Saggistica Politica e attualità Scuorno (vergogna)
 

Scuorno (vergogna) Scuorno (vergogna)

Scuorno (vergogna)

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Scuorno (vergogna), saggio di Francesco Durante edito da Mondadori. E' un'emergenza, la munnezza, ma non è la prima volta: Napoli è abituata alle emergenze. E l'emergenza sociale è come se sollecitasse un'emergenza anche nella scrittura, che tallona affannosa gli eventi e così facendo agita sempre e soltanto la superficie, ogni volta ribadisce ciò che è stato spiegato e rispiegato; e quanto più si allarma e si indigna, tanto più si svuota. Francesco Durante invece parte dalla cronaca più convulsa per innescare un meccanismo che manda in controtempo l'attualità sovvertendo poco alla volta o sgombrando di colpo le idee comuni, le parole d'ordine abusate, le controversie da talk show. Per ricollocare le questioni nella luce più vera Durante attinge alla politica, all'antropologia, alla geografia, alla sociologia, alla cronaca - anche la cronaca, certo, intesa nel suo valore di conoscenza e depurata dalle scorie - e alla storia. Con voce da narratore ci racconta che cosa c'è dietro la catastrofe, finalmente risponde alla domanda che tutti si sono posti: ma come è stato possibile arrivare a tanto? E nel racconto Durante si mette in gioco, mescola alle vicende della città il proprio personale vissuto in un amalgama che è insieme assunzione di responsabilità e dolorosa presa di distanza, estraneità e appartenenza. La vergogna, lo 'scuorno' del titolo, in questa visione meno schematica dei problemi, nell'ottica larga e spiazzante della letteratura, non è più così scontato chi debba provarla. E se scuorno deve essere, sulla fronte di un popolo che molto ha fatto per farsi detestare e altrettanto per farsi amare, che sia uno scuorno autentico, bruciante, ma non disgiunto dalla fierezza e dalla rabbia. "Scuorno" ripercorre gli episodi più emblematici della storia di Napoli e del suo territorio, riuscendo sempre ad allargare il discorso dalla metropoli all'intero meridione. Durante non perde di vista la costante duplicità con cui quasi tutti gli episodi si presentano e, alieno per indole e per cultura dal lasciarli lì a sobbollire in un brodo ambiguo, in un'unica melassa dolceamara, ogni volta estrae, pazientemente, sia le ragioni per vergognarsi sia quelle per chiedere giustizia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Scuorno (vergogna) 2008-08-28 05:12:51 galloway
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
galloway Opinione inserita da galloway    28 Agosto, 2008
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza scuorno

Molte sono le espressioni in lingua napoletana contenenti la parola che dà il titolo a questo libro. La vergogna: "che scuorno", "senza scuorno", "nun tiene scuorno" e via scornando. Del resto la vergogna è un sentimento proprio degli uomini, sotto tutte le latitudini, legata com'è all'intimità del corpo e della mente, del pubblico e del privato, del singolo e della collettività. Ed ogni popolo riduce il senso della vergogna ad un certo suo posizionamento nel sociale, nella storia di appartenenza, nel contesto in cui si trova a vivere. Da questo posizionamento l’individuo procede ai necessari aggiustamenti, giorno per giorno, generazione per generazione. Un sentimento personale che diventa quindi collettivo e che nel personale è destinato a ritornare. In questo continuo trasferirsi, transitare avviene una sorta di transustanzione, che è cambiamento e adattamento, consapevolezza e apparenza, gioco e sfida, memoria e tradimento.



Insomma, mentre la vergogna, altrove, trova nel contesto della società, nelle istituzioni, nelle leggi, la sua giusta collocazione ed il corretto freno, a Napoli, la vergogna diventa “scuorno” pubblico, una sceneggiata, uno spettacolo, folklore e malinconia, gioco e dannazione, genio e sregolatezza. Alla considerazione “nun te miette scuorno?” si risponde con un plateale “me ne fotto”. Mi viene in mente a questo proposito di come reagì, anni fa, un buon napoletano, alla notizia che alcuni scienziati avevano avanzato delle perplessità scientifiche sulla verità del sangue di San Gennaro che si scioglie ogni anno, da secoli. Sulle mura della città apparve la scritta, diventata poi famosa, “San Gennà, futtitenne!”.



E’ a questo punto che il mistero diventa spettacolo, la vergogna diventa sfida. Una sfida a tutto: al mistero, alla scienza, alle leggi, alle istituzioni, alle regole. Tutto perchè la scienza è opinabile, le leggi ingiuste, le istituzioni non credibili, le regole inaccettabili. E allora, la vergogna è l’unico modo, sistema, quasi un “escamotage” per sfuggire alle proprie responsabilità sia singole che individuali. Meglio avere vergogna e fottersene, tanto la colpa è di tutti e di nessuno. Meglio non osservare la legge, si fa prima a buttare la spazzatura tutta insieme perchè non mi danno le buste giuste, i bidoni. Tanto mettono tutto insieme dopo, e tutto finisce senza vergogna e senza differenziata.



Indifferentemente. Tanto non c’è niente da fare. Le cose devono andare così. Che schifo! Nun tengono scuorno... Ecco, quindi, come Napoli è finita sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo. E diventa anche letteratura in forma di antropologia, sociologia, cronaca, geografia, ecologia e via dicendo. Niente di nuovo sotto il sole, a dire il vero. Basta scorrere la sterminata letteratura sul “grand tour” esistente su Napoli e sul mito del sud per capire che niente è mutato. Napoli resta un “paradiso popolato da diavoli”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutto su Napoli
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri