Narrativa italiana Romanzi Con le peggiori intenzioni
 

Con le peggiori intenzioni Con le peggiori intenzioni

Con le peggiori intenzioni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

L'epopea dei Sonnino, ricca famiglia di ebrei romani, dai tempi eroici dello sfrenato nonno Bepy e del suo socio Nanni Cittadini - la cui irriducibile competizione peserà in modo fatale sui rispettivi eredi - ai giorni assai meno grandiosi dello sgangherato nipote Daniel. Le avventure, gli amori, le ossessioni e i tradimenti degli eroi vitalisti degli anni Sessanta e dei loro rampolli dorati e imbelli, dei giovani e dei vecchi, delle famiglie antiche e dei parvenu, dei fortunati e dei falliti, si succedono di festa in festa, di scandalo in scandalo, in un romanzo spettacolare. Tutto è narrato dalla voce di Daniel, di questo "adolescente disperato", di questo "moralizzatore ipocrita, quest'incrocio tra Cromwell, Savonarola e Tartuffe".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Con le peggiori intenzioni 2014-08-09 21:03:20 Egas
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Egas Opinione inserita da Egas    09 Agosto, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se non la buttasse in caciara

Lettura piacevole, umorismo all'altezza di Roth, personaggi godibilissimi. Piperno avrebbe tutte le potenzialità per essere il più grande scrittore italiano vivente. Peccato sciupi a volte il suo talento per colpa di un desiderio spasmodico di esagerare e per colpa di una voglia quasi irrefrenabile di strizzare l'occhiolino a un lettore entusiasta. Si direbbe che tema di annoiare, temi la seriosità, perciò "la butta in caciara". Probabilmente il limite di Piperno è un limite, per così dire, dannunziano. Vorrebbe tenere sempre alta l'ammirazione del lettore verso la propria arguzia, il proprio virtuosismo. Ma così la struttura si disgrega. E quello che potrebbe essere un capolavoro si degrada in un libro godibilissimo ma pieno di difetti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Con le peggiori intenzioni 2008-06-18 20:04:28 Maristella
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maristella Opinione inserita da Maristella    18 Giugno, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Odio e amore

Devo dire,che è proprio “Con le peggiori intenzioni” che ho dato inizio alla lettura di questo libro,dopo aver letto i commenti e le recensioni dei lettori,commenti per la maggior parte oltremisura negativi e con sole poche voci di apprezzamento per lo piu’ fuori dal coro. Inaspettatamente mi sono trovata ,invece,trasportata,in uno dei libri piu’ ben scritti ed originali che io abbia letto ultimamente. Un romanzo,che racconta la sagra dei Sonnino ebrei della ricca borghesia romana,dagli anni ’60 fin quasi ai nostri giorni,che mi ha avvinto e trascinato,con la sua prosa ridondante e sofisticata, la sua esuberanza stilistica,la sua sofisticatissima aggettività .La sagra della paura,della vergogna ,di un epico nichilismo che tende all’annientamento o alla drastica svalutazione della realtà o di ampie parti di questa. In questa potenza di parole,prendono forma personaggi estremamente vivi ed eviscerati fino all’estremo, ognuno di essi ben plasmato e delineato dallo sguardo e dalla minuziosa elaborazione dell’IO narrante,in una sorta di scrupolosa ed accurata psicanalisi ed autoanalisi continua ed efficace per la comprensione dell’intima essenzialità di ognuno di essi.

Un libro che vale la pena di leggere,in quanto “caso letterario del momento”,per vedere,se non altro da che parte si sta: c’è li lo stronca e c’è chi lo ama incondizionatamente. Io sono tra questi ultimi,anche se posso capire le opinioni contrarie alla mia e giustificare il non gradimento di chi, non avvezzo all’abuso avverbiale ed aggettivistico,alla traslazione metaforica, al narcisismo espressionistico e alla intrinseca ed assoluta analisi dell’indole umana,si è perso nei meandri di pensiero ed intreccio,non riuscendo a ritrovare la strada dell’interesse per il contenuto. Un libro che lascia sicuramente il segno di un totale accoglimento o di un “apotropaico”(Aggettivo piperniano dall’autore molto amato ed usato) rifiuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri