Narrativa italiana Romanzi Benevolenza cosmica
 

Benevolenza cosmica Benevolenza cosmica

Benevolenza cosmica

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


A Kurt O'Reilly non ne va bene una. Ma una, eh? Il medico cui si rivolge per un piccolo fastidio gli spiega, esterrefatto, che in tutti i casi conosciuti quel problema ha un esito nefasto – tranne che nel suo. Sul lettino di un tatuatore, una sensazionale pornostar gli lascia intravedere un paradiso a portata di mano. I soldi investiti distrattamente non fanno che moltiplicarsi. Persino il tassista che lo scorrazza in una Londra appena spostata nel futuro insiste per pagargli lui la corsa. No, decisamente qualcuno trama alle sue spalle, e a Kurt non resta che tentare di capire chi, e perché. Un po' alla volta una macchinazione verrà fuori, in effetti, ma non possiamo dire altro: perché la macchinazione è questo singolare, trascinante, divertentissimo romanzo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Benevolenza cosmica 2019-11-06 11:29:10 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una fortuna statisticamente benevolente

“O’Reilly. Kurt. Trent’anni. Un metro e ottantasei di altezza, settantanove chili di peso. Buona struttura muscolare. Carnagione e lineamenti tipici del Mediterraneo meridionale, possibile retaggio di scorribande arabe sulle coste adriatiche”. Kurt O’Reilly l’uomo, si potrebbe dire, statisticamente più fortunato del mondo negli ultimi 90 giorni, l’uomo che rompe ogni computo. Perché da circa tre mesi tutto per lo statista va al meglio. Tutto. Non vi è una sbavatura, una sola nota meno negativa. Dal lavoro, al matrimonio, ai premi economici che sopraggiungono. Eppure, eppure, eppure, questa fortuna spropositata proprio non convince l’eroe protagonista di questa eclettica storia perché è semplicemente impossibile che ciò possa accadere. E lui che più tra tutti è “del settore” non può che averne certezza. Dove si nasconde la macchinazione? Dove si cela il mistero? Chi trama alle sue spalle? Quali arcani inganni sono stati architettati alle sue spalle?

«Non è fortuna la mia, anche se per ora mi fa comodo chiamarla così. Non trovo banconote sul marciapiede. Non vinco premi alla lotteria. Le cose che mi accadono sono mediamente improbabili, non miracolose: è come se, di fronte alla possibilità di andare male o bene, ogni fatto che mi riguarda scegliesse di andare bene. Ma che lei ci creda o no, non ne posso più»

Il singolare romanzo opera prima di Fabio Bacà si presenta sin dalle prime battute quale un elaborato che sa scuotere il lettore. Perché sin dai suoi presupposti di una fortuna sfacciata, chi legge è chiamato ad interrogarsi. Poi, man mano, la trama si evolve e raggiunge nuove dimensioni, nuove prospettive. Hanno inizio le riflessioni, hanno luogo molteplici considerazioni che portano alla ricerca del Karma e di poi alla verità assoluta che fa da perno allo scritto stesso.
Tuttavia, qualcosa non convince, qualcosa stona. E questa nota dissonante persiste in tutta la narrazione. Che sia per il linguaggio volutamente aulico e prolisso che tende a sfiancare e/o a far perdere di attenzione? Che sia perché intorno alla metà dell’opera dopo un inizio promette il testo assume come una battuta d’arresto? Che sia per un epilogo piacevole ma dissonante?
Nel complesso un libro interessante che incuriosisce, offre spunti di meditazione ma che arriva soltanto a metà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri