Troppi diritti Troppi diritti

Troppi diritti

Saggistica

Editore

Casa editrice

È un’ipertrofia dei diritti ciò che spiega il declino italiano: questa la lucida diagnosi di Alessandro Barbano, direttore del «Mattino». Si tratta di un virus che ha infiltrato il discorso pubblico e da decenni blocca ogni tentativo della politica e della società di riscattarsi. Quello di Barbano è un viaggio nel pensiero di un Paese tradito dalla libertà, in cui nessuna élite ha più il coraggio di dire il vero e di fare i conti con minoranze organizzate sotto la bandiera dei diritti acquisiti. Dal palazzo alla piazza, dai giornali alla Rete, dalla scuola alla giustizia, il discorso pubblico non è più al servizio della democrazia. Troppi diritti racconta con chiarezza come ciò sia accaduto e che cosa fare per uscire da una simile, pericolosissima, crisi epocale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Troppi diritti 2018-04-19 20:35:51 Angela Arsena
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Angela Arsena    19 Aprile, 2018

Recensione di Angela Arsena

Questo saggio, piacevolissimo e lontano da ogni presunzione intellettuale, sembra scritto da un giurista romano o da un oratore greco, da Cicerone e Demostene, ad esempio, passando per Catone, il Catone profetico delle Orationes, per la correttezza e la puntualità dei rimandi al mondo giuridico, per la concretezza del discorso, per la capacità di svolgere dialetticamente una tesi, dimostrarla con i fatti, argomentarla e concluderla. E la tesi, nella fattispecie, è che una nuova malattia ha contagiato l'Italia, ovvero il dirittismo, l'eccesso di diritti che, come tutti gli eccessi, e seguendo proprio la saggezza classica del in medio stat virtus, produce inevitabilmente l'anarchia e il disfacimento stesso dei diritti. Lo diceva, in qualche modo, anche Karl Popper, quando affermava, da vecchio e autentico liberale quale era, che la società aperta è aperta a tutti, tranne agli intolleranti, perché la società deve essere aperta ma non spalancata. Un eccesso di democrazia potrebbe provocare la crisi della democrazia, proprio perché la democrazia è organismo vivente (e dunque fragile e preziosissimo) e, pertanto, se intossicato da continue iniezioni di ormoni e stimolanti, potrebbe collassare: Aldo Moro, a proposito del diritto in uso nelle comunità democratiche, non diceva diritto vigente, alla maniera dei giuristi, bensì diritto vivente, alla maniera dei biologi. E quali sono gli estrogeni che stanno danneggiando l'Italia democratica? Alessandro Barbano lo scrive chiaramente, enumerandoli: la crisi o il deficit della delega, per il pericoloso cortocircuito della rappresentanza che provoca nel momento in cui i pochi si fanno (o dovrebbero farsi) portavoce e depositari degli interessi dei molti in senso innanzi tutto morale (quella legge morale che per Kant sta dentro di me, prima che altrove, prima che nei diktat di partito), e poi la crisi del sapere che provoca "lo sfarinamento della cultura civile". E poi le nuove "utopie valutative, orizzontali" e "impersonali", che compromettono irrimediabilmente ogni rapporto formativo ed educativo: il mito e il monolito della valutazione (totem asimmetrico, al contrario di quello di Kubrick in Odissea nello Spazio: sono sempre le stesse categorie di lavoratori a dover sottostare alla dittatura valutativa, mentre altre ne sono esenti...) è diventato una sorta di Minotauro che fagocita gli individui, un elemento della pericolosa mitologia che sta ipnotizzando l'Italia, come il pifferaio magico ipnotizzava i topolini. Belle, dense pagine, da leggere magari avendo a portata di mano una matita per sottolineare alcuni punti. Un domani, se dovessimo malauguratamente rientrare nella Caverna di Platone, ovvero nella Caverna dell'ignoranza e della schiavitù, potrebbero ritornare utili, se non altro per dire: lo aveva detto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli aerostati
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Io e Mr Wilder
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ballo di famiglia
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Vie di fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fattoria del Coup de Vague
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.4 (3)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna in guerra
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto a posto tranne l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri