Narrativa italiana Romanzi Anche le masche amano il sole
 

Anche le masche amano il sole Anche le masche amano il sole

Anche le masche amano il sole

Letteratura italiana



Quattro donne, unite da destini intrecciati intriganti e prodigiosi, si muovono in un contesto sorprendente, in cui presente e passato si svelano l’un l’altro, nel pieno rispetto del simbolismo mitologico delle Masche, streghe del folklore piemontese, ancor vivo nei giorni nostri. Un libro magico e fantastico nel genere e nello stile, con il quale Maurizio Persiani rivisita leggende e tradizioni di una terra, per lui, d’elezione, collocando all’ombra del Monviso situazioni e figure femminili affascinanti, ammalianti e modernissime.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Anche le masche amano il sole 2019-05-14 08:28:00 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    14 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La masca piemontese

Maurizio Persiani, dopo aver pubblicato L'aroma del caffè, Il senso del serpente, torna in libreria con Anche le masche amano il sole, un libro che sin dal titolo incuriosisce e stupisce favorevolmente. Un libro che nella sua interezza e precipua essenza risulta essere fuori del comune, inusuale. Un testo che precede i tempi, poiché privo di trama vera e propria, è costituito da quattro racconti di vita che in ultima risultano essere un ottimo spaccato di realtà e di attualità.
Che cosa sono le masche cui il titolo fa riferimento? La masca è una figura molto conosciuta in terra piemontese, e in specie nelle Langhe. Figure che vengono da un passato remoto, così definite:
"È una strega del folclore piemontese. Figura di rilievo: generalmente sono donne apparentemente normali, ma dotate di facoltà sovrannaturali tramandate da madre in figlia o da nonna in nipote, o per lascito volontario ad una donna giovane. I loro poteri comprendono l'immortalità ma non l'eterna giovinezza o salute: sono quindi vulnerabili e soggette alle malattie e all'invecchiamento. Per poter morire devono trasmettere i poteri ad una altra creatura vivente."
In questo romanzo le "masche"sono quattro donne: Isolina, Matilde, Viviana e Tina e vivono a Mondovì, in provincia di Cuneo. Sono:
"Le masche, le antiche e temute masche che vivevano nei boschi, apparivano e scomparivano nella nebbia, non lasciavano tracce sulla neve e sembravano volare, con le scope, nelle notti di plenilunio."
Le quattro donne si incontrano spesso, raccontando la propria vita, le proprie esperienze lavorative. (...) Che inebria e ci porta con la potenza Delle sue ali nell'irrealtà."
Ne consegue , in definitiva, un ottimo spaccato della società attuale, in cui:
"Viviamo in una società di individui chiusi nel proprio piccolo mondo e che hanno perso il piacevole senso di dare e di ricevere. Siamo immersi in un egocentrismo generalizzato, che cancella l'anima e i sentimenti per sprofondare nella illusoria realtà virtuale."
Il risultato è una ottima lettura, che induce il lettore più smaliziato a vedere oltre al narrato, per riflettere profondamente sulla quotidianità, sui rapporti tra esseri umani, sulle intrinseche difficoltà del vivere civile. Un libro destinato a far discutere sia per la innovativa costituzione in essere, che per gli argomenti trattati. Un testo scritto con arguzia e buona capacità narrativa, che induce ad una lettura intrigante ed avvincente. Uno sguardo pungente e preciso sull'universo femminile, anomalo e differente, che non può che stupire. Un ulteriore plauso per il lavoro di ricerca attento e diligente effettuato dall'autore, che traspare evidente nella raffigurazione di questa importante figura del folclore piemontese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri