Aldilà Aldilà

Aldilà

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Stefano de Saint Sixt esalò l’ultimo respiro il 17 maggio di quell’anno d’inizio millennio. Sentì il freddo assopirgli le gambe nell’ultima battaglia del cuore che a colpi di grancassa cercava di ristabilire un ritmo al polso. Ma per la prima volta non vi riuscì." Da questo istante per Stefano de Saint Six comincia il distacco dalla vita terrena: osservando dall’alto il porprio corpo disteso nel letto, con sorpresa si accorge che il suo modo di sentire è rimasto intatto. Nel suo incontro con l’"aldilà", il viaggiatore protagonista di questo romanzo scopre che quel regno del dopo, sempre rimosso dalla coscienza, è in realtà molto vicino. Conservando un’acuta capacità di riflessione, de Saint Sixt affronta gli ultimi istanti di sensibilità terrestre ed entra in una dimensione ricca di domande e percezioni, che conducono chi le vuole affrontare verso un’esperienza fuori dal tempo, di grande attrazione e suggestione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Aldilà 2016-09-29 00:29:12 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    29 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mistero non era il buio ma la luce

Il mistero non era il buio ma la luce

Stanislao Nievo immagina l’Aldilà con un’opera che si articola in due parti eterogenee.

Nella prima, Stefano Saint Sixt – spirato agli albori del millennio – compie un viaggio in un paesaggio sempre più metafisico, nel quale sperimenta la luce (“Il mistero non era il buio ma la luce”) e una nuova energia (“L’energia in cui vibrava apparteneva a un ritmo semplice in cui prendere identità, mentre la luce lo divorava”), abbandonando gli schemi umani che ancora lo impregnano della vita appena conclusa (“Si sentiva tornare bambino, bambino dell’eternità”).

Nella seconda parte, Stefano – in vita fu l’unico sopravvissuto in un parto trigemellare – si connette con due omonimi (“Tre persone appartenenti a tempi diversi… piccoli argonauti dall’identico nome…”): “Un contadino, alla fine di maggio dell’anno 1453, lungo le sponde d’Asia” e un ricercatore, che appartiene al futuro…
Forse sulla scia degli entusiasmi che accompagnarono l’avvento della rete, Nievo attribuisce a una Super Rete (“La ricevente della Super Rete che tutto pone in comunicazione”) il potere di connettere realtà temporali parallele o discontinue…
In questa seconda parte l’aldilà assume i tratti filosofici dei grandi interrogativi (“Poi il seme del Nulla svuotò la sua forza e il grembo del Vuoto lo accolse, un getto di speranza cieca nel primo degli abbracci. Le due ondate di desiderio si trasformarono in un solo elemento… una nuova vita formatasi nell’immensità del cosmo…”), ci si imbatte nei vizi e nell’angelo nero del male, in uno zoo di animali prigionieri, nel giardino delle tempeste…
Nel momento cruciale della scelta (“Pensa bene se correre in cielo o in terra”), sembra farsi spazio un’ipotesi soffusa di fede e poesia.

Giudizio finale: etereo, quintessenziale, filosofico.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri