Narrativa italiana Romanzi Cronaca di lei
 

Cronaca di lei Cronaca di lei

Cronaca di lei

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Lei, la ragazza, è un’aspirante modella che si guadagna da vivere come può. Lui, Milo One Way Montero, è un pugile che conosce una sola direzione, andare avanti, e che andando avanti ha conquistato il titolo di campione del mondo. I due si incontrano, si annusano, si perdono. Quando si ritrovano, lui porta sulle spalle il peso di una bruciante sconfitta e di un’operazione all’occhio che lo ha reso più fragile; lei sembra pronta a farsi custode di quest’inedita fragilità. Parlano la stessa lingua, una lingua fatta di corpi che si intrecciano, di frasi scarne, ma soprattutto di gesti: lei copre con la mano l’occhio di lui, lui fa altrettanto con quello di lei. “Mi vedi?” si chiedono. E finché continuano a vedersi – malgrado le paure di lui, malgrado l’inafferrabilità di lei – il resto è solo rumore di fondo. Ma quel rumore c’è, e interferisce. C’è la provincia post-industriale italiana che Milo si è lasciato alle spalle. C’è il grande ritorno sul ring da preparare con il sostegno di un intero clan. E c’è Irene, la sorella di Milo, che gestisce l’impero economico nato attorno al brand One Way, ed è pronta ad andare contro chiunque minacci di ostacolarla o anche soltanto di intromettersi. A osservare il clan Montero, Leo Ruffo, giovane scrittore ingaggiato da Irene per raccontare la vita del campione. E il biografo allora diventa confidente, testimone di quanto accade dentro e fuori dal ring. Ma da che parte stare? Da quella di Irene, disposta a tutto pur di tenersi stretti la ricchezza e i privilegi faticosamente conquistati? O da quella della ragazza, che adesso cerca redenzione e giustizia attraverso la vendetta?

Recensione della Redazione QLibri

 
Cronaca di lei 2017-09-07 11:30:27 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    07 Settembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lei, Lui, loro.

«La ragazza allora si copre un occhio, e copre il suo. Mi vedi? Si»

Lui è Milo, “One Way”, Montero, un pugile fortemente indebolito da un intervento invasivo ad un occhio; intervento a seguito del quale ha perso lo sprint, il coraggio, l’energia, ha perso la tenacia di (e per) combattere. Eppure, quel soprannome, non è mai stato casuale. Egli era “One Way” perché non arretrava mai, al massimo poteva fare un passo indietro per saltare addosso e far male, per far sentire che c’era, perché c’era (e c’è) solo la strada dell’andare avanti, mai all’indietro. E lui, piuttosto che intraprenderla questa seconda via, era disposto a tornare nello spogliatoio senza grugno. Era, ma è ancora “One way”, deve solo ricordarlo, deve solo volerlo ricordare.
Lei è una modella, di dubbia moralità, disposta a scendere a compromessi, ove necessario, che non resiste alla chiamata di Montero. Irene, la sorella di quest’ultimo, ha un unico obiettivo ed interesse: LA TUTELA DEL PATRIMONIO E DELLA RICCHEZZA CONSEGUITA GRAZIE ALLE VITTORIE SUL RING. Affinché la posizione di agio e privilegio sia mantenuta, è disposta a tutto. Non manca, a tal proposito, di farlo presente a Lei. Non manca, a tal proposito, da farlo presente a lui. E’ essenziale che torni a combattere e a schiacciare i suoi nemici, così come che accetti di collaborare alla stesura della sua biografia. Compito, quest’ultimo, che è affidato a, Leo Ruffo, giornalista/scrittore, omosessuale, in attesa dello scoop che gli consenta nuovamente di “cavalcare l’onda”.
Sullo sfondo, giochi di potere, ostentazioni di ricchezza, droga, sesso, alcool, tatuaggi e LA VENDETTA. Eh sì, perché in un mondo quale quello descritto e delineato dalla penna di Mari, non poteva mancare questo carattere. Perché si sa, c’è sempre un qualche motivo che può indurla e se questo è determinato dall’aver violato l’integrità di una persona esterna alle vicende, non vi si può passare sopra, occorre necessariamente ricorrervi per ottenere giustizia, per avere redenzione dalla colpa indiretta.
Ovviamente, ad ogni azione corrisponde una reazione, che, anche in questo caso, non mancherà a tardare. Ma quale strada intraprenderanno i protagonisti? E Leo Ruffo, che è chiamato come il lettore ad osservare le vicende del clan, che è investito della veste di confidente e testimone, da quale parte deciderà di stare? Da quella di Irene? Da quella di Lei? Da quella di Montero?
Attraverso la scelta di un linguaggio rude, scarsamente fluente e caratterizzato da periodi brevi composti da termini poco eruditi che spesso confluiscono in volgarità sia sintattiche che contenutive, l’autore dà vita ad una storia che non può essere che definita spietata perché da nulla risparmia e da nulla esenta il lettore. Questo passa da stati di disturbo, a fasi di consapevolezza, a fasi di quasi abbandono, a fasi di auto-interrogazione sulla finalità del componimento, a constatazioni del caso. Perché è vero che il libro arriva, ma poteva essere raggiunto il risultato anche con meno, soprattutto in considerazione della relativa originalità della trama (che può sostanziarsi nella narrazione delle vicende del classico “pugile perduto” e della modella “sfruttata” e di poi in cerca di rivalsa, personaggi attorno ai quali si insinuano i consueti riti dei potenti) e della presunta sfera filosofica/meditativa che si vuol introdurre mediante lo strumento del vedo/non vedo ricollegato all’occhio sano/malato.
La conseguenza di questa mia personalissima impressione è che, o si entra subito in simbiosi con l’elaborato, o al contrario, se ne resta assolutamente indifferenti, faticando, non poco, ad andare avanti.
Ultima nota, non guasterebbe una revisioncina all’editor. Nel testo sono presenti errori evitabili con una più accurata analisi.

«E’ il fatto di vedere, insomma, e prima dell’intervento non ci avevo mai pensato. Ma quando sono tornato sul ring per quel match di beneficenza l’ho capito. Sono diventato campione europeo e mondiale senza vedere bene i colpi che mi tiravano. Semmai li sentivo. Gli ultimi che ho visto bene sono quelli che ho dovuto prendermi per vincere il titolo italiano tanti anni fa. Invece dopo gli interventi ho ricominciato a vederli benissimo. Vedo la velocità e il peso che si portano dietro, la forza del mio avversario e il resto, tutto quanto. Non c’ero più abituato. E’ stato come svegliarsi dopo una lunga notte da sonnambulo. Ma alla fine andiamo tutti incontro alle cose.» p. 91-92

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mio romanzo viola profumato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orrore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Fa troppo freddo per morire
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il presidente è scomparso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo Catalanotti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tu che sei di me la miglior parte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cattiva
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Lady Las Vegas
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I formidabili Frank
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri