano commesso, o ancora l’elevato tasso di suicidi tra i boia, incapaci di sopportare il peso di tanta sofferenza arrecata. Il punto, lascia trasparire Duff, è semplice: se lo scopo della pena di morte è quella di essere un monito per limitare il numero di crimini, perché le esecuzioni vengono compiute in gran segreto, con poche persone, lontano dalla folla? Perché lo Stato si vergogna a tal punto, ma ufficialmente sostiene la pratica? Al fondo di questa ostinata ipocrisia, Duff utilizza tutto il proprio black humor per smontare pezzo dopo pezzo le ragioni della fazione avversaria e lascia passare in sordina alcuni aspetti a mio avviso sconvolgenti: nel 1948 in Inghilterra la pena di morte era ancora in vigore per incendi dolosi appiccati sulle navi mercantili, ma era stata abolita qualche anno prima per gli stupri su bambini di età inferiori ai 10 anni. Insomma, priorità di Stato. Alla fine di tutto, dunque, tra dettagli truculenti e grandiosi rovesciamenti, il lettore scopre, qualora non ne avesse ancora contezza, le terribili implicazioni delle condanne a morte, che non sono solo relegate al caso specifico delle impiccagioni, ma pure alla sedia elettrica americana o alle lapidazioni di certi stati islamici. E non penso sia sbagliato tornare a soffermarsi oggi sulle ragioni contrarie alla pena di morte, perché credo, anche se non ne ho le prove, che se si dovesse fare un referendum oggi forse a vincere sarebbero i sì.

Nel libro qualche difetto c’è: pur nella sua relativa brevità, finisce per essere ripetitivo e talora vagamente tedioso, ma il gioco sarcastico e corrosivo di Duff mantiene desta l’attenzione e genera un libro tanto serio nel contenuto, quanto elegante nella forma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri