Saggistica Politica e attualità Prima del disincanto
 

Prima del disincanto Prima del disincanto

Prima del disincanto

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Prima del disincanto, saggio di Attilio Wanderlingh edito da Intra Moenia. È possibile narrare della generazione che ha fatto il '68 e ha attraversato gli anni '70, senza cadere nella retorica, o all'opposto nella cupezza? Questo libro di racconti ci prova, scegliendo uno stile scorrevole, ironico, disincantato, ma al tempo stesso evocativo di storici avvenimentivissuti in prima persona dall'autore. È un viaggio a ritroso nel tempo: il Centro America sconvolto dalla guerriglia a fine anni '70, il Corno d'Africa negli anni del conflitto tra Eritrea e Etiopia; il Libano nella guerra civile tra palestinesi e destra falangista; il "settembre nero" in Giordania nel 1970; l'invasione sovietica a Praga; il '68 e gli anni della contestazione. Tra tutti, appare centrale il racconto della figura di Carlos, quel Ilich Ramirez Sanchez conosciuto nel 1970 in un campo d'addestramento internazionalista: un'esperienza che forse fu alla base della sua successiva e drammatica scelta terrorristica. Il titolo "Con affettuoso disgusto", deriva appunto dal tratto esistenziale con cui sono filtrati quegli anni: la tenerezza del ricordo, ma anche il rifiuto emotivo del lato oscuro del mondo. Prefazione di Luciana Castellina.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Prima del disincanto 2012-03-19 06:27:12 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    19 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando volevamo cambiare il mondo

Beirut ,agosto 1976, per le strade che conservano qua e la qualche traccia della ricchezza
finanziaria che aveva caratterizzato questa piccola "Svizzera" mediorientale fino all'anno
precedente, si muovono normalmente i vecchi, i tassisti,i bambini e le donne che si recano al mercato,ogni tanto un razzo katiusha ferisce l'aria e finisce in qualche palazzo;"com'è la frutta oggi?", "dai fammi il prezzo buono!" una donna contratta, da lontano si sentono le sirene delle ambulanze, "devo fare presto", "ho appuntamento in ufficio" dice un uomo in giacca e cravatta, passano alcuni fedayn correndo,uno ha la divisa lorda di sangue, Attilio Wanderlingh inviato a Beirut dal Manifesto è giunto in questa città da poco e scopre per le strade l'assurdità della guerra.La gente sotto shock si rifugia nella normalità per sopravvivere all'orrore che ormai è calato nelle loro vite. Wanderlingh grazie al pass rilasciatogli da Al Fatah cerca di testimoniare quello che sta succedendo, si spinge fino a confini proibiti, una sventagliata di kalashnicov lo desta dal suo delirio di giornalista occidentale , la morte è pronta ad accogliere anche lui fra le sue instancabili braccia.
Poi la notte in albergo, i razzi che a migliaia illuminano il cielo, sembrano stelle cadenti, poi la mattina seguente scopri che quella piaggia di meteore illuminava una strage: i falangisti avevano massacrato donne e bambini.
Chiami Roma e il capo redattore ti fa : "Attilio che ci fai 120 righe su la strage?"
Come si fa a raccontare in 120 righe di un ragazzo che è stato legato con le braccia e le gambe al retro di due camionette che poi si sono allontanate in direzioni opposte scuarciandolo?
"Mi vennero in mente i pezzi più toccanti che avevo letto sui fronti di guerra, di tutte le guerre. Trasudavano di pietas, mischiavano l'affranto del cronista allo strazio delle vittime. Pietas umana di routine, un sentimento in vendita su carta stampata, uno scarto incolmabile tra la realtà e il racconto che forse sarebbe stato più giusto lasciare com'era: territorio del nulla umano, intestimoniabile",racconta Attilio Wanderlingh.
La parole del disincanto trascinate da un vento dapprima inpetuoso soffiano fra gli alberi della foresta guatemalteca,attravesano i fucili di un plotone d'esecuzione,spostano la sabbia del deserto eritreo,scuotono le tende nei campi di addestramento in Giordania,s'infrangono sui cingolati sovietici a Praga, nelle aule universitarie dove Giangiacomo Feltrinelli parlava del Che e gli altri credevano che fossero solo le spacconate di un ricco che giocava a fare il povero. Alla fine il vento diventa una leggera brezza e poi cessa, sembra si sia vissuta la stessa stagione dei comunardi parigini che nel 1871 sparavano agli orologi delle torri campanarie per fermare il tempo: è stato questo il Comunismo?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri