Sinistrati Sinistrati

Sinistrati

Saggistica

Editore

Casa editrice

I sinistrati siamo noi. Brutalizzati alle elezioni, battuti culturalmente, spintonati ai margini di una società cattiva. Alcuni legati a un'idea troppo razionale di riforme difficili, altri pervasi dalla nostalgia di rivoluzioni impossibili. Risultato: vinceranno sempre gli altri. Perché noi siamo fuori tempo, fuori moda, fuori gioco. E con la triste euforia degli esclusi, fra l'autolesionismo e l'autocompatimento, ci prepariamo a diventare una minoranza permanente. Ma non è colpa nostra: scienziati autorevoli hanno dimostrato che si è di sinistra per via del Dna. C'è di mezzo un dannato gene altruista. Come dire che siamo fessi per natura. Per questo il Partito democratico ha sbagliato tutte le strategie, si è illuso di vincere, si è schiantato contro Berlusconi, e dopo la batosta non ha ancora deciso se sopravvivere a una sconfitta storica o lasciarsi naufragare. Ci vorrebbe una cultura, un leader, uno schema politico. Ci vorrebbe almeno un'idea. Invece, i riformisti non hanno ancora un programma e gli estremisti non hanno più un peso. Di idee, non se ne parla più. Edmondo Berselli descrive, con affetto, la storia e la malattia dei sinistrati italiani, e formula senza pietà la relativa diagnosi. L'Italia va a destra, ritrova nel partito di Berlusconi il clima confortevole di una Dc senza preti, mentre le corporazioni prosperano e la concorrenza latita. C'è una speranza per la sinistra e i sinistrati? Oppure li attende un deserto infinito, e la condanna di attraversarlo fra miraggi crudeli?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sinistrati 2013-01-28 14:03:51 antares8710
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    28 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di una catastrofe politica

Uno dei più brillanti redattori della Repubblica e dell'Espresso, scomparso circa due anni fa, affronta in modo ironico e critico la sconfitta del centrosinistra alle elezioni del 2008 e la naturale incapacità di quei dirigenti di comprendere a pieno gli umori della società italiana.
Edmondo Berselli è stato una delle penne migliori del giornale fondato da Eugenio Scalfari e uno dei politologi più attenti e raffinati del giornalismo italiano. In questo piccolo libro di duecento pagine, a volte divertentissimo a volte caustico nelle analisi, l'autore è il testimone addolorato e diretto di un disastro politico che ha saputo prevedere con largo anticipo. Il sottotitolo del libro in questo senso è inequivocabile: "Storia sentimentale di una catastrofe politica".

Il libro si presenta come un racconto di una lunga serie di errori madornali, sviste clamorose, tendenze masochiste di un partito e di un gruppo dirigente che, un po' per arroganza un po' per cecità intellettuale, non ha saputo capire a pieno i problemi della società italiana, offrendo la vittoria alle forze di destra e condannandosi ad un lungo esilio all'opposizione. La totale assenza di un programma politico serio e attuabile, la mancanza di idee e prospettive per il futuro, le risposte vacue e inutili ai problemi del Paese sono solo alcune delle colpe della sinistra italiana. Una sinistra italiana confinata nel suo universo chiuso fatto di autoreferenzialità e narcisismo, in cui la vittoria elettorale e il governo del Paese sembrano essere un miraggio nel deserto.

Berselli è un politologo molto raffinato e sottile. I suoi articoli erano i primi che leggevo quando aprivo i giornali. E' difficile restare indifferenti al suo stile di scrittura, fatto di ironia tagliente, sarcasmo e capacità di lucida analisi. Anche leggendo questo libro ogni tanto ci sfugge qualche risata amara ed è impossibile non condividerne alcune affermazioni.
E' un libro che si legge facilmente e si rivolge a tutti coloro che, a prescindere dal loro orientamento politico, si appassionano all'attualità e alla politica di oggi. Per chi ama questo genere ma non ama i libri di Bruno Vespa, questo libro fa al caso suo…Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri