Narrativa italiana Romanzi Due sirene in un bicchiere
 

Due sirene in un bicchiere Due sirene in un bicchiere

Due sirene in un bicchiere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Al b&b delle Sirene Stanche - quattro stanze su un'isola del Mediterraneo nascoste dietro a un portone turchese, una cucina sempre in movimento e una grande terrazza sul mare - non si arriva per caso. Non è in nessuna guida turistica né lo si prenota online o con un'agenzia di viaggio: bisogna scrivere una lettera e motivare la propria richiesta, e poi attendere che una busta azzurra con il simbolo di una sirena giunga a confermare il soggiorno. Lo sanno bene Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara, i cinque nuovi ospiti che approdano sull'isola per una vacanza detox che promette di rimettere in forma corpo e anima, e di aiutarli a trovare le risposte che cercano. Ad accoglierli ci sono Dana, trent'anni e la voglia di migliorare la vita di tutti con un po' di yoga, meditazione e i suoi celeberrimi centrifugati bio, e Tamara, pittrice di mezza età che ama il mare, il silenzio e la solitudine del suo atelier. Insieme gestiscono la locanda offrendo sessioni di yogaterapia, arte, cucina, chiacchiere e tanto relax, lontano da cellulari e tecnologia. Ma cosa succede quando il passato irrompe scardinando il presente? Da cosa e da chi si nasconde Tamara, tanto da non lasciare mai l'isola? E chi sono Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara? Sono davvero chi dichiarano di essere o mentono, prima di tutto a se stessi? Tra giornate di sole, avventure e una nottata drammatica che tiene tutti con il fiato sospeso, gli ospiti del b&b trasformeranno la loro vacanza in una tregua necessaria in cui riscoprire chi sono e chi vogliono diventare, perché «quello che succede è l'unica cosa che sarebbe potuta accadere» e «il momento in cui qualcosa avviene è sempre quello giusto».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Due sirene in un bicchiere 2019-07-27 22:38:55 marinablu
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
marinablu Opinione inserita da marinablu    28 Luglio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IN QUELL'ISOLA CHE E' IL CUORE

“Tutti, prima o dopo, hanno bisogno di una locanda della tregua. Di un luogo che accolga quello che ci portiamo addosso: ferite, sensi di colpa, rimpianti, disperazioni, dolori, indecisioni, rimorsi, perdite, paure. Un posto dove il tempo si fermi accanto a noi per sostenerci, senza sfidarci, incolparci o incalzarci. Dove non ci sono ieri e nemmeno domani. Soltanto una lunga riga di oggi, di adesso, di ora in avanti”.
Lo scenario è l’isola di Gozo, le prime descrizioni ci portano a un luogo con ha i colori caldi della terra, un mare azzurro, la maestosità delle scogliere, i pomodori esposti al sole a seccare, il profumo dei campi di finocchietto selvatico, un’aria che porta con sé un calore piacevole, quel caldo che fa bene e lì è situato il B&B delle Sirene Stanche, ad accoglierci ci saranno Dana e Tamara che, come spesso avviene nei romanzi, sono due personalità diverse ma che ben si compensano tra loro, cinque saranno i prescelti ospiti (…e nostri compagni di viaggio) di questa “locanda della tregua”, il tempo di permanenza sarà di dieci giorni: tre giorni per piangere, tre per guarire, tre per gioire…e uno per far festa.
Tra i personaggi che popolano questo racconto qualcuno non sa più chi è, qualcuno finge di essere chi non è e qualcuno deve accettarsi per quel che è…
E’ uno di quei romanzi che quando sta per finire un pò ti dispiace, la scrittura è lieve e intima, oserei dire è una carezza, il messaggio però arriva dritto e chiaro: è necessario vivere e non sopravvivere, il primo luogo dove puoi stare bene, la prima isola di pace è dentro di te. E’ un libro che, come una brezza leggera, con delicatezza sussurra al cuore e invita a comprendere che in fondo non c’è viaggio più bello se non il viaggio alla riscoperta di noi, del nostro amor proprio, del rispetto verso noi stessi, un viaggio che ci porta all’accettazione scevri da ogni forma di giudizio o colpe, un viaggio la cui meta è trovare un contatto con la parte più intima e vera di noi stessi.
Piacevolissima la straordinaria capacità descrittiva dell’autrice, giusto un cenno “ Il cielo sosteneva il telo nero della notte con l’aiuto dei chiodi delle stelle. La luna, invece, non si sarebbe presentata ma, al posto suo, ci sarebbero state le lanterne. Intanto c’erano i falò, che decoravano la spiaggia come candeline su una torta di mandorle sbriciolate, le fiamme sotto i barbecue, le luci sparate dai generatori, le lucciole dei cellulari”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Due sirene in un bicchiere 2019-07-21 18:31:24 ombraluce
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    21 Luglio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN POSTO PER RITROVARSI

Delizioso romanzo che ha il potere di staccare da tutto, facendoci entrare un, passettino alla volta, nelle vite dei suoi protagonisti e appassionandoci alle loro vicissitudini.
Un'oasi di pace nascosta dietro a un portone turchese, in cui ciascuno può riconoscersi e ritrovare sé stesso…. Come sarebbe bello se esistesse davvero un posto così, che anziché la pubblicità su internet e agenzie si avvalesse soltanto della motivazione che spinge ciascuno a volervi soggiornare, ovviamente scritta su carta da lettere e accettata dopo insindacabile giudizio delle addette alla gestione! Solo la voglia di fermarsi, di capire ,di ritrovarsi per poi riprendere serenamente e consapevolmente il cammino della propria vita, riconoscente per sempre verso quel mare tranquillo e tempestoso che riflette le onde della nostra esistenza….Ed è questo percorso che fanno i cinque ospiti del B &B, insieme alle due gerenti e a quel paesaggio mediterraneo che sembra di respirare mentre si legge…. e non rimane altro ,alla fine, che tanta nostalgia per quel profumo di mare e di vita, e tanta, tanta voglia di scoprire questa magica isoletta di Gozo…….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri