Saggistica Politica e attualità Otto anni al potere. Una tragedia americana
 

Otto anni al potere. Una tragedia americana Otto anni al potere. Una tragedia americana

Otto anni al potere. Una tragedia americana

Saggistica

Editore

Casa editrice


Dal 2008 al 2016 il leader del mondo libero è stato un uomo nero. Barack Obama, eletto nel panico diffuso, nel corso di due mandati è emerso come una forza altamente stabilizzante. Lui, la sua famiglia e la sua amministrazione sono stati l'immagine della facilità con la quale i neri hanno potuto integrarsi nella tradizione della cultura, della politica e del mito americano. Ma il potere simbolico di quel buon governo ha fatto paura al suprematismo bianco e ai suoi sostenitori, ed è stata quella paura a conferire a Donald Trump un potere sufficiente a garantirgli l'elezione. Trump ha fatto della negazione dell'eredità del suo predecessore la base della propria, diventando il primo presidente la cui intera esistenza politica dipende da quella di un presidente nero. Ta-Nehisi Coates firma otto saggi potenti, uno per ogni anno della presidenza di Obama, che è stato anche il diretto responsabile dell'affermazione di voci, idee e movimenti nuovi e dell'ascesa di una schiera di scrittori e giornalisti neri, Coates compreso, che hanno trovato nella sua presidenza suolo fertile per manifestare e far crescere il loro talento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Otto anni al potere. Una tragedia americana 2019-02-06 08:17:18 Giovannino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    06 Febbraio, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La strada verso l’uguaglianza è ancora lunga.

Questo è il mio terzo libro di Coates, dopo infatti i fumetti di Pantera Nera, da lui sceneggiati (e che stanno per uscire in una seconda serie proprio in questi giorni) e il capolavoro “Tra me e il mondo” questa volta ho deciso di rileggerlo ma alle prese con quella che lui chiama “una tragedia americana”.
Dal titolo sembrerebbe quasi che questi 8 anni di presidenza Obama per lui siano stati tragici, ed infatti nel corso del libro ci spiega che è stato così, ma non per colpa dell’ex presidente (al quale nel corso del
romanzo non risparmierà qualche staffilata) ma perché questi 8 anni del primo presidente nero hanno poi legittimato quello che lui chiama “il primo presidente bianco” (Trump).
Il libro si divide in otto capitoli, uno per ogni anno di presidenza Obama, nella quale oltre ad una breve descrizione dell’ambiente e dei cambiamenti in corso all’epoca, lo scrittore fa diversi excursus dalla nascita della schiavitù in America fino a Martin Luther King.
Molte storie sono pesantemente tragiche, come ad esempio quando racconta come uno schiavo si poteva guadagnare la libertà, o a quali subdole regole erano costretti i “neger” (gli schiavi), regole che logicamente valevano solo per loro e non per la popolazione bianca.
Infatti poi con l’andare avanti del romanzo la narrazione si fa molto più politica, Coates intervista diversi attivisti di Chicago (la città di Obama), e ci spiega perché a parità di ceto e salario i neri sono comunque più “poveri” dei bianchi. Ci racconta come venivano ghettizzati, prima in maniera violenta, poi in maniera diplomatica.
Il libro finisce poi con l’ultimo capitolo, “il primo presidente bianco” e ci racconta nei dettagli l’elezione di Donald Trump e come questa sia avvenuta su base prettamente razziale. Assurdo è che anche la Clinton, pur essendo democratica, aveva il suo zoccolo duro negli elettori bianchi.
Insomma Coates, grande studioso in materia, ci spiega ancora una volta perché in America il razzismo non è stato superato ma anzi è ancora presente e forte. Lo fa, come dice nelle ultime pagine, per “tentare di avere un mondo più umano”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le cose che bruciano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il macellaio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Almarina
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La paziente silenziosa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
La fine della fine della terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Semplicemente perfetto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Km 123
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Sangue e limonata. Hap e Leonard
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il gioco degli dèi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il filo infinito. Viaggio alle radici d'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri