Narrativa italiana Romanzi Di Ilde ce n'è una sola
 

Di Ilde ce n'è una sola Di Ilde ce n'è una sola

Di Ilde ce n'è una sola

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In luglio a Bellano fa un caldo della malora. L’aria è densa di umidità e il cielo una cappa di afa. Eppure l’acqua che scorre rombando tra le rocce dell’Orrido è capace di tagliare in due il respiro, perché è fredda gelata, certo, ma anche perché nelle viscere della roccia il fiume cattura da sempre i segreti, le passioni, gli imbrogli, le bugie e le verità che poi vorrebbe correre a disperdere nel lago, sempre che qualcuno non ne trovi prima gli indizi. Come per esempio una carta d’identità finita nell’acqua chissà come e chissà perché. Brutta faccenda. Questione da sbrigare negli uffici del comune o c’è sotto qualcosa che compete invece ai carabinieri?



Recensione della Redazione QLibri

 
Di Ilde ce n'è una sola 2013-10-29 14:28:53 antonelladimartino
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    29 Ottobre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL GIOMETRA PERSO NEL RICORDO

No, non è un refuso. Andrea Vitali ha scritto proprio così: giometra. Non a caso l’autore gioca con questo neologismo molti capitoli: la storpiatura del sostantivo costituisce una precisa scelta stilistica e un astuto espediente narrativo, utile per dipingere la maschera di un personaggio e la sua meschina anima borghese.

Lessico colloquiale; frasi brevissime spezzate per aumentare l’enfasi; ritmo lento anzi lentissimo per inseguire i personaggi da vicino e studiare la loro vita, come un entomologo studia le formiche. Se il grande antropologo Claude Lévy-Strauss sosteneva che l’uomo va studiato come si studiano le formiche, l’autore sembra aver imparato la lezione, trasformandola in una narrativa che mette sotto la lente d’ingrandimento i minimi gesti, le espressioni, le caratteristiche ambientali in cui si muovono i nostri scarafaggi, dotati di una varia ma non stupefacente umanità.

Nei personaggi di Vitali l’essenza sembra precedere l’esperienza: c’è chi nasce con un “caratterino pieno di aghi”, chi “con i maccheroni in testa”, chi con le scarpe da lavoro ai piedi, chi “giometra”, inesorabilmente attratto dalle figure nello spazio. Non si tratta di essenze definite, intendiamoci: le stesse note possono comporre infinite canzoni.

Questo romanzo racconta l’Italia piccola, quella della profonda provincia, quella dei primissimi anni settanta che somiglia, nei problemi e nelle ossessioni, alla stessa che si è trascinata fin qui oltre i duemila: abbiamo passato la soglia da un pezzo, perdendo i pezzi. I decenni sono svaniti, ma i soliti ritornelli sono rimasti: nascono dalle note dei nostri genomi e dalla cultura del nostro paese; suonano provinciali anche nelle città più grandi, figuriamoci nei piccoli centri. E così, tra un sorso di rosso e una forchettata di brasatino, le miserie e le prevaricazioni e i ricatti e le furbizie e le incomprensioni dei rapporti tra i diversi sessi, età e classi sociali sfilano sornioni, sotto la solita spessa lente d’ingrandimento.

Mentre l’autore segue il cammino delle sue formiche con tenera ironia, il mistero della carta d’identità si risolve e si dissolve in un fine quasi lieto, nella tranquillità di una caldissima estate. Andiamo a vedere come va a finire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
lo stesso autore, romanzi contemporanei, romanzi che parlano nella nostra piccola Italia.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Di Ilde ce n'è una sola 2014-07-07 14:44:21 Tanu
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    07 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Giometra marpione

Come al solito le letture di Vitali scorrono gradevoli e sotto l'ombrellone l'ho divorato in una giornata sola. L'autore ci racconta una storia che si evolve intorno ad una carta di identità smarrita e ci fa riflettere su come gli eventi prendano pieghe diverse a seconda dei personaggi che incrociano un oggetto qualsiasi... O forse non proprio qualsiasi. Ed allora inizia la caccia alla proprietaria di detta carta e i vari protagonisti scendono in campo con le loro debolezze, le loro meschinità, le loro indolenze finché l'Oscar viene a contatto con quel marpione del Giometra Berghetti con cui giocherà una lunga metaforica partita a scacchi tra piatti della tradizione e rosso di quello buono.
Simpatica lettura,Vitali ha senz'altro scritto cose migliori ma noto una piccola ripresa rispetto ad alcuni recenti scivoloni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri di Vitali
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Di Ilde ce n'è una sola 2014-02-09 13:42:17 MATIK
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    09 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di Ilde ce n'è una sola.

Tanto prima o poi la verità viene a galla...
Un giorno afoso di luglio, un ragazzino va al fiume ed all'improvviso vede una bella farfalla, la insegue con grande curiosità, alla fine scopre che non si tratta affatto di un insetto dai mille colori, ma di una carta d'identità senza fotografia la consegna in famiglia e da qui si dipana la piccola storia ricca di malintesi, equivoci e bugie tipica della penna di Andrea Vitali, questa volta un po' spento ed insipido rispetto ad altri suoi romanzi dove ci ha abituato a personaggi più marcati ed a vicende molto divertenti, ironiche e sarcastiche.
E' un libro che mi ha lasciata insoddisfatta e delusa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Eviterei...inconcludente!
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Di Ilde ce n'è una sola 2014-02-08 17:02:42 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    08 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attenzione a non scambiare le carte di identità...

Andrea Vitali, il prolifico (in senso letterario) medico di base di Bellano, ridipinge il microcosmo bellanese mettendo questa volta in risalto le disavventure di una coppia, anonimo operaio lui, impiegata più gratificata ma insoddisfatta lei nella stessa ditta ove lavora il marito : il fattaccio avviene quando lei si concede una botta di vita, accetta l’invito di un bellimbusto locale con seguito di pranzo e toccata e fuga in motel. Il diavolo, si sa, fa solo le pentole : avviene un fortuito scambio di carte di identità e da qui nasce una serie di equivoci, che coinvolgono un bambino ignaro in visita all’orrido di Bellano, un postino, un’impiegata del Comune, il segretario dello stesso ed il solerte comandante della locale stazione dei Carabinieri. Morale : il marito, con la smarrita e ritrovata carta di identità della moglie (senza foto, però) sospetta, vaga all’insaputa della stessa da un ufficio all’altro, si rode cercando di ritardare l’ineluttabile scoperta dell’amara verità ( ha in mano infatti la carta di identità della moglie priva di foto : ma è evidente che “ di Ilde, ce n’è una sola “, come recita il titolo del romanzo!) e, infine, per amore del quieto vivere e della pace coniugale, rimette le cose a posto con un abile sotterfugio. La vivace e spensierata Ilde non si accorge di nulla, la vita continua : lui, il marito cornuto e paziente, lei, la disinvolta Ilde, proseguono il loro ménage tra picche e ripicche, nella reciproca sopportazione. Come di consueto, Vitali manovra magistralmente i suoi personaggi, con un linguaggio essenziale, scarno, fatto di battute paesane e di riflessioni argute. Il suo stile, apprezzatissimo dalla critica, è ormai ben collaudato ed è forse unico nel panorama attuale della narrativa italiana. I personaggi e gli ambienti (siamo intorno agli anni ’70) sono messi a fuoco con pochi tocchi essenziali : emerge una vita di paese ancora genuina, che vive e prospera sui piccoli eventi della vita quotidiana, sulle mutazioni del tempo, sulla sottintesa speranza in una vita migliore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri