Saggistica Politica e attualità Sulla pelle delle donne
 

Sulla pelle delle donne Sulla pelle delle donne

Sulla pelle delle donne

Saggistica

Editore

Casa editrice

"Sulla pelle delle donne" è un libro che raccoglie le testimonianze reali e autentiche di donne che hanno voluto raccontare le violenze subite. Le storie accomunano donne di tutte le età ed estrazioni sociali, perché la violenza sulle donne non conosce confini; così nel libro convivono tante figure: la donna della Ciociaria vittima degli stupri di guerra dei "goumiers", la prostituta albanese mandata sul marciapiede malgrado la gravidanza, la lesbica sudafricana sottoposta allo stupro correttivo, la donna dell'alta borghesia spettatrice incredula di un incesto e l'uomo che dopo avere agito con violenza sulla sua famiglia ne capisce l'orrore e se ne allontana. Ogni storia è stata raccontata in prima persona, come se ognuno dei personaggi stesse parlando direttamente al lettore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sulla pelle delle donne 2013-03-04 08:24:00 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    04 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Femminicidio

"Madonna ndihmon femijen tim" è una preghiera in albanese che si può tradurre in italiano: "Madonna proteggi il mio bambino",viene ripetuta senza sosta da una ragazza straniera,costretta a prostituirsi dal suo aguzzino anche se è al settimo mese di gravidanza ,perchè lei serve solo a questo:deve rendere soldi e non è escluso che il bambino che avrà non verrà venduto a qualche coppia sterile,così anche lui renderà soldi! Ma facciamo un passo indietro,Jona,così si chiama la prostituta, viene da una buona famiglia di Tirana,padre avvocato e madre insegnante,lei stessa è laureata. A 21 anni conosce Roslan, un affascinante uomo d'affari, dopo aver frequentato la sua famiglia, come da tradizione mussulmana la chiede in moglie.Prima delle nozze però, Roslan le chiede di accompagnarlo in un viaggio di lavoro a Roma. Giunti in Italia,quello che s'era presentato a tutti come un vero gentleman,come un novello dottor Jekyll si trasforma in Mr Hyde, la picchia selvaggiamente e la violenta più volte fino a quando, piegatane la volontà,la costringe a prostituirsi. Roslan dunque svela il suo vero volto:è un mafioso della peggior specie, Jona scioccata cercherà aiuto,ma nessuno glielo offrirà,ben presto comprenderà che potrà contare solo sulle sue forze e proprio il figlio che metterà al mondo, che il suo aguzzino le aveva concesso di tenere, le darà quella miracolosa forza di volontà che la salverà.
Questa è una delle dieci storie che Stefania Catallo ha ascoltato dalla viva voce di alcune delle tante donne che ogni giorno subiscono violenza ed hanno il coraggio e la fortuna di potersi rivolgere al centro CE.S.P.P.A. "Lino Filipponi"(Centro si supporto psicologico popolare) a Tor Bella Monaca a Roma, dove trovano accoglienza e aiuto.Nel 1992 nel libro "Femicide: The Politics of woman killing" per la prima volta una criminologa,Diana Russell, usò il termine "femminicidio"per individuare una categoria criminologica vera e propria quella che indica la violenza dell'uomo contro la donna "perchè donna". Nel 2012, solo in Italia, sono state assassinate 127 donne, perlopiù da parenti:mariti,amanti respinti,fidanzati gelosi. Nel 2013 la mattanza è proseguita, questi racconti sono il frutto di un ascolto attento,gratuito, amorevole e sincero della sofferenza altrui,leggerli permette di riascoltare questa sofferenza che sciocca e indigna,ma non basta.Mi viene in mente la povera Yara Gambirasio, la tredicenne di Brenbate di Sopra scomparsa e poi ritrovata morta, cercarono per giorni il suo cadavere che era a pochi passi dalla scuola, cercano ancora il suo assassino, il femminicidio è questo.
Non smettere mai di ascoltare la nostra compagna e riconoscerne la sacrosanta alterità , non smettere mai di cercare gli "amabili resti" come scrive Alice Sebold, di quelle Donne alle quali hanno negato la vita "perchè Donne" sono alcuni dei piccoli passi che noi uomini possiamo e dobbiamo fare per diventare Uomini.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri