Narrativa italiana Romanzi Aceto, arcobaleno
 

Aceto, arcobaleno Aceto, arcobaleno

Aceto, arcobaleno

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il protagonista, un eremita dai capelli ormai bianchi, rianima una sera tre figure di amici di gioventù. Il primo è stato terrorista e poi muratore in Francia: rievoca il primo assassinio commesso dal complice-amico. Con intensa drammaticità parla della violenza. Il secondo ha scelto la strada della vita religiosa che lo porterà in Africa, dove uomini, animali e cose hanno "il sapore dell'aceto" e per questo del dolore. Il terzo è un vagabondo, sempre provvisorio, di passaggio in un'esistenza che non dà requie. Violenza, dolore e vagabondaggio sono elementi comuni a tutti i tre personaggi che, nel loro insieme, compongono un affresco amaro e profondo della condizione umana dell'ultimo ventennio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
2.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Aceto, arcobaleno 2019-11-11 14:12:22 C.U.B.
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    11 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ricordo, tre uomini

Si inizia con la lettera A, Aceto quindi Arcobaleno.
Le prime lettere di un vocabolario di lingua straniera e bambini che imparano vocaboli nuovi.
Poi e’ una vecchia poltrona in una casa decadente, la vita che scivola dalle mani callose lasciando alla carta ricordi ed esistenze.
Sono tre uomini del passato che popolano il racconto.
L’assassino, colui che uccise impietoso sostenuto dai propri ideali, estraneo e’ il rimorso e sconosciuto il pentimento. Il missionario, la solidità nella figura dell’uomo che scelse l’Africa, poi vinto dall’incuria altrui si arrese al potere della polvere. Ed infine il vagabondo, l’ospite sempre di passaggio.

Non privo di tratti in cui intinte le dita di acquerello sottolineo righe poetiche, come non manco mai di fare negli scritti di De luca, questo suo lavoro non mi convince affatto.

Il libro e’ cupo, scoordinato, non emerge formalmente e le lunghe elucubrazioni rendono a mio avviso il testo spento, intransitivo. Anemica di emozioni ed empatia, lo ho trovato poco appetibile e per nulla degno di nota.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Aceto, arcobaleno 2015-11-24 12:22:37 Riccardo76
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    24 Novembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I frammenti della memoria

Un viaggio nella memoria e come tutti i ricordi non si tratta di un resoconto continuo e lineare. Un uomo anziano rievoca tre periodi di una vita, tre personaggi un po’ nostalgici con un vissuto complesso, difficile combattuto. Forse gli ultimi ricordi prima della fine. Tre storie che ne compongono una un po’ frammentaria e poco articolata.
E’ ormai chiara la mia passione per De Luca e per il suo modo di scrivere, lo stile è il solito, a mio avviso piacevole, ma in questo caso non ho trovato una linearità nello scrivere, voglio pensare che questa frammentarietà sia dovuta ad un artificio narrativo per rendere al lettore quel senso di instabilità della memoria di un anziano giunto ormai al termine del suo cammino e circondato da quel poco ed essenziale che lo stato di eremitaggio concede, un lento distacco dalla vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Aceto, arcobaleno 2014-06-22 06:35:38 pupa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
pupa Opinione inserita da pupa    22 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La memoria

Romanzo disarticolato, incentrato in manifestazioni lacunose ed incomplete in un passato indecifrabile temporalmente. Una persona anziana assurge a narratore in bilico su una sedia a dondolo nella propria casa teatro e luogo delle visite dei suoi protagonisti: aspetta con serenità la fine dei suoi giorni. Bella la descrizione della casa squallida e priva di tutto, il maltempo sembra la faccia scricchiolare, crollare a poco a poco. In questo sperduto casolare l'io narrante ricorda i tempi passati, la propria infanzia esile ed abulica, fatta di storie allora confuse ed ora nitide, analizzate con gli occhi della vecchiaia, riflessioni sovrapposte e rimbombanti in una camera vuota ...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio