Carne Carne

Carne

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Sulla scena di un sontuoso e pacchiano matrimonio di provincia, con un tornado di personaggi, il lettore precipita subito in mezzo a una grande famiglia malavitosa che impera sulla immaginaria cittadina rivierasca di Porto Dattero (in un Sud Sardegna pure immaginario). A sposarsi è la figlia del patriarca ricco, rozzo e appena eletto Onorevole, malauguratamente legatasi a un drammaturgo fallito. Il boss, i familiari stretti, gli acquisiti e una banda di delinquenti più che altro da strapazzo, vivono un’esistenza tra affari sporchi (con la copertura di una agenzia di pompe funebri), cibi prelibati, omicidi, psichiatria, supremazie da imporre al meno derelitto di loro. Ma stanno comunque tutti insieme, falsamente amandosi e trescando per convenienza. In un caos sfavillante (ironico e dolente nello stesso tempo) signoreggia il sesso, ma non c’è sentimentalismo e neppure erotismo se non quello di un’immensa farsa delle carni. Così il romanzo di Neri rende il cinismo e i tempi nostri di vuoti esistenziali, e il Niente da colmare nelle più disparate maniere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Carne 2021-11-11 15:43:40 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    11 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I clown dal cuore spezzato

Romanzo spiazzante, dissacrante, politicamente scorretto, che si odia o si ama, ma che non lascia spazio per l’indifferenza. Prende già dalle prime pagine per l’ironia tagliente e i personaggi disagiati che popolano una squallida festa di nozze.
Tra simbolismi e ammiccamenti, l'autore alterna abilmente commedia, tragedia, farsa, esplorando i chiaroscuri del grottesco. Si parla di carne, e sarà carne stillante sangue senza misericordia, nonché lacrime e umori di ogni genere. Il dramma arriva di soppiatto, interrompendo, in una galleria (in realtà un po' affollata) di figure decadenti, una colonna sonora da operetta.
Si ride, sia per il linguaggio forbito alternato al triviale, asservito, si direbbe, alla descrizione di manie e perversioni, sia per le presunte competenze artistiche, filosofiche e psicoanalitiche sfoggiate dagli sgangherati protagonisti e messe inevitabilmente alla berlina. La prosa scorre animata e beffarda, e in ogni pagina si avverte l'urgenza del resoconto dettagliato, quasi si trattasse di una visione da rivelare - segno inequivocabile di una scrittura di qualità.
Non è sempre una lettura gradevole: a volte risulta urticante, scandalosa, persino oltraggiosa; è l'esistenza senza filtri, una melma del subcosciente che arriva a toccare la follia. E nella follia, si sa, non c'è logica, c'è solo verità. E' l'esaltazione smodata dei sensi o forse - parafrasando le parole del vescovo del borgo - “l'allegoria di un castigo biblico abbattutosi su una nuova Gomorra”?
Leggendo ci si sente, ad ogni modo, più inclini ad osservare che ad esprimere giudizi, un po' spettatori, un po' voyeur, e viene in mente un passo dal De Profundis di Oscar Wilde: "Tutto nella mia tragedia è stato orribile, mediocre, repellente, senza stile. Il nostro stesso abito ci rende grotteschi. Noi siamo i pagliacci del dolore. Siamo i clown dal cuore spezzato".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
La via del miele
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza