Saggistica Politica e attualità Putin. L'uomo senza volto
 

Putin. L'uomo senza volto Putin. L'uomo senza volto

Putin. L'uomo senza volto

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di "Putin. L'uomo senza volto", saggio di Masha Gessen edito da Bompiani. L’uomo senza volto racconta l’ascesa al potere di Vladimir Putin, da agente di basso profilo del KGB a presidente della Russia, e di come, in poco tempo, quest’uomo sia riuscito a distruggere anni di progresso del paese, trasformandolo in una vera e propria minaccia per il suo stesso popolo. Scelto come successore dalla “famiglia” che circondava un ormai scomodo e sempre più impopolare Boris Yeltsin, Vladimir Putin sembrava la scelta migliore per l’oligarchia che lo voleva plasmare a suo piacimento. Così all’improvviso il ragazzo che era stato nell’ombra sognando di governare il mondo diventa un personaggio pubblico, e la sua popolarità cresce a dismisura. La Russia e l’Occidente erano determinati a vedere in lui il leader progressista dei loro sogni, anche mentre prendeva il controllo dei mezzi di comunicazione, mandava gli oppositori politici in esilio se non nella tomba, e distruggeva il fragile sistema elettorale del paese, concentrando il potere nelle mani di pochi fedeli. Come inviata a Mosca, Masha Gessen ha vissuto tutti gli eventi in prima persona e per questa biografia, in corso di traduzione in diciotto paesi, ha raccolto informazioni e raggiunto fonti più di chiunque altro prima di lei, per narrare come un uomo del tutto sconosciuto sia riuscito a farsi strada fino a raggiungere un potere assoluto – e assolutamente corrotto – su uno dei paesi protagonisti della scena politico-economica di oggi.

Masha Gessen è nata in Russia il 13 gennaio 1967 da una famiglia ebrea ashkenazita. Emigrata negli Stati Uniti nel 1981, è ritornata in Russia nel 1991 dove attualmente vive. L’agente letterario che ha venduto la sua biografia non autorizzata di Putin, molto preoccupata per Masha, la sta convincendo a ritornare negli Usa, avendo lei subìto minacce a Mosca. È perfettamente bilingue, parla e scrive in inglese e russo. Scrive regolarmente per “New Republic”, “New Statesman”, “Granta” e “Slate”. È corrispondente in Russia per “US News & World Report”. Ha alle spalle tre opere di non fiction.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Putin. L'uomo senza volto 2012-03-16 19:27:32 misu
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
misu Opinione inserita da misu    16 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’uomo forte del Cremlino

Il libro che abbiamo di fronte tenta di rispondere ad due domande molto semplici :
chi è Putin ?
come è arrivato al potere?
Un fatto emerge inconfutabile dalle cronache dei giornali e dai notiziari televisivi: Vladimir Putin rimane un enigma.
Prima di adentrarci nei meandri della lettura dobbiamo prendere in considerazione il fatto che il personaggio Vladimir Putin fa parte delle dinamiche storiche dell’enorme paese chiamato Russia o Unione Sovietica, per un certo periodo storico.
Nell’arco della secolare storia del paese l’ uomo forte a capo della nazione non era un eccezione, ma piuttosto la regola. Nelle mani dello zar era concentrato un enorme potere decisionale. Questo principio non venne nemmeno abbandonato durate gli anni del comunismo sovietico, anzi al contrario, era il segretario generale del partito comunista a tenere le redini del potere nel paese. Con la dissoluzione dell’URSS e la nascita della Russia post-sovietica questo concetto dell’uomo forte venne riaffermato con la figura del presidente.
Vi è però un altro elemento, anch’esso tipico della storia russa e sovietica, da tenere presente prima di leggere questo interessante testo: il meccanismo della scelta dell’ erede designato sia nell’epoca degli zar sia nell’epoca sovietica. Gli zar e i segretari generali non erano scelti a caso. Nel caso degli zar il prinicipio di secessione non era sufficiente per garantire la stabilità del trono e del paese, perciò gli zar deboli venivano regolarmente estromessi e sostituiti da uomini risoluti. Gli segretari generali giudicati per cosi dire non in linea con l’idea del socialismo reale sovietico venivano regolarmente destituiti e sostituiti da uomini devoti all’ortodossia dogmatica marxista-leninista.
Nella Russia post-sovietica il meccanismo rimase lo stesso: designare un erede all’altezza della situazione e in grado di mantenere salde le redini del potere nelle sue mani. Con ciò si sarebbe mantenuta l’integrità territoriale della Russia, obiettivo non nuovo nella storia del paese. Evitare il vuoto di potere, questa è la chiave di lettura idonea per capire gli avvenimenti nell’arco della lunga storia dell’immenso paese.
Tenendo conto di tutto ciò ci risulta più chiara la parabola politica di Vladimir Putin. Vladimir Putin dunque non è un eccezione alla regola, ma piuttosto la conferma della regola vigente da secoli in Russia.
Il sottotitolo del libro è significativo : l’uomo senza volto. Queste tre parole racchiudono in sé la carriera politica di Vladimir Putin: membro oscuro dell’apparato di sicurezza e dei servizi, dunque a tutti gli effetti faceva parte della nomenclatura del regime comunista. Da questa nomenclatura sopravvissuta al trapasso dal vecchio al nuovo emerse la figura praticamente sconosciuta del futuro presidente della Russia.
Nel libro il lettore prende visione di tutti i meccanismi che hanno portato al potere Vadimir Putin: il ruolo di Boris Eltsin, il periodo a San Pietroburgo, il problema delle elezioni presidenziali,la carriera nella KGB, la presidenza e la natura del potere di Putin, le ombre del passato potere sovietico nella Russia post-sovietica e il problema della trasparenza elettorale.
Il testo si presta ad una lettura scorrevole senza intoppi dovuti alla pesantezza della terminologia di settore. I concetti chiave sono espressi in modo semplice, comprensibile e esaustvo. Il testo è arricchito con degli approfondimenti interessanti che però danno un tono divulgativo e giornalistico all’opera. È chiarò che non siamo di fronte ad un testo storiografico. Si tratta di un testo di divulgazione ben riuscito che però non pretende di essere un manule storico pur affrontando un argomento di nicchia giornalistica e storiografica.
In conclusione un libro da leggere con la dovuta attenzione per capire la Russia odierna.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Si consiglia di leggere testi storografici che trattano la storia dell’URSS e della Russia post-sovietica
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri